I generi fotografici: la fotografia di paesaggio

0
2306

La fotografia di paesaggio è una forma di arte del paesaggio. Mentre l’arte del paesaggio è stata resa popolare dalla pittura occidentale e dall’arte cinese più di mille anni fa, la parola “paesaggio” è apparentemente entrata nel dizionario inglese solo nel XIX secolo, solo come termine per le opere d’arte.

La fotografia di paesaggio trasmette l’apprezzamento del mondo attraverso bellissime immagini della natura che possono essere composte da montagne, deserti, fiumi, oceani, cascate, piante, animali e altri paesaggi o vita.

Mentre la maggior parte dei fotografi di paesaggio si sforzano di mostrare la purezza della natura senza alcuna influenza umana, visto quanto il mondo è stato cambiato dall’uomo, anche la rappresentazione della natura insieme agli oggetti creati dall’uomo può essere considerata una forma di fotografia di paesaggio. Ad esempio, il famoso Mormon Row al Grand Teton National Park è stato un luogo popolare per fotografare i bellissimi Tetons sullo sfondo, con i vecchi fienili che fungono da elementi in primo piano.

Fotografare paesaggi comporta tre elementi chiave: attrezzatura fotografica, abilità/tecnica e luce.

Introduzione

La fotografia di paesaggio mostra gli spazi , a volte enormi e interminabili, del nostro mondo. La fotografia di paesaggio tipicamente cattura la natura, gli scenari, le vedute, ma può anche incentrarsi sulla fotografia di paesaggi artificiali e realizzati dall’uomo (paesaggi cittadini, per esempio). La fotografia di paesaggio è incentrata su di un’osservazione personale o un’esperienza, vissuta dal fotografo tipicamente durante un viaggio. Questo tipo di fotografia può comunque essere considerata come un vero e proprio stile di vita all’aperto, in cui il fotografo è direttamente coinvolto con la natura e gli elementi.

Molte fotografie di paesaggi mostrano poca o nessuna attività umana, al fine di immortalare una rappresentazione incontaminata della natura che abbia come soggetti secondari la morfologia, la uce ambientale e i fenomeni atmosferici. Come con la maggior parte delle forme d’arte, la definizione di una foto di paesaggio è molto ampia e può includere ambienti rurali o urbani, aree industriali o anche  fotografia naturalistica.

Esistono tantissimi fotografi di paesaggio tra i quali sicuramente possiamo annoverare Ansel Adams, Mark Gray, Galen Rowell e Edward Weston.

fotografia di paesaggio
By: Giuseppe MiloCC BY 2.0

I soggetti della fotografia di paesaggio

La fotografia di paesaggio comunemente coinvolge la luce e le caratteristiche naturali di terra, cielo e acqua, tutte caratteristiche fotografate da una certa distanza, anche se alcuni paesaggi possono coinvolgere soggetti posizionati nelle vicinanze, anche primo piano e a volte di notte.

La fotografia di paesaggio artificiale, come ad esempio campi coltivati, frutteti e boschi, giardini e aiuole, l’architettura ornamentale, i beni pubblici comuni o gli spazi privati può essere considerata fotografia di paesaggio. Anche la presenza di arte artificiale (ad esempio sculture) o di opere di ingegno (edifici, strade e ponti, ecc), se integrate in contesti artistici sono accettate nell’ambito della fotografia di paesaggio.

Tuttavia, l’uso dominante del termine “fotografia di paesaggio” generalmente fa  riferimento alla fotografia di paesaggio naturale di spazi aperti, con vedute che spaziano anche per decine di chilometri e con soggetti tipicamente stazionari. La fotografia di paesaggio spesso si sovrappone all’attività di fotografia naturalistica, tanto che le due accezioni sono spesso usate in modo intercambiabile.

fotografia di paesaggio
By: Ben EekhofCC BY 2.0

Le tecniche e la strumentazione

La fotografia di paesaggio in genere richiede un’attrezzatura fotografica relativamente semplice. Qualsiasi fotocamera digitale può essere utilizzata per fare questo tipo di fotografia, dalle compatte fino alle medio o grande formato. L’utilizzo di macchine fotografiche di grande formato, però, crea un problema in termini di limitata profondità di campo per una data apertura, il che richiede una maggiore cura nella messa a fuoco.

L’attrezzatura fotografica

Una buona e affidabile attrezzatura fotografica è estremamente importante per ottenere i migliori risultati nella fotografia di paesaggio. Se la vostra fotocamera è in grado di scattare fotografie eccezionali, ma non può resistere a temperature estremamente fredde o calde, vi limiterà certamente in quello che potete fare. Pertanto, è meglio avere una macchina fotografica che sia in grado di scattare buone foto e di resistere a condizioni climatiche difficili.

Perché quest’ultimo aspetto è importante? Perché alcune delle migliori fotografie di paesaggio vengono scattate con un tempo molto impegnativo – durante un temporale, dopo una forte nevicata, al mattino presto, a temperature sotto lo zero, ecc. Date un’occhiata alla seguente foto di dune di sabbia che ho scattato qualche tempo fa:

fotografia di paesaggio
Photo by Andrzej Kryszpiniuk on Unsplash

All’inizio si potrebbe pensare che il tempo fosse bello e piacevole quando ho scattato questa foto. Ma la realtà della situazione era esattamente l’opposto: faceva molto freddo e c’era molto vento, con la sabbia che mi colpiva in faccia come quei fiocchi di neve ghiacciata che ti colpiscono quando scii.

La Nikon D800 che ho portato quel giorno ha sofferto molto, con la sabbia che si accumulava in ogni ammaccatura e buco. Il mio Nikon 24-70mm zoom era pieno di polvere e ricordo il suono stridulo che ho avuto per mesi, perché non riuscivo a far uscire le particelle di sabbia.

Per fortuna, entrambi sono sopravvissuti, e sono riuscito a catturare molte altre immagini come quella di cui sopra in seguito. E questo è solo un esempio: ho abusato della mia attrezzatura fotografica in quel modo innumerevoli volte e mi sono sempre affidato ad essa nelle situazioni più difficili.

E le capacità della fotocamera? Non importa quanto la vostra fotocamera sia resistente alle intemperie, deve essere in grado di fornire immagini nitide e vibranti e fornire caratteristiche sufficienti per poter catturare anche le scene più complesse. Ecco perché è importante avere una fotocamera con un sensore di grandi dimensioni, ricche di caratteristiche della fotocamera, un buon supporto e un’ampia selezione di obiettivi/filtri solidi.

Le lenti

Non importa quanto sia buona la vostra fotocamera, se l’obiettivo che avete montato su di essa è scadente, otterrete risultati altrettanto scadenti. Gli obiettivi sono come i vostri occhi: se avete una cattiva vista, l’immagine che vedete sarà sfocata. Pertanto, è estremamente importante utilizzare lenti che abbiano un alto livello di nitidezza su tutta l’inquadratura, un buon contrasto, un minimo di ghosting e flare e altre aberrazioni dell’obiettivo che possono danneggiare le immagini. È anche importante assicurarsi che le lenti siano prive di problemi di decentramento che potrebbero danneggiare tutte o parte delle immagini. Quando si fotografano ritratti, le prestazioni angolari degli obiettivi non sono in genere importanti – il soggetto sarà per la maggior parte del tempo vicino al centro dell’inquadratura. Tuttavia, quando si tratta di fotografia di paesaggio, la nitidezza degli angoli diventa molto più importante, poiché gli elementi in primo piano possono essere posizionati sulla parte inferiore dell’inquadratura e a volte anche toccare gli angoli. Ecco perché è importante guardare oltre le prestazioni degli obiettivi al centro quando li si valuta per la fotografia di paesaggio.

Mentre si selezionano gli obiettivi, si hanno due selezioni – obiettivi zoom e obiettivi primari / fissi. Per la fotografia di paesaggio, gli obiettivi primari erano la scelta numero uno (e lo sono ancora per le fotocamere di medio e grande formato). Tuttavia, con gli ultimi progressi della tecnologia ottica, i produttori sono in grado di produrre obiettivi zoom eccezionalmente buoni che possono eguagliare e talvolta persino superare la qualità e la nitidezza di alcuni obiettivi di primo piano. Gli obiettivi zoom hanno un grande vantaggio rispetto agli obiettivi primari grazie alla loro capacità di ingrandire/ridurre, che personalmente trovo molto importante per la fotografia di paesaggio. Mi sono trovato in molte situazioni, in cui ho dovuto stare in piedi in un punto particolare e non potevo muovermi fisicamente per inquadrare il mio scatto. In tali situazioni, è utile poter utilizzare un obiettivo zoom per ottenere un’inquadratura corretta. Personalmente spesso li porto con me entrambi, il che mi dà una maggiore flessibilità, ma se dovessi scegliere un solo obiettivo, sarebbe sicuramente uno zoom. Purtroppo, per i sistemi di medio e grande formato là fuori, gli obiettivi di primo piano sono spesso le uniche scelte disponibili.

Lenti – qualche consiglio

Allora, quali sono i migliori obiettivi per la fotografia di paesaggio? Con così tanti diversi obiettivi zoom e primi piani disponibili di diversi produttori, può diventare piuttosto difficile fare la scelta giusta, soprattutto per un principiante. Personalmente, invece di puntare su un unico obiettivo “fai da te” che copra tutto, dal grandangolo al teleobiettivo, vi consiglio di scegliere un set di obiettivi di alta qualità che copra la maggior parte delle vostre esigenze.

Per gli spazi aperti è preferibile utilizzare  un obiettivo grandangolare, consentendo questi un ampio angolo di visuale. Tuttavia, le lenti che spaziano da lunghezze focali medie fino ai teleobiettivi possono tranquillamente essere impiegati, soprattutto se la scena da fotografare non è vicinissima al fotografo, così come permettono di catturare particolari della scena che non sarebbe possibile fotografare con lunghezze focali minori.

fotografia di paesaggio
By: Giuseppe MiloCC BY 2.0

I teleobiettivi possono anche limitare l’area di messa a fuoco al fine di consentire al fotografo di sottolineare una specifica area, ad una distanza particolare, lasciando il primo piano e lo sfondo sfocato. Altri obiettivi impiegabili per questo tipo di fotografia sono il fisheye (che permette di allargare ulteriormente la vista, oltre che introdurre una deformazione) o gli obiettivi macro per realizzare dei primi piani molto spinti.

Per quanto riguarda la tipologia di lenti, molti fotografi preferiscono utilizzare le lenti a focale fissa in quanto permettono di raggiungere una maggiore qualità e luminosità dell’immagine catturata rispetto agli obiettivi a lunghezza focale variabile.

Un buon kit di obiettivi per la fotografia di paesaggio dovrebbe essere composto da un set di obiettivi dall’ultragrandangolare al teleobiettivo. Un obiettivo ultra grandangolare vi permetterà di avvicinarvi ai soggetti e di mostrarne la grandezza; un obiettivo a distanza normale sarà probabilmente l’obiettivo più utilizzato nel vostro arsenale per fotografare la maggior parte dei soggetti, mentre un teleobiettivo vi permetterà di mettere a fuoco una particolare caratteristica del paesaggio di fronte a voi, o forse di fotografare soggetti lontani.

Per soddisfare queste esigenze, i fotografi di paesaggio propongono il loro set di obiettivi “trinati”, come gli obiettivi 14-24mm f/2,8, 24-70mm f/2,8 e 70-200mm f/2,8. Questi obiettivi sono tipicamente di altissima qualità e sono considerati obiettivi di livello professionale. Chi ha un budget più ristretto o vuole rimanere leggero spesso finisce per scegliere obiettivi f/4 più lenti come 16-35mm f/4, 24-120mm f/4 e 70-200mm f/4, che possono anche essere scelte eccellenti per la fotografia di paesaggio. E chi scatta con fotocamere a sensore ritagliato spesso finisce per avere obiettivi più piccoli e leggeri che coprono lunghezze focali equivalenti simili, come 10-24mm, 16-85mm e 50-150mm, a seconda delle dimensioni del sensore / fattore di ritaglio.

Mentre una tale “trinità” di obiettivi zoom può essere molto utile per coprire la maggior parte delle esigenze della fotografia di paesaggio, alcuni obiettivi primari possono essere ancora molto utili da avere sul campo. Per esempio, se si vuole entrare nell’astrofotografia, è necessario un obiettivo di alta qualità che sia sufficientemente largo e veloce da poter essere utilizzato per catturare il cielo notturno. Gli obiettivi zoom, soprattutto quelli f/4 e più lenti, sono tipicamente molto limitanti per l’astrofotografia, per questo motivo è utile avere almeno un obiettivo principale nella borsa della macchina fotografica. Personalmente, mi piace molto l’obiettivo Nikon 20mm f/1,8G e lo trovo un eccellente e leggero obiettivo che può essere molto utile sul campo per questo motivo. Coloro che preferiscono la qualità degli obiettivi primari agli zoom finiscono spesso per scegliere un kit che comprende le seguenti lunghezze focali: 14mm, 20mm, 35mm e 50mm. Per le esigenze del teleobiettivo, la maggior parte dei tiratori di primo piano sceglie ancora qualcosa come un 70-200mm f/2,8 o f/4, dato che i teleobiettivi di primo piano sono spesso piuttosto grandi e costosi.

Se mi limitassi a scegliere un solo obiettivo per la fotografia di paesaggio, sarebbe qualcosa come un 24-120mm o un 24-105mm. Di tutti i diversi obiettivi che ho usato nel corso degli anni, sono giunto alla conclusione che le lunghezze focali che uso di più per la mia fotografia di paesaggio sono tra il 24mm e il 100mm. Se mi limitassi a due obiettivi, aggiungerei un 70-200mm e se il limite fosse aumentato a tre, metterei un buon 20mm f/1,8 prime ovviamente.

Il treppiedi

Un fotografo di paesaggi senza treppiede è un fotografo handicappato. Sebbene le moderne fotocamere digitali siano in grado di produrre risultati sorprendenti a ISO più elevati, alcune immagini sono difficili e a volte persino impossibili da catturare senza un adeguato supporto. Ad esempio, è impossibile fotografare il cielo notturno senza un treppiede. Fotografare nuvole colorate e l’elevata gamma dinamica delle scene prima e dopo il tramonto sarebbe estremamente difficile senza tenere la macchina fotografica montata su un treppiede. Un altro esempio è quello di fotografare l’acqua in movimento (come una cascata) con tempi di posa lenti. Fondamentalmente, per qualsiasi fotografia che preveda tempi di posa troppo lenti per poter tenere a mano una macchina fotografica senza introdurre il treppiede, è una buona idea usare un treppiede.

Personalmente considero il treppiede uno strumento indispensabile piuttosto che un accessorio opzionale. Una volta ho parlato con un noto fotografo di paesaggi del supporto della macchina fotografica e lui ha dichiarato che non poteva pensare o comporre le sue immagini finché non metteva la macchina fotografica su un treppiede, anche quando scattava in una luminosa giornata di sole. Se si fa fatica con immagini mal allineate, sfocate o rumorose, si potrebbe voler investire in un treppiede solido – si ripagherà molto rapidamente, soprattutto se si tiene conto delle spese di viaggio e del tempo!

Non scegliete nemmeno un treppiede economico e fragile. Se state ancora cercando di capire se la fotografia di paesaggio fa per voi o no, allora scegliete un treppiede di plastica a buon mercato all’inizio. Tuttavia, se la fotografia di paesaggio è qualcosa che vi interessa veramente, allora saltate tutto nel mezzo e scegliete un treppiede di fascia alta. Nel corso degli anni, passerete attraverso molte macchine fotografiche e obiettivi, ma un treppiede solido è qualcosa che continuerete sempre a riutilizzare – è sempre un degno investimento a lungo termine. Non commettete l’errore di acquistare diversi treppiedi. Non solo finirete per sprecare più soldi, ma finirete anche con molta frustrazione sul campo.

Se volete saperne di più sui treppiedi e se avete bisogno di aiuto per scegliere un buon treppiede per la vostra fotografia, date un’occhiata al mio dettagliato articolo “come acquistare un treppiede”.

Filtri

Passiamo ora ai filtri. Ogni fotografo di paesaggi esperto vi dirà che i filtri sono parte integrante ed essenziale del suo kit di fotografia di paesaggio. Alcuni scatti sono semplicemente impossibili da catturare senza filtri specializzati. Ci sono tre tipi di filtri che personalmente consiglio per la fotografia di paesaggio: Filtro circolare polarizzatore, filtro a densità neutra e filtro a densità neutra graduata. Diamo un’occhiata a ciascuno di essi singolarmente.

Filtro polarizzatore circolare

I fotografi di paesaggio si affidano fortemente ad un filtro polarizzatore (come ad esempio questo) circolare (CPL) per una serie di motivi. I filtri CPL aiutano a ridurre i riflessi, il che aiuta a far emergere il soggetto. Ad esempio, se si fotografa una scena dopo la pioggia, i riflessi delle zone umide possono davvero rovinare l’immagine, facendola sembrare piuttosto distraente. Con un CPL, è possibile ridurre e talvolta anche eliminare la maggior parte dei riflessi della scena, aumentando i colori e il contrasto.

Un’altra ragione per cui le CPL sono utili, è perché possono aiutare a ridurre significativamente la foschia atmosferica nelle immagini. La foschia può essere un vero problema quando si fotografano paesaggi, quindi se si usa una CPL sul campo, è possibile ridurla un bel po’ nella fotocamera e poi ridurla ancora di più nel software di post-elaborazione.

I filtri polarizzatori possono essere un po’ impegnativi da usare, soprattutto per chi non li ha mai usati prima. Bisogna anche fare molta attenzione quando li si utilizza su obiettivi grandangolari. Se volete saperne di più sui filtri polarizzanti, ho scritto un articolo dettagliato su come usare i filtri polarizzanti, con molti esempi e informazioni utili.

Filtro a densità neutra

Sapete come vengono catturate le immagini delle cascate con l’acqua setosa e liscia e lattiginosa? Per molte di queste immagini, i fotografi usano intenzionalmente filtri a densità neutra (ND) che lasciano passare solo pochissima luce, il che sostanzialmente aumenta la lunghezza dell’esposizione. Mentre si potrebbe arrestare l’obiettivo fino a un’apertura molto piccola per ridurre la quantità di luce che raggiunge il sensore della fotocamera, farlo spesso non blocca abbastanza luce da far sembrare l’acqua liscia. Inoltre, i piccoli diaframmi portano a una minore quantità di dettagli nelle immagini a causa dell’effetto di diffrazione, quindi è meglio utilizzare un filtro adeguato, utilizzando la migliore apertura.

L’utilizzo di un filtro a densità neutra scura richiede un buon sistema di supporto, poiché la velocità dell’otturatore diminuirà in modo significativo, in base alla quantità di luce che il filtro ND lascia passare. Per esempio, un filtro ND a 6 stop che uso trasmette solo l’1% della luce. Con questa poca luce che passa, la scena appare molto scura quando guardo attraverso il mirino eppure, sorprendentemente, l’autofocus è ancora operativo. 6 stop significa che se stessi girando una scena a 1/250 di secondo senza filtro, la velocità dell’otturatore scenderebbe a 1/4 di secondo non appena monto il filtro ND a 6 stop sull’obiettivo.

Alcuni filtri polarizzatori sono abbastanza scuri da poter essere usati da soli, invece di usare un filtro ND per creare bellissime immagini a cascata, invece di una combinazione di un ND + CPL.

Filtro a densità neutra graduata

I filtri a densità neutra (come questo) graduati sono simili ai normali filtri ND, tranne per il fatto che passano gradualmente da scuri a completamente chiari. Questa transizione graduale è importante per i paesaggi, perché dovrebbe solo scurire la zona più chiara della scena senza toccare le parti più scure della scena come il primo piano. Anche se oggi molti fotografi sembrano utilizzare tecniche di HDR e di miscelazione per catturare l’intera gamma dinamica della scena, io personalmente preferisco utilizzare filtri a densità neutra graduata (GND) ogni volta che è possibile. Per esempio, se sto fotografando un’alba o un tramonto e il cielo è di diverse fermate più luminoso del primo piano, userò il mio filtro ND graduato 0.6 (2 fermate) o 0.9 (3 fermate) per oscurare il cielo.

Un grosso problema con i filtri GND, è che occupano più spazio di quanto non facciano i CPL, dato che sono filtri rettangolari più grandi (ci sono alcuni GND circolari là fuori, ma non dovreste usare quelli). Perché? Perché con i filtri rettangolari si è in grado di controllare il punto da cui la scena si trasforma da scura a chiara. In una scena, il cielo potrebbe occupare il 20% dell’immagine, mentre in un’altra con delle belle nuvole potrebbe occupare il 50% o più dell’immagine. È qui che sarà necessario spostare il filtro graduato verso l’alto e verso il basso per adattarsi alle diverse situazioni. Per poterlo fare, sarà necessario un sistema di supporto del filtro con filtri rettangolari. Io uso personalmente il sistema NiSi Filter Holder, ma ce ne sono molti altri tra cui scegliere.

Illuminazione e Flash

So che molti fotografi sosterranno che è la luce è il primo fattore in termini di importanza – e sono d’accordo. Anche se l’attrezzatura fotografica e l’abilità/tecnica sono certamente importanti, nessuna fotografia può essere bella senza una bella luce. I fotografi ritrattisti possono lavorare praticamente con qualsiasi luce, perché hanno potenti flash esterni che possono imitare la luce naturale. I fotografi di paesaggio non hanno questo lusso – dobbiamo lavorare sempre con la luce disponibile (tranne quando dipingiamo alcuni oggetti in primo piano con la torcia).

Qual è la luce migliore? Quali sono i momenti migliori della giornata? O i periodi migliori dell’anno? Vediamo se posso rispondere ad alcuni di questi in modo più dettagliato.

Normalmente, la fotografia di paesaggio tende ad essere fatta solo con luce ambientale, al fine di non stravolgere la scena che si sta fotografando.

In alcuni casi, tuttavia, la luce artificiale è raccomandata o addirittura inevitabile. Un uso attento del flash, di luce artificiale continua o di superfici riflettenti (riflettori) per “riempire” le zone d’ombra è spesso usato quando si fotografano spazi più ristretti come ad esempio piccole aree di foreste scure o dei giardini.

Da ricordare inoltre che, date le ampie distese di spazio aperto che tendono a dominare la fotografia di paesaggio, l’illuminazione artificiale è generalmente inefficace o persino distruttiva ( con il primo piano troppo illuminato e lo sfondo troppo scuro).

La luce dell’alba, del tramonto o la golden hour sono le luci preferite per fare questo tipo di fotografia in quanto la luce tende a riempire maggiormente la scena, generando immagini suggestive e attraenti.

L’alba e il tramonto

Le migliori immagini del paesaggio vengono scattate all’alba o al tramonto. Personalmente preferisco l’alba/prima luce del mattino piuttosto che il tramonto/la tarda luce del pomeriggio, perché sembra che ci sia meno foschia al mattino (ovviamente dipende da molti fattori, dall’inquinamento, dal vento, dagli incendi, ecc.) Ma tutto dipende dalla direzione del soggetto che voglio fotografare. In Colorado, alcune montagne si fotografano meglio all’alba, mentre altre si fotografano meglio al tramonto. Prima di decidere quando è il momento di trovarsi in un determinato luogo, vi consiglio vivamente di esplorare la zona. A metà pomeriggio è un buon momento per esplorare e stimare dove sorgerà il sole e dove tramonterà. Personalmente mi affido ad alcune app per il mio iPhone per dirmi quando il sole sorgerà/ tramonta e dove all’orizzonte il sole apparirà e dove tramonterà. La mia app preferita è PhotoPills – mi basta impostare la mia posizione e mi dice tutto quello che devo sapere.

La luce migliore

Quando la gente chiede ai fotografi la luce migliore, la risposta tipica è “al mattino presto o nel tardo pomeriggio, con la luce peggiore a metà pomeriggio”. Se è vero per molte località in tutto il mondo, l’affermazione non è necessariamente corretta per alcune regioni. Ad esempio, se si vive nei paesi nordici o si gira in Antartide, si può girare tutto il giorno con una luce fantastica. Come? È tutta una questione di angolo di luce rispetto al sole. La luce diretta del sole che vediamo tipicamente a metà giornata è la peggiore, perché crea ombre diritte e brutte. Ma se la luce del sole è sempre ad angolo, non c’è un brutto momento per scattare foto. Gli orari dell’alba e del tramonto sono i migliori, perché si vede la maggior quantità di colori. Quindi se mi chiedessi quando è la luce migliore, direi che “dipende da dove ti trovi”.

Stagioni

E le stagioni? Anche in questo caso, dipende da dove ci si trova. In Colorado, ad esempio, la metà dell’estate è un ottimo periodo per la fotografia di paesaggio, grazie ai fiori selvatici che sbocciano a metà luglio ad alta quota. In altri luoghi, le estati sono orribili a causa del caldo, della troppa nebbia e della luce dura. Gli inverni in Colorado sono tipicamente difficili da fotografare a causa del clima rigido, della neve, del ghiaccio e delle pericolose condizioni delle strade. Eppure gli inverni sono i migliori in termini di foschia e di angolo del sole. La primavera e l’autunno sono le mie stagioni preferite per fotografare paesaggi ovunque, non solo in Colorado. La stagione autunnale è qualcosa che non si vuole perdere, soprattutto in luoghi con molti alberi non sempre verdi. Alcuni alberi e piante subiscono drastici cambiamenti di colore. Per esempio, l’aspen cambia i suoi colori più volte prima che le foglie cadano – dal verde scuro al verde chiaro, poi dal verde chiaro al giallo, poi dal giallo al rosso. In alcuni casi si possono anche vedere foglie marroni, se non c’è vento.

Velocità dell’otturatore e apertura

I fotografi di paesaggio tendono a preferire impostazioni che consentano il fuoco su tutta l’area ripresa. Ciò richiede tipicamente una piccola apertura (un f-stop alto) al fine di aumentare l’area di messa a fuoco. L’uso di un’apertura piccola, però, costringe l’uso di una velocità dell’otturatore inferiore. Questo può essere un problema se ci sono elementi in movimento nella foto, come ad esempio animali (soprattutto uccelli), persone o veicoli. Anche il vento che scuote gli alberi può essere un problema quando si scatta con tempi alti: la soluzione di compromesso è quella di incrementare il valore di ISO o rinunciare ad un po’ di messa a fuoco aumentando l’apertura.

Settaggi della fotocamera

Quali sono le impostazioni ottimali della fotocamera per fotografare i paesaggi? Ecco le impostazioni che uso e consiglio personalmente (buone per la maggior parte delle DSLR e delle fotocamere mirrorless):

  • Modalità fotocamera: Manuale. Imparate a fotografare i paesaggi in modalità manuale. Utilizzate l’esposimetro incorporato per vedere se è necessario aumentare o diminuire il tempo di posa.
  • Apertura del diaframma: Partire da f/5.6 e fermarsi in base a quanto del primo piano e dello sfondo è necessario mantenere la nitidezza. Cercate di non scattare oltre f/8 (su fotocamere con sensore APS-C) e f/11 (su full-frame) per evitare diffrazioni.
    Velocità dell’otturatore: Non importa, poiché utilizzerete un treppiede e regolerete la velocità dell’otturatore in base a ciò che la vostra fotocamera misura. In alcuni casi, quando si ha bisogno di congelare o di muovere il mosso, si dovrà regolare la velocità dell’otturatore di conseguenza cambiando il diaframma e/o ISO, o utilizzando un filtro.
  • ISO: Qualunque sia la ISO di base della vostra fotocamera (tipicamente ISO 64 o ISO 100). Se avete un’impostazione per “Auto ISO” sulla vostra fotocamera, spegnete la fotocamera.
  • Formato immagine: Ovviamente RAW, Lossless Compressed o Uncompressed (se Lossless Compressed non è disponibile). Impostare il bit-rate della fotocamera sul numero più alto (se disponibile). Molte fotocamere professionali permettono di scattare in formato RAW a 14 bit.
  • Bilanciamento del bianco: Auto, poiché non importa se si scatta in RAW – è possibile cambiare facilmente il bilanciamento del bianco in post-produzione.
    Profilo colore: Non importa, ma potreste voler scegliere AdobeRGB per istogrammi leggermente più precisi.
  • Riduzione del rumore ad alta ISO: Spento, non dovreste comunque scattare a ISO elevati.
  • Riduzione del rumore in caso di esposizione prolungata: On, poiché aiuta a ridurre il rumore quando si scattano foto con esposizioni lunghe. Questa impostazione influisce sul file RAW vero e proprio, quindi è una buona idea tenerlo acceso per impostazione predefinita.
  • Riduzione della vignettatura e altre correzioni dell’obiettivo: Spento, meglio affrontarlo in post-produzione.
  • Messa a fuoco: Spostare la messa a fuoco dal pulsante di scatto ad un pulsante dedicato sul retro della fotocamera (vedere messa a fuoco e ricomporre). Alcune fotocamere potrebbero non avere questa funzione, ma la maggior parte di esse ce l’hanno. La maggior parte delle DSLR e delle fotocamere mirrorless hanno un pulsante AF-ON dedicato o un pulsante AE-L/AF-L sul retro della fotocamera che può essere programmato per la messa a fuoco automatica. Passando alla messa a fuoco con un pulsante dedicato, è possibile mettere a fuoco una sola volta con il pollice, quindi continuare a scattare foto senza bisogno di ripetere ogni volta la messa a fuoco. Tenete presente che se cambiate la lunghezza focale dell’obiettivo con lo zoom avanti/indietro, dovrete riacquistare la messa a fuoco ogni volta!
  • Autofocus: Sta a voi decidere se mantenere la messa a fuoco automatica o passare alla messa a fuoco manuale. Non importa quale metodo di messa a fuoco scegliate, assicuratevi di utilizzare lo schermo della vostra fotocamera per zoomare con precisione e mettere a fuoco.

Bracketing

Quando si affrontano situazioni di illuminazione difficili, in cui si ha un’enorme differenza di contrasto tra i bianchi e i neri, scattare tra parentesi da 3 a 5 (a seconda delle capacità della fotocamera). Il bracketing non solo permette di provare tecniche di post-elaborazione come l’HDR, ma offre anche opzioni per una migliore esposizione (vedi l’eccellente articolo di Iliah Borg “When in doubt, bracket”). Si può scegliere un’esposizione piuttosto che un’altra e poi lavorare ulteriormente su di essa in Lightroom o Photoshop. Potreste scegliere alcune parti di un’immagine e fonderle con un’altra immagine usando la mascheratura e altre tecniche di fusione in Photoshop o altri software. In poche parole, avrete più opzioni per recuperare informazioni dalle vostre immagini.

Profondità di campo e distanza iperfocale

Quando si fotografano paesaggi, è fondamentale comprendere molto bene il concetto di profondità di campo. Una delle maggiori sfide della fotografia di paesaggio è quella di padroneggiare la messa a fuoco dell’obiettivo e di rendere tutto sufficientemente nitido. Perché questa è una sfida, vi chiederete perché? Perché l’ottica ha alcuni limiti e non sempre è possibile portare tutto, dal primo piano allo sfondo, alla perfetta messa a fuoco, soprattutto quando alcuni oggetti sono molto vicini e altri molto lontani. Un buon modo per illustrare questo è quello di fare un rapido esperimento con gli occhi. Avrete bisogno di due oggetti che possano stare su una superficie piana – un oggetto piccolo e uno grande (come un dado e una scatola di carte da gioco). Posizionate l’oggetto più grande verticalmente a circa 10 piedi di distanza da dove vi trovate su una superficie diritta come un tavolo. Poi spostatevi di nuovo in posizione e, tenendo l’oggetto più piccolo con l’indice e le dita del pollice, allungate la mano a metà strada, puntandola verso l’oggetto più grande. Concentrate gli occhi sull’oggetto più piccolo. Notate quanto è sfocato lo sfondo e quanto è sfocato l’oggetto più grande, quasi al punto in cui si fonde con altri oggetti di sfondo. Ora, prendete l’oggetto più piccolo e posizionatelo vicino all’oggetto più grande e spostatevi di nuovo verso la vostra posizione. Date ora un’occhiata all’oggetto più piccolo da questa distanza. Questa volta, noterete che entrambi gli oggetti vi sembrano affilati e anche se spostate l’oggetto più piccolo un po’ lontano da quello più grande, non farà differenza. L’oggetto più grande non diventerà completamente sfocato come quando si guarda l’oggetto più piccolo da una distanza ravvicinata. Questo esperimento molto semplice dimostra come la messa a fuoco delle lenti e come la distanza del soggetto influisca sulla nitidezza.

Mentre i nostri occhi lavorano come un obiettivo fisso da 50 mm, gli obiettivi della fotocamera ci permettono di catturare prospettive molto più ampie, o ci permettono di avvicinarci ai nostri soggetti. Senza comprendere il rapporto tra lunghezza focale dell’obiettivo, diaframma e distanza tra fotocamera e soggetto, la messa a fuoco per la fotografia di paesaggio può diventare piuttosto difficile. Ad esempio, se si fotografa una stella marina su una spiaggia da una distanza ravvicinata e si desidera che l’orizzonte dello sfondo sia altrettanto nitido di quello della stella marina, su quale si mette a fuoco – la stella marina o lo sfondo? Utilizzereste un grandangolo o un teleobiettivo per mettere a fuoco entrambi? Quale diaframma utilizzereste? Un buon fotografo di paesaggi dovrebbe conoscere le risposte a tutte queste domande e trovare la giusta soluzione al problema. Per esempio, avrei certamente usato un grandangolo (poiché le lunghezze focali più lunghe isolerebbero maggiormente il soggetto), un diaframma relativamente piccolo tra f/8 e f/16 e avrei messo a fuoco un’area a metà strada tra la stella marina e lo sfondo. Dove avrei messo a fuoco esattamente? È qui che bisogna capire la distanza iperfocale e come trovarla.

Cos’è la distanza iperfocale? Fondamentalmente, la distanza iperfocale è la distanza di messa a fuoco che dà alle tue foto la massima profondità di campo. Quando si mette a fuoco la fotocamera sulla distanza iperfocale, tutto, dalla metà della distanza fino all’infinito, sarà a fuoco. Ad esempio, se la mia distanza iperfocale è di 50 piedi, tutto, dai 25 piedi all’infinito, sarà a fuoco. Perché è importante la distanza iperfocale? Nell’esempio precedente con le stelle marine, se avessi messo a fuoco la mia macchina fotografica sulla stella marina o sullo sfondo (infinito), la stella marina o lo sfondo sarebbero stati sfuocati. Voglio che entrambi appaiano nitidi, quindi se sapessi dove si trova la distanza iperfocale e la mettessi a fuoco, potrei potenzialmente arrivare al punto in cui entrambi appaiono nitidi. Ovviamente, la distanza tra la mia fotocamera e il soggetto, la lunghezza focale dell’obiettivo, le dimensioni del sensore e l’apertura sono tutte variabili che giocano un ruolo enorme in questo caso, quindi dovrò esaminarle molto attentamente per raggiungere il mio obiettivo. La distanza tra fotocamera e soggetto è particolarmente importante – se il soggetto è troppo vicino, nessuna combinazione di apertura e lunghezza focale porterà a una foto nitida…

Il modo migliore per calcolare la distanza iperfocale è quello di utilizzare il “metodo del doppio della distanza”, in cui si approssima la distanza dalla fotocamera al soggetto più vicino che si desidera essere nitido, quindi semplicemente raddoppiare tale distanza. Nell’esempio con la stella marina, se sapessi che la stella marina è a 5 piedi di distanza dalla mia fotocamera, la distanza iperfocale sarebbe a 10 piedi (distanza doppia), così semplice! Da lì, dovrei stimare all’incirca dove si trova il segno dei 10 piedi su cui mettere a fuoco (diciamo un pezzo di roccia nella sabbia), poi usare lo schermo live view della mia fotocamera per mettere a fuoco quella roccia e sono a posto. Con la mia distanza iperfocale nel punto giusto dell’inquadratura, dovrei giocare con il diaframma della mia macchina fotografica per arrivare al punto in cui tutto sembra ragionevolmente nitido. Se sono al massimo del diaframma e la scena non è ancora nitida, allora sono semplicemente troppo vicino al soggetto. Devo usare un obiettivo più largo o allontanarmi fisicamente dal soggetto.

Alcuni fotografi consigliano di mettere a fuoco da qualche parte al centro dell’inquadratura o a un terzo del percorso, senza conoscere tutte le variabili sopra menzionate. Sarei attento ad ascoltare questi consigli, perché spesso si finisce per essere frustrati da immagini sfocate. Il metodo della distanza doppia funziona molto bene ed è facile da usare sul campo.

Tenete presente che i calcolatori di distanza iperfocali non sono progettati per le moderne fotocamere digitali ad alta risoluzione, quindi non li consiglierei per la fotografia di paesaggio (vedi l’articolo di Spencer sul perché i grafici di distanza iperfocali sono sbagliati). Inoltre, perché sprecare il tuo tempo a cercare le cose, se tutto quello che devi fare è stimare la distanza dal tuo soggetto e poi raddoppiarla? È semplice e funziona!

Posizionamento e protezione

Una solida base per la fotocamera è importante per garantire immagini nitide e dettagliate, come può essere un treppiede. Inoltre, al fine di evitare qualunque tipo di vibrazione, è buona norma nel fotografare i paesaggi dotarsi di un remotizzatore fotografico.

Poiché la fotografia di paesaggio è normalmente all’aperto, è buona norma considerare una protezione dagli agenti atmosferici. Un contenitore impermeabile per la macchina fotografica, con essiccante interno è altamente consigliato.

 

Aggiornato Maggio 2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.