come usare un riflettore

0
146

Nel mondo della fotografia non succede niente senza luce. Nella maggior parte dei casi, ci sono due tipi di luce con cui i fotografi lavorano: la luce naturale e la luce artificiale. Anche se spesso mi trovo ad usare fonti di luce artificiale, preferisco usare la luce naturale quando è possibile e mi considero un fotografo di luce naturale. Uno degli strumenti che ha fatto la più grande differenza nella mia fotografia di luce naturale (e, per questo, nella fotografia in studio) è il riflettore. In questa guida, vi mostrerò come usare un riflettore in modo efficace per valorizzare le vostre fotografie semplicemente facendo rimbalzare la luce naturale.

riflettore diffusore
Riflettori e diffusori sono due strumenti vitali quando si tratta di modellare e controllare la luce in studio. Qui è mostrato anche un supporto per riflettori.

Scegliere un riflettore

Se non avete mai acquistato un riflettore prima d’ora, le opzioni che trovate una volta che iniziate a cercare potrebbero essere schiaccianti. Ci sono riflettori grandi e piccoli. Ci sono riflettori rotondi, rettangolari e triangolari. Ci sono riflettori bianchi, oro e argento, così come le combinazioni di questi tre colori con nomi come Sunfire, SoftSilver, Zebra e Sparkling Sun.

Una delle prime cose che vorrete decidere è la dimensione del riflettore di cui avrete bisogno (date un occhiata all’articolo sugli accessori in fotografia). Se state scattando principalmente ritratti individuali, un riflettore più piccolo potrebbe funzionare meglio di uno più grande. Naturalmente, un riflettore più grande produrrà generalmente un’area più ampia di luce più morbida, ma i riflettori più grandi sono anche più difficili da gestire, quindi c’è un compromesso da fare. Un riflettore da 42″ è una dimensione abbastanza comune ed è una bella combinazione di facilità d’uso e di luce piacevole.

Una volta che si conosce la dimensione generale che si sta cercando, si può iniziare a guardare marche e forme diverse. Troverete riflettori che hanno maniglie, staffe o cornici. Troverete anche riflettori che non hanno alcuna caratteristica di fantasia. Di solito si paga un premio e si hanno meno opzioni se si sceglie un riflettore che ha una maniglia o una cornice, ma la maggiore facilità d’uso potrebbe far valere i soldi extra.

Infine, dovrete scegliere quale materiale volete che sia il vostro riflettore. Si tratta di una preferenza puramente personale, e potrebbe cambiare a seconda delle condizioni di illuminazione con cui si sta lavorando. Personalmente preferisco il bianco o un mix bianco/argento. A meno che non sia una giornata nuvolosa, trovo che l’argento sia troppo riflettente e speculare e l’oro troppo caldo. Fortunatamente, la maggior parte dei riflettori sono dotati di coperture realizzate con materiali diversi che si possono cambiare rapidamente a seconda delle esigenze.

studio fotografico, riflettore
Photo by CarlosAlcazar on Pixabay

Uso di un riflettore

Ci sono tanti modi di usare un riflettore quanti sono i riflettori disponibili. Potete tenerlo voi stessi, chiedere a un assistente di tenerlo, chiedere al vostro soggetto di tenerlo, appoggiarlo su qualcosa o comprare un supporto fatto apposta per tenerlo. Potete anche farvi sedere sopra il vostro soggetto!

Come per qualsiasi sorgente luminosa, più è grande rispetto al soggetto, più la luce sarà morbida. Preferisco usare i riflettori per fornire una luce di riempimento morbida, quindi di solito uso il lato bianco o bianco/argento e cerco di farli avvicinare il più possibile al mio soggetto. Se non c’è molta luce con cui lavorare e devo usare il lato argento, sposto il riflettore più lontano dal mio soggetto, in modo che la luce non superi la luce naturale, ma agisca comunque solo come un riempimento.

Un riflettore fa proprio quello che dice: riflette la luce. Se usate il lato argento o oro, non lasciate che il vostro soggetto lo guardi direttamente, soprattutto in pieno sole! L’ultima cosa che volete fare è accecarli temporaneamente. Vedere dove atterra la luce quando si usa un riflettore d’oro o d’argento è facile. Quando si usa un riflettore bianco è un po’ più difficile. Il metodo migliore che ho trovato per usare un riflettore bianco è quello di spostarlo avanti e indietro e guardare la luce sul tuo soggetto. Il cambiamento potrebbe essere sottile, ma sarete in grado di trovare l’angolo giusto per il vostro riflettore con un po ‘di pratica.

Anche se sembra ovvio, se avete difficoltà a trovare la luce riflessa sul vostro soggetto, assicuratevi che la luce colpisca effettivamente il riflettore. Molte volte un ramo o anche il vostro soggetto proietterà un’ombra sul riflettore, riducendo notevolmente la quantità di luce riflessa.

Luce naturale

Ognuno avrà le proprie preferenze su come e quando usare un riflettore con luce naturale, ma vi dirò alcune delle situazioni in cui preferisco usarne uno. Incoraggio tutti a sperimentare con diversi materiali dei riflettori e situazioni di illuminazione per scoprire cosa funziona meglio per voi.

La maggior parte delle mie foto consiste nella retroilluminazione. Prima di iniziare a usare i riflettori, ho fatto saltare lo sfondo ed ero felice. Una volta iniziato a usare i riflettori ho scoperto che potevo iniziare a riportare un po’ dello sfondo nei miei scatti diminuendo la differenza di esposizione per il mio soggetto e lo sfondo. Per i miei scatti retroilluminati, sia che si tratti di mezzogiorno che dell’ora d’oro, di solito tengo un riflettore bianco proprio accanto al mio viso in modo che riempia il mio soggetto di luce che proviene quasi direttamente da davanti a lui.

A volte la luce in cui sto lavorando è bellissima, ma il mio soggetto ha qualcosa di scuro sotto di sé che non riflette la luce sul viso. Questo accade di solito con un parcheggio nero o con l’erba. Questo può portare ad ombre scure sotto i loro occhi. In questa situazione, metto un grande riflettore davanti a loro, a terra o ad angolo, e mi assicuro che sia il più vicino possibile a loro.

Se la luce non è molto buona, come in una giornata molto nuvolosa, si vedono molte ombre scure intorno agli occhi della gente. In questa situazione metterò un riflettore direttamente sotto il viso del mio soggetto, appena fuori dall’inquadratura.

Luce artificiale

Quando lavoro in studio, mi ritrovo quasi sempre a usare un riflettore. Per una cosa semplice come un’inquadratura della testa, invece di usare più luci e ottenere il giusto rapporto tra le luci, mi basta posizionare un riflettore sul lato opposto del mio soggetto rispetto alla luce principale. Questo mi dà automaticamente un rapporto di luce di riempimento corretto che so che seguirà direttamente con le eventuali regolazioni che farò alla potenza della mia luce chiave. Nell’immagine di Renee qui sotto, avevo un grande softbox sulla sinistra della telecamera e un grande riflettore sulla destra della telecamera.

Un altro modo per usare un riflettore con una fonte di luce artificiale è semplicemente far rimbalzare la luce su di esso. Ci sono state molte occasioni in cui sono stata sul posto senza un softbox, ma viaggio sempre con un riflettore. In situazioni in cui non ho alcuna luce da riflettere, sono stato in grado di far rimbalzare un piccolo flash come l’SB-700 su un grande riflettore per creare una grande sorgente di luce morbida.

Conclusioni

A mio parere, un riflettore è il più economico, semplice, versatile e utile strumento di illuminazione che si possa acquistare. Come potete vedere, non ci sono davvero limiti a come si può usare un riflettore. Con la varietà di forme, dimensioni e materiali disponibili, ce n’è sicuramente uno che fa al caso vostro. In un articolo futuro, ho intenzione di discutere la possibilità di trovare e utilizzare riflettori naturali mentre si scatta all’aperto.