Sensore full frame vs crop | Qual è il migliore?

0
68

Vi siete mai chiesti quale sia la migliore: le telecamere a pieno formato o le telecamere a sensore per il raccolto? sensori Full-frame vs crop è un dibattito comune.

Ci sono un bel po’ di informazioni (errate) là fuori: il full-frame è “migliore”, per esempio. Avendo utilizzato quasi tutti i sistemi (full-frame e crop), mi sono reso conto che entrambi hanno molto da offrire. Quindi, se il full-frame vs. crop è una questione che riguarda il primo acquisto di una telecamera, diamo un’occhiata ai vantaggi e agli svantaggi delle dimensioni di ogni sensore.

Che cos’è un sensore della fotocamera?

Il sensore di una fotocamera è l’equivalente digitale della pellicola. Esso è costituito da milioni di foto siti che registrano e registrano la luce in entrata.

È da qui che proviene il conteggio dei megapixel (MP) della fotocamera. Un sensore da 24 MP ha 24.000.000 di singoli fotositi o pixel: più fotositi sono disponibili, più alta è la risoluzione della fotografia.

Se la vostra fotocamera è priva di specchio, il sensore funge anche da unità di messa a fuoco automatica che alimenta il mirino elettronico (EVF).

Questo è uno dei motivi per cui la durata della batteria delle fotocamere mirrorless è bassa rispetto alle DSLR. Senza un sistema di rilevamento di fase o un mirino ottico separato (più un corpo più piccolo e senza specchio), il sensore deve fare molto più lavoro.

full frame vs crop
Se si rimuove l’obiettivo da una fotocamera con obiettivo intercambiabile, è possibile vedere all’interno il sensore di forma rettangolare. Per le fotocamere DSLR, è necessario capovolgere lo specchio per vederlo Brunox983 / Pixabay

I sensori sono disponibili in diverse dimensioni:

  • Sensore 7,01 x 5,79 mm: L’iPhone X ha un sensore di queste dimensioni, ad esempio. Sebbene piccolo rispetto alle fotocamere con obiettivo intercambiabile, questo è in realtà rispettabile per una fotocamera per smartphone;
  • Sensore da 1 pollice: La linea Nikon J1 e Sony RX-100 ha una dimensione del sensore di 13,20 x 8,80 mm;
  • Micro 4/3: Questo è in realtà 17,30 x 13,00 mm;
  • APS-C : Di solito è 23,60 x 15,70 mm (a seconda della marca); e
  • Fotogramma intero: Di solito è 35,00 x 24,00 mm (a seconda della marca).

Ma le dimensioni dei sensori non si fermano qui. Le fotocamere di medio formato, come la linea Fujifilm GFX, hanno sensori di 44,00 x 33,00 mm.

Tuttavia, in questo articolo, ci concentreremo sulle differenze tra i formati a pieno formato e i formati di lenti intercambiabili, come APS-C e Micro 4/3.

Il significato di full frame e crop (o ritaglio)

Perché usiamo i termini full frame vs crop? Il full-frame ricorda i tempi del cinema. In particolare, la fotografia su pellicola 35 mm, che – abbastanza abbondantemente – è anche un formato ritagliato. È crop perché sopra di esso si hanno macchine fotografiche di medio e grande formato.

Quando sono usciti i sensori digitali, il termine full-frame ha aiutato a distinguere i sensori dall’APS-C, considerato un formato crop.

I sensori a pieno formato non erano i più grandi sensori digitali dell’epoca; il termine aiutò i fotografi che passavano al digitale a capire che l’equivalenza nel campo visivo e nella profondità di campo non sarebbe stata un fattore importante con un sensore a pieno formato.

full frame
una macchina fotografica full frameInstagramFOTOGRAFIN / Pixabay

Vantaggi del full frame

I sensori a pieno formato offrono numerosi vantaggi, tra cui:

  • Più megapixel;
  • Una migliore gamma dinamica;
  • Migliore rilevamento della luce;
  • Prestazioni in condizioni di scarsa luminosità;
  • Bellissimo bokeh

Diamo un’occhiata ai vantaggi chiave dei sensori full frame nel dibattito full frame vs crop.

Più megapixel contano?

Una risoluzione più alta non porta necessariamente a foto di qualità migliore.

Di quanti megapixel avete bisogno dipende interamente da voi. In realtà, ci sono anche svantaggi per un sensore a risoluzione più alta.

Quando si parla di full-frame vs. crop, le fotocamere a pieno formato tendono ad avere le risoluzioni più alte, come la prossima Sony A7IV (61 MP).

Una maggiore risoluzione offre più spazio per ritagliare un’inquadratura senza perdere visibilmente la qualità dell’immagine. Questo è utile se si visualizzano le immagini su schermi grandi e ad alta risoluzione.

Le immagini ad alta risoluzione significano anche maggiori dettagli se si desidera produrre stampe di grandi dimensioni.

Ma se condividete la maggior parte delle vostre immagini solo sui social media, non sarà necessaria una fotocamera ad alta risoluzione. Una risoluzione di 12 MP sarebbe più che sufficiente per la visualizzazione su uno schermo, in più sono necessari molti meno pixel per la visualizzazione su smartphone.

Non si guarda una foto in una rivista a distanza dal naso. Allora perché far saltare in aria i file del computer per controllare la grana e il rumore se non si stanno facendo stampe da galleria? Servono meno megapixel di quanto si pensi. Le foto ad alta risoluzione hanno anche dimensioni di file enormi, che risucchiano potenza di elaborazione e spazio sul disco rigido.

Migliore gamma dinamica

Lo standard attuale sia per il full-frame che per il crop è di 24 MP, il che ha anche un vantaggio secondario: una migliore gamma dinamica.

La gamma dinamica si riferisce alla gamma di toni chiari e scuri che il sensore della fotocamera è in grado di rendere. Più è raffinata la gradazione, maggiore è la gamma dinamica della fotocamera.

La gamma dinamica si riferisce meno alle dimensioni del sensore e più alla qualità del fotosito (in termini di sensibilità e dimensioni).

I sensori a pieno formato hanno di solito una gamma dinamica migliore rispetto alle macchine fotografiche per il ritaglio. Ciò è dovuto al fatto che un sensore a pieno formato da 24 MP ha fotositi individuali più grandi rispetto a un sensore di ritaglio da 24 MP.

Migliore rilevamento della luce

Un altro vantaggio di un sensore full frame è che i fotositi più grandi sono anche più efficienti nel rilevare la luce. Non solo l’area di raccolta della luce totale del sensore aumenta con la dimensione del sensore, ma anche i singoli pixel: considerate un sensore full-frame la scelta migliore se si intende scattare regolarmente a luce bassa.

gamma dinamica
distelAPPArath / Pixabay

Ciò significa che vedrete una leggera riduzione della gamma dinamica e delle prestazioni di rumore in condizioni di scarsa luminosità se si utilizza un sensore a piena risoluzione, ma non così tanto come si potrebbe pensare.

La tecnologia come il sensore retroilluminato (BSI), che si trova in molte telecamere a pieno formato (e in alcuni sensori di ritaglio), aiuta ad annullare lo svantaggio di affollare i pixel sul sensore.

Full-frame equivale a migliori prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione?

scarsa illuminazione
Quangpraha / Pixabay

Questa è una domanda comune con una risposta complessa: sì e no.

Il sensore più grande significa un’area di raccolta della luce più ampia, che può tradursi in una migliore esposizione e in prestazioni di autofocus.

Ma la dimensione dei pixel gioca un ruolo anche nelle prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione, così come l’apertura, che dipende dall’obiettivo, non dalla fotocamera.

La selezione della velocità dell’otturatore, la riduzione delle vibrazioni dell’obiettivo, i sistemi di stabilizzazione del sensore (che tendono ad essere più efficienti sui sensori più piccoli) e i treppiedi aiutano anche a ridurre il divario, a seconda di ciò che si sta riprendendo.

Di regola, però, si otterrà un’immagine più pulita utilizzando un ISO più basso con una fotocamera a pieno formato.

Full-frame è uguale a un bel Bokeh

I sensori più grandi creano anche una profondità di campo più bassa per una data apertura e lunghezza focale.

Ad esempio, se si utilizza un obiettivo 35 mm f1,4 su un corpo a pieno formato come la Nikon D800, si ottiene una profondità di campo di circa 0,16 m da una distanza del soggetto di 1,5 m.

Se si utilizza lo stesso obiettivo 35mm f1.4 su un corpo APS-C, come la Fujifilm X-Pro 2, si otterrà l’equivalente di un obiettivo a pieno formato di un 50mm f2 in termini di profondità di campo e campo visivo.

In breve: un sensore più piccolo significa che bisogna usare lenti più veloci (aperture più ampie) per ottenere la stessa bassa profondità di campo. Come regola empirica molto approssimativa, si sposta indietro di un arresto del diaframma in termini di profondità di campo per ogni passo dal pieno formato (APS-C, Micro 4/3rds, 1 pollice).

Se siete un fotografo di ritratti che vuole il miglior bokeh possibile, l’opzione migliore per voi sarebbe un sensore a pieno formato.

Le fotocamere full frame sembrano professionali

E infine, c’è la pubblicità che circonda il termine “full-frame”. Crop sembra suggerire una dimensione “inferiore” rispetto a quella del sensore completo: nonostante il fatto che il full-frame sia in realtà un formato di coltura.
Molte aziende e clienti vogliono “l’aspetto a pieno formato”, il che significa varie cose a seconda di chi usa il termine. Una fotocamera a pieno formato in genere ha un corpo macchina e obiettivi più grandi rispetto ai formati di ritaglio, che hanno un aspetto particolare se si è un fotografo professionista.

Vantaggi di un sensore crop

Sfortunatamente, le diatribe full-frame vs. crop si traducono di solito in feroci dibattiti online che ruotano intorno alla qualità dell’immagine. Tuttavia, come abbiamo visto sopra, questo è vero solo in parte. Le fotocamere con sensore crop hanno molto da offrire e, in alcune circostanze, sono persino migliori delle telecamere a pieno formato. I vantaggi includono:

  • Copertura del fattore di crop
  • Compatibile con obiettivi vintage
  • Più economico
  • leggero
  • Velocità di elaborazione più rapide.

Diamo quindi un’occhiata più da vicino ai vantaggi delle fotocamere con sensore crop.

Vantaggio del sensore crop

Fattore di ritaglio è un termine un po’ datato che va dal film ai giorni di transizione digitale.

Molti fotografi erano così abituati al formato 35mm, che il campo visivo ritagliato era un po’ doloroso. Pertanto, usiamo il fattore di ritaglio per “convertire” il campo visivo creato da un obiettivo in standard di visione 35mm. Gli obiettivi da 35 mm su un corpo APS-C creano un campo visivo effettivo di circa 50 mm.

Pertanto, le fotocamere a pieno formato hanno un fattore di ritaglio di 1,0x rispetto alla pellicola 35 mm. L’APS-C ha di solito un fattore di ritaglio di 1,5x o 1,6x (Canon), e Micro 4/3 ha un fattore di ritaglio di 2,0x.

I campi visivi ritagliati hanno un vantaggio in quanto è possibile ottenere una maggiore portata rispetto alle fotocamere a pieno formato. Micro 4/3rds è uno dei formati più popolari per la fotografia naturalistica per questo motivo; un obiettivo da 300 mm ha un campo visivo di 600 mm grazie al fattore di ritaglio 2,0x.

Compatibilità lenti vintage

Se vi piacciono gli obiettivi manuali d’epoca, un sensore crop è sicuramente la strada da seguire. L’utilizzo di lenti d’epoca sui corpi con sensori crop consente di ottenere immagini più nitide grazie alla qualità del vetro delle lenti e alla mancanza di profondità di campo ridotta.

full frame vs crop
Free-Photos / Pixabay

Questa mancanza di bassa profondità di campo può essere un vantaggio in alcuni generi fotografici. Ad esempio, le fotocamere a sensore di piccole dimensioni come la Ricoh GR III e la Olympus OM-D EM-10 Mark III, sono le preferite dai fotografi di strada, grazie alla maggiore profondità di campo rispetto al pieno formato per un determinato diaframma.

Ciò significa che posso usare un diaframma f2,8 mentre ottengo una profondità di campo f4 o f5,6: ciò significa che ho un’esposizione equivalente alla luce, ma la maggior parte della mia scena è a fuoco.

La messa a fuoco manuale o a zona a f2,8 con un corpo a pieno formato nella fotografia di strada o di viaggio significa una profondità di campo più bassa, che può far sì che il soggetto sia fuori fuoco.

Le fotocamere con sensore di coltura sono più convenienti

I corpi con sensore croppato, tuttavia, tendono a scendere di prezzo significativamente di più ad ogni generazione. I prezzi delle lenti sono anche più economici.

Per esempio, una lente high-end 35mm prime per l’ecosistema Sony FE (full-frame) come l’obiettivo Sony Distagon T* FE 35mm f1.4 ZA è il doppio del prezzo dell’equivalente crop sensor high-end prime, come il Fujifilm XF 16mm f1.4 di Fujifilm. L’obiettivo relativo al sensore crop pesa la metà e costa anche la metà.

I sensori Micro 4/3 (MFT), invece, invertono questa tendenza. L’equivalente 4/3 più vicino agli obiettivi di cui sopra sarebbe l’Olympus M.Zuiko Digital ED 17mm f1.2 PRO, con un peso di 390g.

Grazie alla fisica si potranno realizzare lenti così piccole solo per una data apertura. L’MFT sarebbe un sistema più popolare se gli obiettivi di fascia alta fossero la metà del prezzo del full-frame. Le lenti MFT sono meno costose.

Le fotocamere con sensore di cropatto (ad esempio half frame) pesano meno

È vero che i corpi dei sensori di ritaglio pesano meno del full frame, ma è meno vero di quanto non fosse una volta.

I corpi full frame come la Sony Alpha line si sono assestati a circa 650 g, ma altre fotocamere full frame full frame come la LUMIX S1, arrivano a poco più di 1 kg.

Anche una fotocamera con sensore di crop mirrorless APS-C relativamente pesante come la Fujifilm X-H1 pesa 673g. La Sony Alpha a6600 di fascia alta APS-C è una 503g leggera.

Anche gli obiettivi con sensore half frame tendono ad essere più leggeri. Il Micro 4/3 riprende parte del suo fascino nel reparto pesi qui, con zoom standard pro f2.8 come l’Obiettivo Olympus M.Zuiko Digital ED 12-40mm f2.8 PRO con un peso di 382 g. Confronta questo con l’ Obiettivo FUJIFILM XF 16-55mm f2.8 R LM WR (655g) APS-C e Obiettivo Sony FE 24-70mm f2.8 GM (886 g)full-frame e puoi vedere che le fotocamere con sensore di ritaglio non ti appesantiranno nelle tue uscite fotografiche.

Velocità di elaborazione più rapide

E, infine, c’è un altro vantaggio principale delle fotocamere con sensore di ritaglio: velocità di lettura più elevate. O meglio, velocità di lettura più elevate per una minore potenza di elaborazione.

Sensori più piccoli come Panasonic LUMIX G9 o Fujifilm X-T3 possono raggiungere i 20 fps a prezzi relativamente ragionevoli. Se vuoi la stessa velocità in un pacchetto full frame, devi guardare alla costosa Sony Alpha A9, con il resto della serie Alpha che arriva a metà di quella velocità.

full frame vs crop
Valiphotos / Pixabay

Domande frequenti su Full-frame vs Crop Sensor

Diamo un’occhiata ad alcune FAQ quando si tratta di full frame vs crop.

Come principiante, dovrei acquistare un full frame o un half frame?

Le dimensioni del sensore sono piuttosto irrilevanti per un fotografo principiante.

Vorrete un corpo che si estrae e che si usa regolarmente. Il modo migliore per determinarlo è andare al negozio e iniziare a gestire diversi corpi e modelli.

Guardate quali sistemi di menu e layout dei pulsanti sembrano essere i più intuitivi, quali profili di colore vi piacciono, quale macchina fotografica si adatta alle vostre esigenze in termini di peso, prezzo e così via. Da lì decidete in quale sistema è più probabile che investiate.

Naturalmente, dare a un principiante una macchina fotografica a pieno formato non porterà a immagini migliori rispetto a una macchina fotografica per il ritaglio. Dovete passare del tempo ad imparare come funzionano il Triangolo di esposizione, la composizione e la teoria del colore prima che le vostre immagini si distinguano.

Il full frame è meglio del sensore crop?

In una parola, no. Il full frame presenta vantaggi rispetto a un sensore di ritaglio se la massima qualità dell’immagine (prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione, profondità di campo, generazione di bokeh, gamma dinamica) è la considerazione principale.

Tuttavia, se dimensioni, peso, prezzo, portata, ecosistema di lenti e maneggevolezza sono fattori che fanno per te, allora la risposta è il sensore half frame. Alla fine dipende da ciò che apprezzi come fotografo.

Una fotocamera full frame fa la differenza?

Assolutamente, a seconda del genere di fotografia che si scatta. I fotografi di ritratti, di eventi e di matrimoni amano i corpi a pieno formato per ottenere grandi prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione e bassa profondità di campo.

I fotografi di paesaggio utilizzano spesso anche corpi a pieno formato come il Sony A7RII, grazie ai sensori a risoluzione più elevata. Anche se questo è meno vero di una volta, grazie alle modalità Pixel Shift nei corpi dei ritagli come Panasonic e Olympus Micro 4/3, che offrono immagini da 80 MP; perfetto per la fotografia di paesaggio.

Posso ancora scattare splendide foto su una fotocamera con sensore half frame?

La dimensione del sensore è un aspetto della creazione della tua visione, ma è un fattore incredibilmente piccolo rispetto a tutti gli altri elementi in gioco. Lenti, luce disponibile, composizione e soggetto hanno lontano più impatto delle dimensioni del sensore.

Posso usare obiettivi a pieno formato su una fotocamera con sensore half frame?

Assolutamente, purché l’attacco per obiettivo sia compatibile.

Sistemi come Sony e Canon sono cross-compatibili tra il loro crop e la gamma full-frame. Altri, come Panasonic e Nikon, usano supporti diversi tra crop e full frame.

Indipendentemente da come lo fai, il montaggio di un obiettivo a pieno formato su un corpo con sensore cropapto significa che il cerchio dell’immagine coprirà il sensore.

Un trucco interessante che i moderni produttori come Metabones e Viltrox hanno escogitato è quello di usare uno Speed ​​Booster per adattare le lenti full frame per lavorare con i corpi delle colture. Ciò non solo riduce / annulla il fattore di crop del body crop ma aumenta anche l’acquisizione della luce di 1 stop di apertura.

C’è così tanto sul mercato usato / nuovo vetro full-frame Canon e Nikon di alta qualità sul mercato, la capacità di usarli su un corpo APS-C o Micro 4 / 3 è sorprendente. Molti offrono persino la piena compatibilità con l’autofocus.

Il contrario è più complicato. Questo perché una lente relativa ad un sensore croppato crea un cerchio di immagini più piccolo per la lettura di un sensore di ritaglio.

Posizionando una lente per sensore croppato su un sensore a pieno formato si crea una foto con una severa vignetta intorno ai bordi. Molti corpi a pieno formato hanno una modalità di ritaglio APS-C per combattere questo, tuttavia, ruba alla vostra fotocamera la metà della sua risoluzione nativa.

Conclusione

Speriamo di avervi aiutato a capire se un sensore a pieno formato o un sensore per il raccolto fa al caso vostro.

Ogni formato ha i suoi vantaggi e svantaggi; nessuno dei due è migliore dell’altro, a seconda di ciò che si scatta.