Come Fotografare la superluna (e vederla)

0
225

La notte tra il 9 ed il 10 marzo sarà la notte della “superluna”. E’ la seconda volta, in questo 2020, che potremo vedere la Luna dalle dimensioni molto superiori al normale (la Luna sarà all’incirca più grande del 7% rispetto al normale): dobbiamo solo attendere le 18 di questa sera. Ovviamente non sarà proprio facile vederla: a parte chi potrà approfittare di balconi o terrazzi, le limitazioni del Governo Italiano in termini di protezione dal Coronavirus (qui il decreto) non ci permettono di spostarci in zone più vantaggiose, dal punto di vista del panorama. Ma come fotografare la superluna, o anche banalmente vederla?

La soluzione più semplice (anche se solo…virtuale) è usare il sito web di Virtual Telescope: trattasi di un progetto che permette di controllare via Internet una serie di telescopi robotici. Certo, non è come vedere l’immagine diretta, ma comunque è una straordinaria esperienza astronomica.

fotografare la superluna
Photo by Labarbo on Pixabay

Come vederla

Dalle ore 17.30 del 9 marzo, collegandosi sil sito del progetto si Virtual Telescope, si potrà vedere la diretta da Roma, con tanto di commento dell’astrofisico Gianluca Masi che fornirà descrizioni e informazioni circa il nostro astro, a partire dal nome di questo fenomeno (luna piena al perigeo): non serve infatti dire che superluna è solo un “soprannome” creato coniato dall’astrologo Richard Nolle nel 1979.

Per la precisione, la massima dimensione sarà raggiunta alle 18.48, momento in cui la Luna sarà al perigeo, ovvero si troverà alla minima distanza dalla Terra, appena a a 357.404 chilometri, molto meno della distanza media che è di 384.400 chilometri.

Come fotografare la superluna

Per maggiori dettagli vi rimando al nostro articolo su come fotografare la luna e allo speciale sulla fotografia astronomica. In ogni caso ecco una serie di consigli che potreste seguire:

Attrezzatura

L’attrezzatura necessaria è composta da: fotocamera dslr, obiettivo desiderato (grandangolo, teleobiettivo, teleconvertitore), treppiede robusto, una testa (idealmente una testa cardanica), cavo di scatto a distanza.

Il treppiede

Quando si arriva sul posto, posizionare il treppiede proprio nel punto di ripresa previsto e assicurarsi che sia stabile.

Disattivare la stabilizzazione dell’obiettivo

Se il vostro obiettivo include una funzione per stabilizzare le vibrazioni durante le riprese a mano, disabilitatelo. Poiché utilizzerete un treppiede, questa funzione potrebbe cercare di compensare le vibrazioni che non esistono e offuscare le vostre immagini. Non volete ottenere una luna sfocata dopo tutta la pianificazione, giusto?

Inoltre, utilizzate un cavo o un dispositivo di scatto a distanza per evitare il tremolio della fotocamera causato dalle vostre mani. Allo stesso modo, vi consiglio di attivare l’opzione Ritardo di Esposizione / Blocco dello Specchio per evitare un possibile tremolio della fotocamera causato dallo schiaffo dello specchio prima dell’esposizione.

Infine, se non si dispone di un remotizzatore di scatto  o lo si è lasciato a casa, impostare la fotocamera su un timer. In questo modo si eviterà anche il tremolio della fotocamera causato da entrambe le mani e dallo schiaffo allo specchio.

Rimuovere il filtro UV

I filtri ultravioletti (UV) sono ottimi per proteggere l’obiettivo, ma non è necessario un bicchiere in più sull’obiettivo per questo scatto. Toglietelo!

Fotografare la superluna – Scatto in RAW

Spara sempre in RAW. Questo formato di file immagine consente di utilizzare i dati immagine registrati dal sensore della telecamera per produrre immagini di qualità superiore rispetto al JPG.

Scatto in manuale

Lo scatto in manuale vi dà il controllo totale dell’esposizione regolando a vostro piacimento la velocità dell’otturatore, l’apertura e l’ISO.

Lunghezza focale

La composizione desiderata determina la lunghezza focale da utilizzare. Se si desidera catturare il maggior numero possibile di paesaggi, mentre si ottiene una piccola luna, si deve scegliere una lunghezza focale breve (8-35 mm). Se avete un soggetto in primo piano a cui volete dare importanza, avvicinatevi ad esso.

Al contrario, se volete catturare una grande luna rispetto all’inquadratura e al soggetto, usate una lunghezza focale di 400mm, 500mm (o più, usate un teleconvertitore se necessario) e allontanatevi dal soggetto. Quale distanza esattamente? Dipende dalla dimensione della luna che si desidera. .

Esposizione: ISO, velocità dell’otturatore e apertura

Il tempo di ripresa che avete pianificato vi darà anche l’elevazione del sole e, quindi, le condizioni di luce che avrete e l’esposizione di cui avrete bisogno. Le condizioni di luce naturale determinano la luminosità della luna rispetto al paesaggio.

Quando è troppo buio (elevazione del sole al di sotto di -6°), la luna è molto luminosa e il paesaggio molto scuro. Da un lato, se si espone per il paesaggio, si ottiene una luna sovraesposta. La luna apparirà come un cerchio bianco nella foto. Dall’altro lato, se si espone per la luna, si otterrà un paesaggio sottoesposto (ideale quando si scattano sagome di luna piena).

Se la vostra intenzione è quella di avere sia la luna che il paesaggio correttamente esposti, avete due opzioni: scattare due esposizioni e poi fonderle o scattare durante l’ora d’oro o l’ora blu (approfittando delle luci della città per illuminare il primo piano).

C’è un’altra possibilità. Se si dispone di una fotocamera che permette di scattare più esposizioni, allora, si può ottenere in fase di post produzione l’immagine in un unico RAW montando insieme le varie foto.

A parte l’elevazione del sole (la luce che avrete), dovrete tenere conto del fatto che la luna si muove rapidamente nel cielo, quindi dovrete usare un tempo di posa veloce per evitare di catturare l’inseguimento della luna.

Impostazioni di esposizione consigliate:

  • Apertura: f/8 o più ampia, come f/5 o f/5.6, a seconda della quantità di luce disponibile (meno luce).
  • Velocità dell’otturatore: tra 1/200 e 1/8.
  • ISO: Partite da un valore basso di ISO 100 o 200 e salite  a seconda delle condizioni di luce.

Le app di aiuto

Vi serve aiuto per preparare lo scatto? Niente paura, date un occhio al seguente sito: https://www.photopills.com/. Vi aiuterà sotto tantissimi aspetti, anche compositivi