Cos’è la Composizione in Fotografia?

91

Il termine “composizione” non si applica solo alle arti visive, ma anche alla musica, alla danza, alla letteratura e praticamente a qualsiasi altro tipo di arte. In certi contesti, come la scrittura, questo termine può non essere così diffuso, ma è comunque altrettanto valido. In generale, il termine “composizione” ha due significati distintivi, ma correlati.

In primo luogo, “composizione” descrive la collocazione di oggetti ed elementi relativi in un’opera d’arte. Di conseguenza, la composizione è un aspetto chiave di una buona opera d’arte. Non c’è modo di sottolineare troppo l’importanza della composizione. Ogni aspirante artista dovrebbe prestare molta attenzione alla composizione del suo lavoro. Una buona composizione è una composizione che ha appena sufficiente dettaglio. Troppi pochi elementi sono un male perché privano l’opera d’arte dei dettagli necessari che rendono possibile una corretta interpretazione. Rovina anche l’equilibrio di un’immagine. E troppi elementi possono anche essere molto distraenti. Una buona composizione richiede un buon equilibrio. È meglio assicurarsi che tutti gli elementi presenti siano necessari per l’idea o la storia che si vuole trasmettere.

In alcuni casi, composizione può significare l’opera d’arte stessa ed è un sinonimo di questo termine. Per esempio, quando si parla di una specifica installazione o danza, si può usare una frase “Questa composizione…”. Una tale definizione si applica ampiamente anche alla musica (i cui creatori sono noti come compositori) e ai dipinti.

Che cos’è la composizione in fotografia?

Ora che conosciamo la definizione generale del termine “composizione”, non è troppo difficile capirne il significato in fotografia. In parole povere, comporre un’immagine significa disporre gli elementi al suo interno in modo che si adattino al meglio all’idea o all’obiettivo del proprio lavoro. La disposizione degli elementi può essere fatta muovendo effettivamente gli oggetti o i soggetti. Un buon esempio per questo caso è la fotografia di ritratto o di natura morta. La fotografia di strada implica l’anticipazione, poiché il fotografo di solito non ha la scelta di spostare i suoi soggetti da solo, ma deve aspettare che essi assumano la posizione più adatta all’interno dell’inquadratura. Un altro modo di disporre gli elementi è quello di cambiare la propria posizione. Questo modo è appropriato in circostanze che non permettono al fotografo di muovere fisicamente nulla, come la fotografia di paesaggio.

composizione
Photo by Bluesnap on Pixabay

La composizione è un modo per guidare l’occhio dello spettatore verso gli elementi più importanti del proprio lavoro, a volte – in un ordine molto specifico. Una buona composizione può aiutare a realizzare un capolavoro anche con gli oggetti e i soggetti più noiosi negli ambienti più semplici. D’altra parte, una cattiva composizione può rovinare completamente una fotografia, nonostante l’interesse del soggetto. Una composizione mal giudicata non è nemmeno qualcosa che si può di solito risolvere in post-elaborazione, a differenza di semplici e comuni errori di esposizione o di bilanciamento del bianco. Il ritaglio può talvolta salvare un’immagine, ma solo quando l’inquadratura più stretta e la rimozione di alcune parti dell’immagine è la soluzione corretta. Ecco perché dare molta importanza alla scelta della composizione prima di catturare un’immagine è un passo della massima importanza.

Anche la lunghezza focale, il diaframma, l’angolo a cui si sceglie di posizionare la fotocamera rispetto al soggetto influiscono notevolmente sulla composizione. Ad esempio, la scelta di un diaframma più ampio offuscherà lo sfondo e il primo piano, diminuendo di fatto l’importanza degli oggetti posti al suo interno. Inoltre, il più delle volte si otterrà una maggiore ombreggiatura degli angoli (vignettatura), che aiuterà a mantenere l’occhio dell’osservatore all’interno dell’inquadratura più a lungo.

D’altra parte, chiudendo il diaframma si mettono a fuoco più oggetti, il che, a sua volta, può portare a un migliore equilibrio dell’immagine. In che modo? Banalmente, più oggetti a fuoco possono attirare più attenzione di una forma sfocata, ma non sempre (vedere l’esempio di immagine qui sotto). Un fotografo esperto utilizzerà tutti i mezzi disponibili per ottenere il risultato desiderato. Vale la pena notare che la messa a fuoco degli oggetti in primo piano o sullo sfondo non nega il loro contributo alla composizione complessiva dell’immagine. Forme semplici, toni, ombre, riflessi, colori sono tutti elementi forti della composizione.

La composizione di un’immagine diventa alla fine un processo molto naturale. Con sufficiente pratica – badate, non ci può mai essere troppo di una cosa del genere – non dovrete nemmeno pensare alla collocazione di questi elementi. Il vostro subconscio lo farà per voi. Le vostre dita comporranno le impostazioni corrette, il vostro occhio guiderà l’inquadratura. Una composizione scadente vi apparirà immediatamente innaturale e semplicemente sbagliata. Più esperienza avete, migliori saranno le scelte che farete. Il modo migliore per crescere come fotografo è non affrettare le decisioni e non fidarsi del proprio subconscio, ma imparare nuovi modi di comporre la propria immagine. Non che non dovresti fidarti del tuo istinto – ovviamente dovresti farlo. Ma assicuratevi anche di riflettere, di sperimentare, di fare qualche scatto e di analizzarlo durante la post-elaborazione. Vedete cosa funziona meglio, cercate di capire perché e poi sperimentate ancora un po’.

Lo scopo della composizione

Si può supporre che una buona composizione sia quella più piacevole alla vista. Di conseguenza, l’obiettivo di una buona composizione dovrebbe essere quello di mostrare il soggetto o l’oggetto in modo lusinghiero ed esteticamente piacevole. Ma tale opinione è un po’ superficiale. Non tutte le opere d’arte dovrebbero essere piacevoli o belle per lo spettatore. Alcuni artisti cercano di esprimere idee diverse e più forti e il loro soggetto, così come le scelte compositive, aiutano a raggiungere questo obiettivo. Per esempio, se un artista vuole che lo spettatore si senta a disagio o nervoso, sceglierà una composizione che sia meno “naturale” e se ne uscirà con qualcosa di inaspettato e scioccante. Un buon esempio di questo tipo di lavoro è la fotografia di guerra, dove i fotografi spesso cercano di aiutare lo spettatore a percepire quanto sia terrificante e distruttiva la guerra. D’altra parte, un artista può ritrarre le vittime di guerra in un modo molto lusinghiero e di una bellezza inquietante. Così facendo, egli sottolinea la natura brutta della guerra in modo grottesco e sarcastico. Quindi, alla fine, l’obiettivo di una buona composizione è quello di contribuire ad esprimere l’idea dell’artista con i mezzi necessari.

Per cominciare

Questo semplice compito è per i fotografi principianti, che vogliono imparare attivamente insieme ad altri lettori e partecipare alla creazione di questi articoli: nominate le varietà di base (o semplicemente i “tipi”) di composizione che vi sono familiari. Assicuratevi di elencare solo una varietà e cercate di non ripetere quelle che sono già state nominate da qualcun altro. Meglio se non usate Google – mettetevi alla prova e aspettate pazientemente i prossimi articoli :) L’immagine seguente è un suggerimento per uno dei tipi di composizioni di base più evidenti.