I generi fotografici: la fotografia di moda

La fotografia di moda, a differenza della fotografia glamour che ha un approccio molto easy e più rilassato, è un genere che richiede molta autorità e professionalità. Molti fotografi amatoriali, prima di avvicinarsi allo shooting di moda, passano da quello glamour per fare pratica e anche per imparare a gestire una modella. L’ansia, lo stress e la mancanza di voglia sono i peggiori nemici della fotografia di moda, perché questi stati d’animo possono riflettersi in modo negativo sulla modella e di conseguenza anche sulla qualità delle composizioni.

Come organizzarsi prima dello shooting

Un aspetto fondamentale della fotografia di moda è l’organizzazione: ogni shooting di moda viene preparato con cura, anche diverse settimane prima. Normalmente il fotografo comincia con la redazione di una lista di cose da fare, o da procurare, poi inizia a provare qualche tecnica e composizione che ha nella sua mente per ogni scatto, infine fa diverse prove in fase di post-produzione. Si occupa inoltre della location, del makeup, degli accessori e dei vestiti da far indossare alla modella, annotando ogni cosa in un taccuino, poi procede con la preparazione delle ottiche e prova alcune posizioni in modo calmo e coerente.

fotografia di moda
By: Henry JoseCC BY 2.0

Fotografia di moda: cosa prende in considerazione?

La fotografia di moda riguarda soprattutto la bellezza e i vestiti, quindi tutta la scena deve avere solo gli elementi che enfatizzano questi due aspetti e la modella che ha in sé. Se lo shooting è incentrato sui vestiti, il fotografo dovrà assicurarsi che il che il trucco e l’acconciatura siano adeguati, e viceversa. Se il suo obiettivo è uno stile dark e provocante, di solito abbonda con il trucco, usando colori molto scuri e acconciature al limite della gravità, mentre per un look più innocente opta per tinte pastello, un makeup appena accennato e capelli che sembrano fluttuare liberi nel vento. Le modelle che vengono utilizzate per la fotografia di moda hanno occhi a mandorla o sguardi molto espressivi, labbra grandi, un mento piccolo e un viso simmetrico, poiché sono le più commerciali e le più richieste dalle aziende.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Lo studio della location

La location di uno shooting di moda richiede uno studio ancora più approfondito rispetto ad uno glamour. Il luogo ideale per il servizio è lo studio, perché in questo modo il fotografo può controllare le luci e stabilizzare le condizioni, ma se si sceglie di farlo in outdoor, bisogna misurare l’area per evitare la comparsa di ombre inaspettate e un uso eccessivo del flash. Attenzione anche alla luce: se fate le vostre riprese al tramonto o in piena luce solare, è possibile che vi occorreranno delle luci in più. Provate sempre l’effetto delle luci a casa, così che non dobbiate farlo una volta giunti sulla location, perdendo tempo prezioso.

fotografia di moda
By: fervent-adepte-de-la-modeCC BY 2.0

Lo specchio, l’accessorio segreto del fotografo di moda

Alcuni elementi possono rendere unica una composizione, ma ce n’è uno in particolare che è il vero segreto del fotografo di moda: lo specchio. Uno specchio può fungere sia da elemento di scena, sia un mezzo per raccontare una storia. Attraverso lo specchio, il fotografo può riprendere la modella sia di schiena, sia di fronte, oppure di lato. Può anche azzardare immagini più ardite, come ad esempio fotografare di lato una modella mentre si specchia, oppure mentre ha il viso voltato dall’altra parte, ottenendo un risultato di gran classe.

La scelta della location

Scegliete con molta cura la location dove volete fare il vostro servizio di moda. Se la vostra modella si propone con un trucco pesante e un look provocante, optate per un contesto urbano, mentre se invece sceglierete un look più primaverile ed estivo, oppure naturale e con tinte pastello, provate a scattare le vostre foto in un campo di grano, in un prato, in riva al mare o in un bosco.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

fotografia di moda
By: Daniel M VieroCC BY 2.0

Fotografia di moda: cambiate prospettiva di frequente

Come nell’esecuzione di un ritratto o nella fotografia glamour, anche nella fotografia di moda basta un secondo perché l’espressione della modella cambi, donando un tocco diverso all’immagine. Potete ottenere anche degli effetti inaspettati avvicinandovi di più al soggetto con l’obiettivo, inginocchiandovi, salendo sopra una scala oppure lavorando su un angolo obliquo.

Fotografia di moda: l’importanza dell’assistente

La fotografia di moda viene approcciata di solito da soli, ma se c’è qualcuno disponibile in famiglia, tra i vostri amici o tra i vostri compagni di scuola, potete domandare loro di farvi da assistente. Spesso i più grandi fotografi di moda si accompagnano a questo tipo di figura per preparare la location, procurare i vestiti o il makeup, oppure portare in giro l’attrezzatura necessaria per fare lo shooting.

fotografia di moda
By: Chris MarchantCC BY 2.0

Esercizio pratico: fotografate un’aspirante modella

Se siete fotografi amatoriali o non potete contare su un carnet di modelle, per iniziare con la fotografia di moda potete cercare un’aspirante modella che abbia una o più delle caratteristiche che abbiamo elencato e che devono avere le modelle. Vestitela con un abito dalle tinte pastello e procuratevi un cappello dai toni primaverili, poi fatela sedere su un prato con le gambe che formano un angolo di 75 gradi. Sistemate il cappellino poco distante dalla modella, poi fatele appoggiare le mani sul terreno e appena poco dietro i fianchi, dopodiché salite su una scala o sopra una sedia, e domandatele di guardare in alto. Già solo questa è una fotografia di moda di molto effetto ed è anche molto utilizzata dalle riviste. Per ottenere degli effetti differenti, potete fotografarla anche di lato, meglio ancora se con il cielo alle spalle (se c’è vento, cogliete l’occasione per scattare qualche foto in primo piano, cercando di riprendere i capelli che volano attorno alla modella. Un tempo di esposizione breve potrà tornarvi molto utile), oppure provate altre posizioni per ottenere dei risultati diversi. Per enfatizzare ancora di più i colori e la bellezza dell’ambiente e della modella, usate la modalità creativa che avete sulla macchina oppure quella specifica per i ritratti. Attenzione: nel caso di quest’ultima, il viso e il corpo saranno messi molto in risalto, mentre l’ambiente circostante apparirà messo in secondo piano e leggermente sfocato.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Articolo precedenteI generi fotografici: la fotografia pubblicitaria
Articolo successivoI generi fotografici: la fotografia di nudo
Francesca Orelli: è nata a Mendrisio (Svizzera) il 9 febbraio 1988, ma ha viaggiato in tutta l'Europa e attualmente vive in un piccolo paesino della Valle di Muggio e immerso tra le montagne. Ha iniziato a muovere i primi passi come fotografa nel 2009 e adesso esercita la professione come freelance, dopo essersi specializzata nella fotografia pubblicitaria, naturalistica, still life e glamour. Quando non ha l'occhio o lo sguardo fisso sullo schermo LCD della sua Nikon 600D o della sua Canon 1100D, studia per laurearsi in lettere moderne e collabora attivamente come seo writer e giornalista indipendente per diversi blog. Tra le sue pubblicazioni: “Sognando Rock” (Edizioni Creativa, 2008), “Nelle mani della ribelle” (Edizioni Leucotea, 2012) e “Innamorata di un cantante” (Edizioni Leucotea, 2015).