La messa a fuoco

0
144

Una tecnica importante da capire in fotografia, soprattutto quando si inizia, è il concetto di messa a fuoco. Se non si mette a fuoco correttamente, si finisce per avere foto sfocate anche quando tutte le altre impostazioni della fotocamera sono corrette. La messa a fuoco può essere facile o difficile a seconda del soggetto, come un paesaggio che non si muove contro un uccello che si muove velocemente in volo. Questa guida tratta tutto ciò che è necessario sapere per mettere a fuoco correttamente e catturare immagini nitide.

Cos’è la messa a fuoco?

In ogni foto che scattate, ci sarà un piano di messa a fuoco. Questa è la regione nello spazio con il potenziale di essere il più nitido possibile in una foto.

Alcuni trovano utile pensare al piano di messa a fuoco come una finestra che si interseca con la scena che si sta fotografando. Qualsiasi oggetto nella tua foto che tocca questa finestra è detto essere “a fuoco”. Quando si sposta il piano in avanti e indietro per ottenere l’immagine desiderata, di solito con il soggetto alla massima nitidezza, questa si chiama messa a fuoco.

messa a fuoco
Photo by Jenna Hamra on Pexels

Con le moderne attrezzature, la messa a fuoco avviene tipicamente all’interno dell’obiettivo, che ha all’interno elementi di vetro che possono muoversi in avanti e indietro per cambiare il percorso ottico della luce. Sulla stessa linea, se si sposta fisicamente l’obiettivo più lontano dalla macchina fotografica, si cambia il punto in cui è posizionato il piano di messa a fuoco. (È così che funzionano i tubi di prolunga per la macrofotografia).

La messa a fuoco avviene in modo automatico o manuale. La messa a fuoco automatica, o autofocus, è quando il sistema della fotocamera aziona un motore per muovere gli elementi dell’obiettivo per cambiare la messa a fuoco. Per mettere a fuoco manualmente, è necessario ruotare un anello o un meccanismo simile sull’obiettivo.

Messa a fuoco manuale o autofocus

All’inizio della fotografia, ogni singolo obiettivo era solo a fuoco manuale (e molti obiettivi oggi lo sono altrettanto). L’autofocus è un’invenzione relativamente nuova nella storia della fotografia, apparsa per la prima volta sul mercato nel 1977. Tuttavia, è un’invenzione importante.

I sistemi di messa a fuoco automatica utilizzano un motore nella fotocamera o nell’obiettivo per mettere a fuoco un soggetto selezionato manualmente o automaticamente. Quindi, basta premere un pulsante sulla fotocamera, e questa metterà a fuoco il soggetto scelto – o sceglierne uno per voi, se preferite. Molto utile.

La maggior parte dei fotografi usa la messa a fuoco automatica più spesso della messa a fuoco manuale. La ragione principale è semplicemente la convenienza; è più facile che mettere a fuoco manualmente. La messa a fuoco automatica tende anche ad essere più veloce e, in molti casi, è anche più precisa (come ad esempio il tracciamento della messa a fuoco su un soggetto in movimento). Questo è il motivo per cui i fotografi di sport e di fauna selvatica tendono ad affidarsi così tanto all’autofocus.

Eppure, la messa a fuoco manuale è rimasta in giro per un motivo. Se la fotocamera ha problemi di messa a fuoco, ad esempio in condizioni di oscurità, la messa a fuoco manuale consente di ignorare qualsiasi problema o di effettuare regolazioni precise che la fotocamera potrebbe aver tralasciato. E se si imposta l’obiettivo sulla messa a fuoco manuale, è possibile bloccare la messa a fuoco per una serie di foto in fila. Anche se la maggior parte dei fotografi usa la messa a fuoco automatica più della messa a fuoco manuale, è una buona idea avere familiarità con entrambi.

Rilevamento di fase contro il rilevamento del contrasto

Come funziona l’autofocus a livello tecnico? Non è necessario conoscere la scienza che c’è dietro, a meno che non siate interessati, ma dovreste comunque avere familiarità con i due principali tipi di sistemi di autofocus oggi: il rilevamento di fase e il rilevamento del contrasto. Ognuno ha i suoi punti di forza e le sue debolezze:

  • La rilevazione di fase è molto veloce e precisa a tracciare i soggetti in movimento, poiché non richiede un grande lavoro di calcolo da parte della fotocamera. Tuttavia, è anche più soggetto ad errori e a problemi di disallineamento interno. Alcune telecamere consentono di calibrare il sistema di rilevamento delle fasi per ridurre al minimo gli errori. (Vedere la nostra spiegazionedettagliata di come funziona l’autofocus a rilevamento di fase).
  • Il rilevamento del contrasto richiede che la vostra telecamera elabori più dati, il che significa che generalmente ci vuole più tempo per bloccare la messa a fuoco. Di conseguenza, non è brava a tracciare i soggetti in movimento. Tuttavia, il rilevamento del contrasto tende ad essere più preciso, poiché il sistema di messa a fuoco automatica misura direttamente i dati del sensore della fotocamera. Questo è un bene quando il soggetto non si muove così velocemente, come nella fotografia di paesaggio.
    Buono a sapersi, ma come si fa a impostare l’uno o l’altro per una data foto?

In realtà è abbastanza facile. Nella maggior parte delle fotocamere DSLR, il rilevamento di fase avviene ogni volta che si esegue la messa a fuoco automatica tramite il mirino. Il rilevamento del contrasto avviene ogni volta che si esegue la messa a fuoco automatica tramite lo schermo LCD posteriore. Quindi, basta usare il mirino o la vista dal vivo di conseguenza. (La maggior parte delle fotocamere mirrorless ha un solo sistema, di solito un ibrido, quindi non è possibile passare da una fotocamera all’altra; vedere DSLR vs mirrorless).

Tenete presente che in una foto c’è sempre un “piano di messa a fuoco ideale” – di solito, che si interseca con il vostro soggetto principale. Sia il rilevamento di fase che il rilevamento del contrasto possono farvi arrivare a questo punto. È solo che la rilevazione di fase tende a farlo più rapidamente e con un migliore tracciamento, mentre la rilevazione di contrasto può farlo con maggiore precisione per i soggetti non in movimento.

Autofocus continuo vs Autofocus singolo

Un’altra importante decisione da prendere quando si utilizza l’autofocus è quella di scegliere la modalità di messa a fuoco. Le due opzioni più importanti e comuni sono l’autofocus a continuo e l’autofocus a singolo:

  • La messa a fuoco continua è nota anche come AI Servo (Canon) e AF-C (Nikon). In sostanza, significa che la fotocamera regola continuamente la messa a fuoco ogni volta che si tiene premuto il pulsante di messa a fuoco. Questo è l’ideale quando si fotografa un soggetto in movimento e si cerca di seguirne la posizione.
  • La messa a fuoco singola, nota anche come Single-servo è anche conosciuto come One-Shot (Canon) e AF-S (Nikon). In questo caso, una volta che la fotocamera acquisisce la messa a fuoco, non si riaggiusta fino a quando non si lascia andare il pulsante di messa a fuoco e si prova di nuovo. Questo è l’ideale quando il soggetto e la fotocamera sono completamente fermi, e non c’è bisogno di continuare a regolare di momento in momento per una corretta messa a fuoco.
  • Alcune fotocamere hanno una terza modalità – Auto-Servo Autofocus – che analizza la scena e sceglie automaticamente tra queste due opzioni. Anche se la vostra fotocamera dispone di questa modalità, tuttavia, è comunque importante sapere cosa fa ciascuna di esse, poiché è sempre possibile che la selezione automatica commetta un errore.

Se si utilizza la messa a fuoco automatica, si consiglia l’autofocus per la tipica fotografia di paesaggio e di architettura, e l’autofocus continuo per la maggior parte delle altre immagini, come la fauna selvatica o lo sport.

Modalità di messa a fuoco automatica dell’area

Una parte importante della messa a fuoco è la scelta del giusto modo di messa a fuoco automatica dell’area. Qui è dove si dice alla fotocamera quale tipo di strategia di messa a fuoco si vuole applicare, in modo che possa prendere le migliori decisioni su come seguire la messa a fuoco del soggetto.

Abbiamo già una guida approfondita alle modalità di messa a fuoco automatica che copre tutto questo in dettaglio, quindi consultatela se volete maggiori informazioni su questo argomento. Tuttavia, l’importante è che il vostro sistema di messa a fuoco automatica sia composto da punti di messa a fuoco, che corrispondono alle regioni su cui la vostra fotocamera può mettere a fuoco. Ad esempio, ecco alcune mappe separate dei punti di messa a fuoco sulle DSLR oggi:

punti di messa a fuoco
I punti di messa a fuoco in differenti modelli di macchina fotografica

Di solito è meglio un numero maggiore di punti di messa a fuoco. Così come una maggiore diffusione (area di copertura complessiva). È più facile tracciare un soggetto in movimento quando la fotocamera ha diversi punti di messa a fuoco che coprono un’ampia porzione dell’immagine. Tuttavia, è comunque necessario dire alla fotocamera come utilizzare tali punti, altrimenti non sarà particolarmente utile. È qui che entrano in gioco le modalità di area di messa a fuoco automatica:

  • Autofocus a punto singolo: La fotocamera utilizza un punto di messa a fuoco per l’autofocus: il punto di messa a fuoco selezionato. Questo è utile quando la fotocamera e il soggetto non sono in movimento, e non è necessaria alcuna capacità di tracciamento. Può funzionare con l’autofocus continuo, ma non tiene traccia degli oggetti in rapido movimento su più punti.
  • Autofocus dinamico: si seleziona un singolo punto di messa a fuoco per la fotocamera da utilizzare. In questo caso, però, può tracciare il soggetto se si sposta in alcuni dei punti circostanti (di solito è possibile specificare a quanti punti la fotocamera presta attenzione). Questa modalità di area è ottima per la fotografia naturalistica.
    Autofocus 3D Tracking: La fotocamera segue il vostro soggetto mentre si muove attraverso i punti di messa a fuoco. A differenza della modalità Dynamic AF-Area standard, non ci si aspetta che la fotocamera si posizioni in modo da mantenere il soggetto il più vicino possibile al punto originale selezionato. Questo è un bene anche per la fotografia naturalistica, anche se non sempre è così veloce e precisa come la più semplice modalità Dynamic AF-Area.
  • Messa a fuoco automatica dell’area di gruppo: La fotocamera utilizza più punti autofocus contemporaneamente, di solito cinque. Dà a tutti loro la stessa priorità, e mette a fuoco l’oggetto più vicino situato su uno qualsiasi dei cinque punti. Questo è utile per situazioni di autofocus difficili, come ad esempio un uccello in rapido movimento in volo.
  • L’autofocus Auto-Area è quando la fotocamera scansiona automaticamente la scena e decide sul soggetto (spesso l’oggetto più vicino alla fotocamera, o un volto). Sconsigliamo questa modalità, in quanto offre meno controllo.

Non tutte le fotocamere hanno tutte queste opzioni, e alcune possono anche avere modalità di area aggiuntive, specialmente per l’autofocus video. I nomi specifici possono anche essere diversi a seconda della vostra singola fotocamera – ma questa è la struttura generale delle opzioni che vedrete.

Imparerete rapidamente quali modalità di area vi piacciono e come ottenere il maggior numero di custodi in determinate situazioni. Tuttavia, la padronanza completa di queste modalità richiede molto tempo e molta pratica, e non è il genere di cose che si può imparare da un giorno all’altro.

Il pulsante AF-On

Per impostazione predefinita, la maggior parte delle fotocamere esegue la messa a fuoco automatica quando si preme il pulsante di scatto a metà corsa. Anche se questa è una bella caratteristica, ci sono momenti in cui si desidera che le due azioni – la messa a fuoco e lo scatto di una foto – siano separate l’una dall’altra. La maggior parte delle fotocamere consente di farlo assegnando la messa a fuoco a un pulsante diverso, spesso chiamato AF-On, e rimuovendolo dal pulsante di scatto. Questo è anche chiamato “messa a fuoco del pulsante posteriore”.

AF-On è esattamente come premere a metà il pulsante di scatto, ma è solo in una posizione diversa. Potrebbe non sembrare un grosso problema, ma ci sono molte situazioni in cui non si vuole che la fotocamera torni a fuoco quando si preme il pulsante di scatto, quindi AF-On è una caratteristica cruciale. Si consiglia di utilizzarlo al posto del pulsante di scatto, se possibile. Praticamente non ci sono negativi e diversi potenziali positivi.

Quindi, quando AF-On aiuta una foto?

  • Se si desidera bloccare la messa a fuoco su più foto. Basta premere il pulsante AF-On per mettere a fuoco, e poi non premerlo più fino a quando non si è catturato il set di foto desiderato. Questo è più veloce che passare alla messa a fuoco manuale ogni volta che si desidera bloccare la messa a fuoco per una serie di immagini.
  • Se volete mettere a fuoco e ricomporre. Diciamo che volete una composizione in cui il vostro soggetto si trova al limite estremo della foto. In questo caso, è improbabile che i punti di messa a fuoco automatica raggiungano una distanza sufficiente. Quindi, basta mettere a fuoco utilizzando uno dei punti esistenti, quindi riposizionare la composizione come si desidera. Questo è molto più naturale con il pulsante AF-On – che si può lasciare andare dopo aver messo a fuoco – rispetto a quando si preme il pulsante dell’otturatore a metà corsa per tutto il tempo. (Per saperne di più sulla messa a fuoco – ricomporre).
  • Se avete bisogno di aspettare un po’ prima di scattare la foto. Potreste trovarvi in situazioni in cui avete bisogno di mettere a fuoco, e poi aspettare un po’ di tempo prima di scattare la foto. Per esempio, forse state fotografando una tana di volpe, e state aspettando che la volpe sbirci la sua testa. Con il pulsante AF-On, è possibile mettere a fuoco nel punto giusto e aspettare, quindi scattare la foto il più velocemente possibile quando arriva il momento giusto, pur essendo pronti a rimettere a fuoco velocemente se necessario.

Questi sono tra gli altri i motivi per cui consigliamo vivamente di passare dalla messa a fuoco con scatto alla messa a fuoco AF-On. Se avete sempre usato il pulsante di scatto per l’autofocus, potrebbe essere un po’ imbarazzante per i primi giorni dopo il passaggio, ma alla fine non ve ne pentirete. (Alcune fotocamere non hanno un pulsante AF-On, ma sarete quasi sempre in grado di personalizzare uno dei pulsanti per lo stesso scopo).

Dove mettere a fuoco

La maggior parte delle volte, dovreste semplicemente concentrarvi sul vostro argomento principale. In genere, se stai fotografando una persona, metti a fuoco uno dei suoi occhi. Lo stesso vale per la fotografia naturalistica, la fotografia di eventi e così via. Tuttavia, a volte, quando ci si concentra, si ha un po’ di libertà artistica. Diciamo che stai fotografando un fiore. Dovreste concentrarvi sul petalo più vicino o sul centro colorato? Nessuna delle due opzioni è sbagliata. Si riduce all’effetto che si vuole trasmettere in un’immagine.

Gli oggetti più nitidi della vostra foto spiccano. Potete utilizzarli a vostro vantaggio. Se volete, potete mettere a fuoco un punto inaspettato per attirare l’attenzione su una parte specifica della vostra foto. Ad esempio, scattate una foto “ritratto” in cui mettete a fuoco le mani della persona piuttosto che gli occhi, anche se il suo volto è visibile nella vostra foto. Non ci sono regole infrangibili per i punti su cui concentrarsi. È una decisione creativa e artistica.

Conclusione

La messa a fuoco è un argomento molto importante nella fotografia. Quando le vostre foto sono ben focalizzate, saranno nitide e dettagliate, con un senso dell’intenzione e dell’abilità dietro di esse. Questo vale per ogni tipo di fotografia, dallo sport al paesaggio. È meglio imparare le cose nel modo giusto il più presto possibile, in modo da non cadere in cattive abitudini lungo la strada.