Una guida per gestire la vostra attività fotografica dopo il lockdown per COVID-19

68

È sicuro riaprire la sua attività fotografica una volta rimosso il blocco nella vostra zona? Come pensate di renderla sicura?

In tutto il mondo, i blocchi vengono revocati una ad una e alcune delle prime città a farlo stanno pagando il prezzo con l’emergere di una seconda ondata di casi COVID-19. La verità innegabile è che anche se il blocco nella vostra zona viene revocato, ciò non significa che non ci sia più il coronavirus in giro. Inoltre, anche se una seconda ondata non si verifica nella vostra città, non significa che il coronavirus sia stato eradicato. Senza parlare dei vaccini, che se tutto andrà “bene” no arriveranno prima della fine dell’anno. E fino a quando non arriverà il momento in cui avremo un vaccino o una cura standard ampiamente disponibile fino al punto di ridurre virtualmente le implicazioni di COVID-19, il cosiddetto “Nuovo Normale” sarà una situazione di vita in cui ci dovrebbero essere (e ci saranno) severe implicazioni e misure preventive in tutti i settori industriali. Questo ovviamente include fotografi, videografi, studi e case di produzione. Quindi cosa potete fare per proteggere voi stessi e i vostri clienti una volta che il blocco nella vostra zona è stato rimosso?

Raccomandazioni generali

Queste raccomandazioni generali si basano sul materiale dell’OMS sulla prevenzione della trasmissione del coronavirus, con un mix di conoscenze personali supportate da un’educazione medica applicata alla routine dei fotografi. Sarebbe comunque meglio informarsi sempre  sulle raccomandazioni anche presso le autorità locali (sappiamo che in Italia le disposizioni variano da regione a regione) per la sicurezza sul lavoro e le autorità locali per il controllo delle malattie.

Prima di tutto, naturalmente, dovrebbe essere una regolare routine di disinfezione. Il vostro equipaggiamento e i vostri accessori di supporto, se esposti alla folla, potrebbero venire a contatto con goccioline provenienti da un portatore asintomatico. La disinfezione regolare prima e dopo qualsiasi tipo di tiro dovrebbe essere effettuata, naturalmente, insieme ad un accurato lavaggio delle mani. Indossare una maschera protettiva per il viso ha sicuramente un grande valore, soprattutto se si tratta di stare in mezzo alla folla. È anche importante fare sempre degli autocontrolli nel caso in cui si inizi a sviluppare qualche sintomo, andare in quarantena se necessario, e cercare prontamente di consultare un medico per evitare di diffondere il virus. Infine, come l’esperienza può aver insegnato a molti di noi, è importante avere un fondo di emergenza, perché sia che siate solo voi a dover andare in quarantena o che la vostra città debba andare di nuovo in quarantena, sarà un male per gli affari.

I fotogiornalisti, che sono quelli più a rischio, sono quelli che dovrebbero prendere precauzioni extra. Come molti di loro fanno ora, i fotogiornalisti dovrebbero investire in dispositivi di protezione personale di grado medico, come le maschere FPP2/N95 o i respiratori riutilizzabili di grado medico. Sono utili anche i capi di abbigliamento resistenti ai fluidi, insieme alle calzature lavabili che possono essere imbevute di soluzioni disinfettanti.

Fotografi di matrimoni, eventi e concerti

Questi tre saranno ovviamente i più colpiti dalla nuova normalità. In generale, i governi prudenti proibiranno qualsiasi raduno di massa fino a quando COVID-19 non sarà stato veramente controllato e se alcuni raduni avanzeranno, saranno sicuramente molto più piccoli di quanto sarebbero stati in origine. Aspettatevi e sperate che, se ciò dovesse accadere, si osserverà la distanza sociale e le maschere facciali saranno d’intralcio alle vostre foto. Sarebbe saggio indossare almeno una maschera facciale di livello medico durante le riprese di eventi e, naturalmente, una rigorosa routine di disinfezione di tutte le attrezzature e i capi di abbigliamento esposti dovrebbe essere attuata. Molti team di fotografi e videografi di matrimoni si stanno preparando a mettere a disposizione dei loro clienti un servizio di live-stream, soprattutto per coloro che vogliono ridurre al minimo il numero di ospiti che partecipano effettivamente ai loro eventi. Ricordate che più grande è la folla, maggiori sono le possibilità di essere infettati da un portatore asintomatico.

Fotografie in studio

Se lavorate principalmente all’interno dello studio, potreste voler investire su alcune attrezzature di disinfezione come una fornitura costante di soluzioni di disinfezione e uno spruzzatore industriale in grado di coprire le superfici del vostro studio. Sarebbe meglio ridurre al minimo il numero di persone presenti durante le riprese e ridurlo al minimo solo a coloro che fanno effettivamente parte della produzione. Se si fotografano prodotti o cibo, può essere saggio coinvolgere solo se stessi, lo stilista e il direttore artistico e, possibilmente, avere altre persone non fisicamente coinvolte in una videoconferenza durante le riprese. L’equipaggiamento di base per la protezione personale ha un grande vantaggio, soprattutto se le riprese prevedono l’utilizzo di oggetti di scena e di effetti che producono aerosol. Una mossa apparentemente estrema ma vantaggiosa sarebbe quella di richiedere a qualsiasi persona coinvolta di ottenere una qualche forma di autorizzazione da un medico.

Fotografie in sede cliente

Oltre alle raccomandazioni generali per qualsiasi fotografo, quelli che scattano in luoghi specifici, sia che si tratti di lavorare con le modelle o di fotografare la location stessa, sarebbe bene coordinarsi con il cliente per assicurarsi che ogni parte coinvolta abbia una bassa probabilità di avere il virus. I fotografi immobiliari farebbero bene a coordinarsi con il cliente per preparare la location disinfettando l’area prima dello scatto e per ridurre al minimo il numero di persone presenti nella location.

Tour fotografici

I tour e i photo-walk possono essere i meno probabili tra tutte le attività legate alla fotografia semplicemente perché ci si aspetta che ci saranno molte restrizioni sui viaggi durante tutto l’anno. Se dovessero verificarsi, sarebbe saggio chiedere ai partecipanti di ottenere un’autorizzazione medica e di compilare un modulo che dichiari ogni possibilità di esposizione ai pazienti e/o ai portatori di COVID-19. In mezzo a ciò, la distanza sociale e l’uso di maschere protettive saranno sicuramente d’aiuto.

Tutto questo può sembrare assurdo a molti e ci sono ancora molte persone che non credono che quello che sta succedendo sia in realtà così brutto e, credetemi, per il bene di tutti, spero che abbiano ragione. Tuttavia, con tutta l’incertezza che questa pandemia ci sta imponendo, l’unico modo in cui chiunque potrebbe continuare a guadagnarsi da vivere è quello di poterlo fare proteggendosi da qualsiasi evento spiacevole che potrebbe impedirgli di lavorare, o peggio.