Come disegnare con la luce

© cenci goepel + jens warnecke

Disegnare con la luce è qualcosa di particolarmente interessante e al contempo particolarmente semplice da realizzare: con un poco di pratica (e di fantasia) sarà possibile creare delle fotografie molto suggestive ad un costo praticamente nullo (immagino che tutti abbiate una torcia in casa).

Questa tecnica fotografica corrisponde ad illuminare una parte del soggetto fotografato con un oggetto (o più oggetti) luminosi, che sia una torcia, un led, un faretto o qualunque altra cosa: muovendo la luce nella zona di posa e utilizzando una esposizione lunga, andremo ad inserire, nella fotografia finale, degli “artefatti” creati ad hoc.

Quattro le cose che ci servono:

  • Una macchina fotografica che abbia la possibilità di settare una esposizione molto lunga, possibilmente anche la “Bulb mode”.
  • Un treppiede
  • un telecomando remoto SE si sta utilizzando la modalità Bulb
  • Una sorgente luminosa “portatile”

Quale tempo di Esposizione?

Definire a priori la giusta tempistica, non è facile: dipende in particolare da quanto è scuro il soggetto da fotografare e anche da quanto siamo bravi nel muoverci velocemente dinanzi all’obiettivo (il nostro scopo è non solo disegnare ma anche EVITARE che la nostra immagine venga impressa nella foto finale).
La soluzione è una sola ed è provare, provare, provare.
Quinninup Falls, Leeuwin-Naturaliste National Park, Australia (© cenci goepel + jens warnecke)

E gli ISO?

Questa risposta è molto semplice: bassi! Esattamente come abbiamo visto per la fotografia dei fuochi artificiali, anche in questo caso, per ridurre non tanto il rumore quanto il rischio di sovraesposizione della fotografia, bisogna evitare di usare ISO superiori ai 200.
fotocamera di luce

Una sola foto e niente computer grafica?

Dipende dalla quantità di “lavoro” bisogna fare con le luci. Per disegni facili, sarà sufficiente un solo scatto. Ma per disegni come nell’immagine qui sopra dove sono stati combinati più colori, probabilmente sarà necessario effettuare più scatti in serie. Una volta finito il lavoro, basterà trasferirsi al computer ed effettuare, con un qualsiasi programma di grafia, una banale fusione delle immagini: il risultato finale vedrà “sommare” le luci. In Photoshop basta caricare ogni foto in un diverso layer e quindi applicare “screen” per effettuare la somma.
Foto di MarcelWiegerinck

Che velocità di movimento?

Dipende dall’intensità voluta: più siamo veloci, minore sarà l’intensità. Occhio però: più siamo lenti più rischiamo di essere immortalati nella foto finale. Il suggerimento è quello di usare una torcia a LED, possibilmente potente: questo ci permetterà di essere molto veloci e nel contempo mantenere un’ottima luminosità della foto finale.
© cenci goepel + jens warnecke

Qualche idea particolare?

Il mio suggerimento è, a parte provare e riprovare, usare sfondi che permettano anche le riflessioni: una pozza d’acqua, uno specchio, un pavimento lucido. Questo permetterà di fornire realismo all’immagine stessa come ad esempio accade nelle  due foto immediatamente sopra: le riflessioni nell’acqua e sul pavimento aggiungono dei dettagli che mancano per esempio negli altri scatti. Ma anche questo è una scelta legata al gusto.
Interessante è poi utilizzare fonti particolari di illuminazione: che ne dite di una candela o un fiammifero?
foto di Rafoto

Si può usare questa tecnica per illuminare gli oggetti?

Una variante della scrittura con la luce è l’illuminazione di zone particolarmente scure. Supponiamo di passeggiare sulla spiaggia buia e trovare delle sculture di sabbia, come le fotografiamo? Per puro caso abbiamo con noi un cavalletto, la fida Reflex ed una torcia (in questo caso, meglio ad incandescenza che a led): sistemiamo cavalletto e macchina fotografica, prepariamoci alla foto in modalità Bulb e….cominciamo a correre tra i vari pezzi della scultura con la torcia spenta. Una volta vicino al particolare che ci interessa, LUCE. Muoviamo la nostra torcia in modo da passare la sua luce su tutta la zona che ci interessa, quindi spegniamola. Spostiamoci verso un’altra zona della scultura e ripetiamo l’esercizio.
Alla fine, se siamo stati bravi nel gestire le zone di luce e buio con la nostra torcia, l’effetto sarà qualcosa del genere:
Foto di William Cho
Il gioco dei chiaroscuri è particolarmente suggestivo ed  è simile a quanto avremmo ottenuto se avessimo installato una serie di faretti fissi…
Articolo precedenteCome fotografare le stelle
Articolo successivoCome si fotografa una silhouette
Fondatore di Fotografare in Digitale, ho sempre amato il mondo della fotografia e la possibilità di catturare un momento, un attimo, una sensazione tramite un semplice scatto. Nato come fotografo per caso quando misi le mani sulla mia prima Nikon D1, ho ampliato le mie conoscenze ed esperienze fotografiche, decidendo quindi di condividerle con chiunque fosse interessato alla fotografia. Sono un fotografo amatoriale di buon livello e continuo imperterrito a girare per le città con la fedele Nikon (ora una D800) appesa al collo.