Come fotografare la Luna

6609

La luna è uno degli oggetti più fotografati: mistero, romanticismo, curiosità, sicurezza, calma, pace…essa riesce a generare in noi una marea di sensazioni positive. E proprio per questo è spesso utilizzata nelle pubblicità. Fotografare la luna non è complicato, anzi. Sono abbastanza pochi gli accorgimenti necessari.

come fotografare la luna
Bessi / Pixabay

Prospettiva

Prima di tutto, per fotografare la luna, dobbiamo ricordarci che la luna bianca contro il cielo nero inganna i nostri occhi: la nostra concezione prospettica è sballata e ce ne renderemo conto solo una volta visualizzata la fotografia a video (la luna è più piccola di quanto noi immaginiamo, soprattutto quando siamo in un ambiente senza punti di riferimento).
Questo inganno visivo pesa tanto più quanto più la luna fa da contorno alla fotografia: l’orizzonte del mare con il riflesso della luna e la “palla bianca” su nel cielo ci potrebbe tremendamente deludere su di un monitor e la luna potrebbe apparire grande anche meno della metà di quanto abbiamo visto dal vivo.
Come risolvere? Semplice: focale lunga. Invece di riprendere una grande parte dell’orizzonte, limitiamoci nella sua dimensione. Considerando che il “resto” della foto è molto scuro, usando una focale lunga andremo a ricreare l’inganno (la compressione prospettica fa il suo lavoro!)
come fotografare la luna
adege / Pixabay

Obiettivi

Una buona focale potrebbe essere un 85 o un 100mm. Se non l’avete e non volete spendere un patrimonio per acquistare un nuovo obiettivo, guardate ai moltiplicatori di focale: questi “tubi” hanno costi abbastanza irrisori.

Occhio a cosa volete fotografare: vi interessano mari, i grandi crateri, le raggiere o anche le semplici eclissi di luna? Vi serve un tele o super tele, da 200 a 500mm. Io con un catadiottrico ed un moltiplicatore di focale 2x sono riuscito ad ottenere dei risultati realmente spettacolari!

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Esposizione

Non stiamo facendo una foto notturna. Ricordate questo e riuscirete a fare delle belle fotografie: la luna è un oggetto particolarmente brillante soprattutto se occuperà buona parte della nostra scena. Questo è un bene (vedremo dopo per i tempi) ma un male per il fortissimo contrato che la luna ha con il resto della scena, soprattutto se NON occupa la maggior parte della scena. Cosa facciamo con l’esposizione? Mediare significa velare di grigio la luna e schiarire il cielo, puntare sulla luna significa avere tutto il resto nero pece, puntare sul cielo significa avere una palla bianca al posto della luna.
La soluzione è nella post produzione: si fanno due foto, una della luna (quindi ce ne freghiamo del resto), l’altra del resto (quindi ce ne freghiamo della luna). Photoshop in pochi secondi sommerà le foto e vi farà ottenere il risultato cercato.
come fotografare la luna
PeterDargatz / Pixabay

Tempi

La luna è un soggetto chiaro: il tempo è molto corto…addirittura da permettervi l’assenza di cavalletto (ve lo sconsiglio vivamente). 1/100 o 1/200 potrebbero andare bene, a seconda della serata (e quindi di quanto è pulita la luna), dell’obiettivo e ovviamente degli ISO che avete scelto
come fotografare la luna
Lee_seonghak / Pixabay

ISO

c’è poco da dire: vogliamo una luna esente da rumore. ISO 100, non uno step di più.

Diaframma

troppo aperto significa perdere dettagli , troppo chiuso anche. fare un po’ prova, in ogni caso lavorerete con un diaframma chiuso, diciamo superiore a f/10 (ipotizzando un teleobiettivo, ovviamente).

Che altro?

cavalletto e scatto remoto, a filo o a radiofrequenza: è fondamentale se dobbiamo prendere due fotografie. Non dimentichiamo una messa a fuoco su infinito ed uno scatto possibilmente in RAW dovendo passare poi in post produzione. Non dimenticate di controllare il meteo!