La regola dei terzi nella composizione fotografica

0
4971

La regola dei terzi è una delle basi della composizione. Si tratta di una semplice regola che divide l’immagine in nove quadranti tramite due righe verticali e due righe orizzontali posizionate ad 1/3 e 2/3 della scena o meglio della scena che vediamo tramite l’oculare o il display: moltissime macchine fotografiche, per aiutare il fotografo, permettono di sovrapporre alla scena proprio questa griglia.

Abbiamo già parlato di questa tecnica di composizione nel post sui sistemi assiali riportando esempi di fotografi storici che, possiamo dire, hanno creato queste tecniche: replicarle ovviamente è si facile dal punto di vista squisitamente tecnico, ben più difficile da quello artistico.

La griglia dei terzi

La regola dei terzi è banalmente semplice: bisogna comporre la scena in modo tale che i punti focali della scena ricadano sulle linee o sui punti di intersezione di questi ultimi.

Come utilizzare la regola dei terzi

Quando si inquadra una scena per scattare una foto, immaginate la scena divisa in settori come nella griglia di sopra. Pensate a quali elementi della foto sono più importanti e cercate di posizionarli in corrispondenza o in prossimità delle linee e delle intersezioni della griglia. Non devono essere perfettamente allineati finché sono vicini.

Potrebbe essere necessario spostarsi per ottenere la composizione migliore. Questo ti costringe a pensare più attentamente al tiro, ed è una buona abitudine per capire se stai usando o meno la regola dei terzi.

Per aiutarvi, alcune fotocamere hanno un’impostazione che sovrappone alla vostra foto la regola dei terzi. Questo elimina tutte le congetture e vi aiuta ad ottenere un posizionamento ancora più preciso.

regola dei terzi
Copyright Thibault ROLANDAlcuni diritti riservati

Paesaggi

Potete applicare la regola dei terzi alla vostra fotografia di paesaggio seguendo alcune semplici linee guida. Per iniziare, allineate l’orizzonte dello scatto con una delle linee orizzontali della tua regola dei terzi (quella in basso è di solito la migliore).

Naturalmente, l’orizzonte non deve necessariamente allinearsi esattamente con la linea orizzontale. La chiave qui è usare la regola della griglia dei terzi per aiutarvi a inquadrare meglio lo scatto ed evitare cose come tagliare l’immagine a metà allineando l’orizzonte attraverso il centro della cornice.

Se avete altri elementi all’interno della vostra foto di paesaggio, puntate a posizionarli vicino ad almeno uno dei quattro punti di interesse.

Ricordate, è qui che i vostri spettatori guarderanno per primi. Dovreste fare una buona impressione aggiungendo qualcosa di interessante ed emozionante vicino al punto focale.

Ritratti

È possibile utilizzare la regola dei terzi su qualsiasi tipo di fotografia che si sta scattando, anche ritratti. Infatti, l’utilizzo della regola dei terzi nei ritratti vi aiuterà a trasformare una semplice fotografia in una foto mozzafiato, basata solo sulla posizione del soggetto.

regola dei terzi
By: Roberto BusattoCC BY 2.0

Ecco alcuni altri consigli per stabilire la regola dei terzi quando si fotografano le persone:

  • Cercate di allineare il corpo della persona con una delle linee verticali della griglia
  • Se il soggetto guarda a destra (la tua sinistra), mira a farli allineare con la linea verticale destra nella griglia (e viceversa se il soggetto guarda a sinistra)

Ci saranno momenti in cui farete un ritratto, e il soggetto della vostra foto sarà il punto morto. Quando ciò accade, cercate di catturare la persona che si sporge su entrambi i lati per dare all’inquadratura un maggiore interesse visivo. Inoltre, posizionate gli elementi, come i loro occhi, sul punto di interesse.

In questo modo, potrebbe sembrare che tu stia gettando la tua foto fuori bilancio. E questo è normale quando si è appena agli inizi.

Ma fidatevi di noi, posizionare le persone lungo le linee della vostra griglia sta in realtà facendo sentire le vostre immagini più equilibrate. Avete scattato una bella foto, ma avete notato che la persona è al centro e non è realmente inclinata su entrambi i lati? È tutto a posto!

Ricordate, la maggior parte dei software di editing ha strumenti di ritaglio avanzati per rendere facile la riquadratura delle vostre immagini per rispettare la regola dei terzi.

Limitazioni della regola dei terzi

Ma cosa succede se nell’immagine non c’è semplicemente nulla a cui applicare la regola dei terzi? Anche se raro, questo potrebbe essere il caso di composizioni estremamente astratte. Tuttavia, può comunque valere lo “spirito della regola”: dare alla foto un senso di equilibrio senza far apparire il soggetto troppo statico e immutabile.

regola dei terzi
Photo by Daniel Olah on Unsplash

Nell’esempio qui sopra, non c’è nemmeno una singola linea o un soggetto che possa essere allineato con i terzi dell’immagine. Forse la regione di luce a forma di C può essere raggruppata in una regione di terzi superiore, centrale e inferiore, ma questo probabilmente la spinge. Indipendentemente da ciò, l’immagine è in media più luminosa a sinistra rispetto alla sua destra – creando di fatto una composizione decentrata.

Esempi di applicazione della regola dei terzi

Come primo esempio, guardiamo questo fiore: il fotografo ha fatto in modo che la corolla sia posizionata perfettamente sul punto di intersezione di due linee mentre il gambo si sviluppa lungo la linea del secondo terzo.

regola dei terzi
By: Roberto BusattoCC BY 2.0

In questo panorama il fotografo ha fatto in modo che sole e riflesso siano allineati su linea a sinistra mentre  orizzonte risulta allineato con la linea più bassa della griglia dei terzi.

Regola dei terzi
Copyright Beppe – Fotografare in Digitale

Nel caso di ritratti, bisogna fare in modo che l’occhio ricada in un punto di intersezione o che la linea degli occhi o la bocca coincidano con una delle linee orizzontali della griglia. Nella foto di sotto, il fotografo ha fatto anche in modo che il soggetto sia completamente nel terzo terzo della scena (o almeno la parte predominante del soggetto stesso).

regola dei terzi
By: Alan CleaverCC BY 2.0

Nella foto di O’Nions la regola dei terzi è applicata alla lettera: la ragazza è posizionata sulla riga sinistra, la testa all’intersezione delle due linee e l’orizzonte è nel rigo “alto”.

 

rot12
Copyright Nathan O’NionsCC BY 2.0

Rogercarr, nella sua foto, ha posizionato gli occhi del bambino sono sulla riga “alta” e l’occhio sinistro è all’intersezione di due righe, così come l’occhio destro. La bocca non è sulla riga bassa ma la foto è in formato landscape (non sarebbe stato possibile).

rot14
Copyright Rogercarr – NC BY 2.0

Anche nel seguente panorama la regola dei terzi è rispettata: le due guglie più alte sono in concomitanza dei due vertici alti della griglia. La persona è posizionata vicino alla riga sinistra.  Unico difetto, le linee sono un po’ storte ma è colpa della prospettiva e del punto di scatto.

 

rot7
Copyright by jeco

Anche in questa composizione, è stata rispettata la regola dei terzi:

regola dei terzi
sunnivalode97 / Pixabay

Il carrello è nella parte destra, così come il palo.

Rompere la regola dei terzi

Ormai, l’artista libero e creativo che sei probabilmente si sente un po’ angustiato dall’apparente rigidità di questa regola. Tuttavia, tutte le regole sono destinate a essere infrante prima o poi – e questa non fa eccezione. È il momento di scatenare quel ribelle interiore. Sempre che sia per una buona causa.

Un principio centrale della regola dei terzi è che non è l’ideale mettere un soggetto al centro di una fotografia. Ma se si volesse sottolineare la simmetria del soggetto? L’esempio a sinistra fa proprio questo.

Allo stesso modo, ci sono molte altre situazioni in cui sarebbe meglio ignorare la regola dei terzi piuttosto che usarla. Ad esempio, potreste voler far apparire il vostro soggetto più accattivante. In alternativa, potreste voler mettere le cose fuori equilibrio.

È importante chiedersi: cosa c’è di speciale in questo argomento e cosa voglio sottolineare? Che umore voglio trasmettere? Se la regola dei terzi ti aiuta a raggiungere uno di questi obiettivi, allora usala. Altrimenti, non lasciate che intralci la vostra composizione.

In Conclusione

Come si può capire, la regola dei terzi è una regola semplice e facile da realizzare ma questo non significa che sia legge. Lo stesso Adams spesso e volentieri ha fatto a meno della regola dei terzi per esplorare nuovi orizzonti e per stupire l’osservatore. Fare una foto tecnicamente perfetta non significa fare una bella foto, anzi: probabilmente sarà noiosa e piatta. Cercate insomma di andare oltre la regola dei terzi, tentando sempre di inventare qualcosa.

 

Pubblicato Aprile 2012, aggiornato Giugno 2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.