La sensibilità ISO

4916

ISO è l’acronimo di International Standards Organization. La sensibilità ISO, la velocità dell’otturatore e apertura del diaframma sono i tre elementi che determinano l’esposizione finale dell’immagine fotografica. Il valore  ISO, che varia generalmente tra 25-6400 (o oltre per alcune reflex di alto livello) , indica la sensibilità specifica alla luce: più basso è il numero, meno sensibile è il sensore alla alla luce. Viceversa , un numero più elevato indica una maggiore sensibilità alla luce, consentendo in tal modo al sensore di lavorare meglio in condizioni di scarsa illuminazione .

Sensibilità ISO e rumore nell’immagine

Sulle vecchie pellicole, valori di ISO bassi significava che i grani di sali fotosensibili sulla pellicola erano molto piccoli,il che permetteva di ottenere un’immagine più agevole, un’immagine più pulita. Ad ISO maggiore corrispondevano grani più grandi il che si traduceva in un’immagine più “ruvida”, sgranata. I grani di sali più piccoli però, al contrario di quelli più grandi, avevano bisogno di più luce per poter ossidare e quindi creare l’immagine finale. Nella fotografia digitale vale più o meno la stessa logica ma con un procedimento completamente differente: il sensore, a qualunque valore di ISO, cattura la stessa quantità di luce. Successivamente, i valori elettrici in cui il sensore converte la luce, vengono “moltiplicati” per il valore ISO impostato. Il problema è che il segnale elettrico generato dal sensore non è relativo totalmente alla luce che colpisce il sensore stesso ma ha una componente di “rumore”. Rumore che è generato dalla circuiteria elettronica, dalla temperatura del sensore stesso ed altri fattori. Quando si va a moltiplicare il segnale elettrico proveniente dal sensore, si va quindi a moltiplicare (ampliare) sia la componente derivata dalla luce (l’immagine reale) sia la componente derivata dal rumore. Maggiore è il fattore di moltiplicazione (il valore ISO), maggiore sarà la quantità di rumore presente nell’immagine e maggiore sarà il numero di quelle chiazze multicolori nelle ombre e nei mezzitoni dell’immagine finale.

sensibilità ISO e rumore
All’aumentare del valore ISO aumenta il rumore dell’immagine. Copyright ExposureGuide (https://goo.gl/qd6k7O)

Velocità ISO vs Movimento

Minori valori di ISO producono colori accurati, immagini fluide ed esteticamente accattivanti…ma questo richiede condizioni di luce ideali. Tuttavia, ci sono alcuni soggetti che si desidera fotografare in condizioni di scarsa illuminazione. Inoltre, si può decidere di fotografare oggetti in rapido movimento (un colibrì , un cavallo da corsa, un carosello, un’auto): anche in questo caso è fondamentale poter godere di una condizione di luce ideale se si vuole poter incrementare la velocità di scatto. Se la luce non è sufficiente, la soluzione è quella di incrementare il valore ISO in quanto, con gli ISO più alti, è possibile utilizzare una velocità dell’otturatore più alta e quindi eliminare motion blur e/o le vibrazioni della fotocamera. Ovviamente fate sempre attenzione a quanto spingiate in su il valore ISO: il rumore è sempre in agguato.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Velocità ISO vs Dimensione sensore

La dimensione del sensore della fotocamera digitale determina quale impostazione ISO fornisce la minor quantità di rumore digitale. Si deve capire che la dimensione del sensore non è la stessa cosa del numero di pixel. Le dimensioni del sensore sono le dimensioni fisiche del sensore stesso: nelle fotocamere “point & shot” il sensore è piuttosto piccolo (siamo a dimensioni pari a quella di un’unghia) mentre nelle reflex half frame il sensore ha la dimensione della pellicola APC (23x15mm). Infine, nelle reflex digitali full frame, la dimensione del sensore raggiunge la dimensione del fotogramma usato nelle macchine fotografiche non digitali, ovvero 35mm. I sensori più piccoli producono molto più rumore digitale ad ISO più alti (giù da una sensibilità ISO di 800), soprattutto a causa l’elevato numero di pixel posizionati sul sensore stesso: sensori piccoli hanno un’altissima densità di pixel, il che è un male. Al contrario, su sensori full frame il numero dei pixel è probabilmente uguale a quello trovato nelle point & shot ma sono sistemati su un sensore decisamente più grande e quindi il sensore di una reflex presenta una densità decisamente più bassa, il che è un bene. Sui sensori full frame, inoltre, i pixel sono più grandi e quindi più sensibili alla luce: ciò significa che un sensore di una reflex full frame è in grado di catturare molta più luce di una point & shot (per dare una misura, potremmo dire che una reflex full frame riesce a raccogliere la stessa quantità di luce che si otterrebbe con una sensibilità ISO di 800 su una point & shot) senza generare (o quasi) rumore.

Dimensione del sensore

Qualità dell’immagine e sensibilità ISO

E’ importante ricordare che più basso è il valore ISO migliore è la qualità dell’immagine finale. Usare un ISO elevato, si traduce in un’immagine sgranata (più rumorosa). Aumentare la sensibilità ISO influisce negativamente sulla qualità dell’immagine in due modi:

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

  1. La distinzione tra piccoli dettagli è molto ridotta.
  2. Quando si ingrandisce l’immagine per fare stampe digitali o quando si salva l’immagine come jpeg (che ha un alto livello di compressione), l’elevato livello intrinseco di rumore digitale si tradurrà in una immagine “fangosa ” e piena di puntini colorati nelle aree scure.

Impostazioni consigliate

Come abbiamo detto, minore è la sensibilità ISO, più pulita e “migliore” sarà l’immagine finale. Immagini con sensibilità ISO bassa hanno inoltre colori accurati ed esteticamente sono più accattivanti. Un valore ISO tra 100 e 200 vi darà i migliori risultati ed in funzione della dimensione del sensore nonché del numero dei pixel si può incrementare la sensibilità senza incrementare significativamente il rumore globale. Nel caso delle reflex digitai di alto livello (come la Nikon D800), è possibile spingersi senza alcun problema a 800 ISO o anche a 1600 ISO, anche grazie ad una migliore progettazione del sensore stesso. In ogni caso, prima di incrementare la sensibilità ISO, il suggerimento è quello di cercare di capire se è possibile incrementare la quantità di luce nella scena sia usando fonti naturali (finestre) sia usando delle lampade o dei flash.