9 donne fotografo che hanno modellato la storia della fotografia

0
327

La storia delle donne fotografo risale agli inizi della fotografia stessa. Eppure mentre nomi come Ansel Adams e Man Ray sono saliti in cima al vernacolo fotografico, il contributo delle donne nella fotografia è stato offuscato o addirittura cancellato del tutto dalla storia. In questo, la fotografia non è meno colpevole di altre forme d’arte. Eppure non vi è dubbio che l’omissione delle donne, sia involontariamente che intenzionalmente, lascia un buco enorme nella storia della fotografia.

In questo articolo, accendo i riflettori sulle donne fotografo che hanno modellato la storia della fotografia. 9 donne fotografo (e molte altre) che hanno affermato la loro presenza attraverso ingegno tecnico e artistico.

Julia Margaret Cameron (1815 – 1879)

Julia Margaret Cameron - donne fotografo

Un ritratto di Julia Margaret Cameron. Immagine gentilmente concessa da Wikimedia ©  CC-BY-SA-3.0

Julia Margaret Cameron ha ricevuto la sua prima macchina fotografica come regalo da sua figlia nel 1863. Cameron si è buttata a capofitto nella fotografia, creando ritratti e ambientando scene ispirate a letteratura, mitologia e religione.

Cameron ha respinto la meticolosa foto-realtà ricercata dai suoi contemporanei preferendo una morbidezza onirica che diceva “… quando ci si concentra e ci si avvicina a qualcosa che, ai miei occhi è molto bella, scatto subito la foto invece di cambiare la lente e scegliere la messa a fuoco più precisa come tanti altri fotografi insistono  a fare“.

Il continuo via-vai di luminari nella casa di Cameron le ha fornito ampie opportunità di produrre immagini di carattere penetrante di alcune delle persone più famose del periodo. I suoi ritratti hanno rappresentato alcuni dei primi esempi di arte che incontrano la pratica formale.

Cameron era una fotografa molto prolifico. In circa 16 anni, Cameron ha creato più di 1.200 immagini – una cifra impressionante considerando il laborioso processo necessario per stampare ogni pezzo finito.

Mary Steen (1856 – 1939)

mary steen

Mary Steen eccelleva nella fotografia al chiuso. Immagine gentilmente concessa da Wikimedia ©  CC-BY-SA-3.0

Mary Steen era una fotografa e femminista dalla Danimarca. Ha eccelso nella fotografia da interni, un campo particolarmente difficile a causa della mancanza di sorgenti luminose alimentate elettricamente disponibili al momento.

Nel 1888, Stern divenne la prima fotografa femminile di corte in Danimarca, un ruolo che coinvolse la fotografia di reali danesi e britannici. Nel 1891, divenne la prima donna al consiglio di amministrazione della Danish Photographic Society.

Steen era anche membro del Consiglio di amministrazione della Danish Women’s Society. Insieme a Julie Laurberg, ha fotografato figure di spicco del movimento femminile danese. Nel 1896, Steen iniziò a lavorare come fotografa per Alexandra, principessa del Galles, la successiva regina d’Inghilterra.

Steen ha incoraggiato altre donne a fare fotografia. Ha fatto una campagna per migliorare le condizioni lavorative, tra cui otto giorni di ferie e mezza giornata di riposo la domenica.

Donne fotografo: Imogen Cunningham (1883 – 1976)

Imogen Cunningham

“Succulente” di Imogen Cunningham. Immagine gentilmente concessa da Wikimedia ©  CC-BY-SA-3.0

Conosciuto per il suo impegno come fotografa botanica, di nudo e industriale, Imogen Cunningham è stata uno delle prime fotografe professioniste americane.

Dopo aver studiato chimica fotografica all’università, Cunningham ha aperto uno studio a Seattle. Cunningham ha ottenuto consensi per la sua ritrattistica e il suo lavoro fotografico. Successivamente, invitò altre donne a unirsi a lei, pubblicando un articolo nel 1913 chiamato “La fotografia come professione per le donne”.

Cunningham non si è mai limitata a un singolo genere o stile fotografico. Nel 1915 l’allora marito di Cunningham, Roi Partridge, posò per una serie di fotografie di nudo. I nudi ottennero un giudizio critico positivo, nonostante fosse un argomento tabù per un’artista femminile all’epoca.

Uno studio della durata di due anni su soggetti botanici ha dato come risultato il fiore di magnolia illuminato di Cunningham (vedi sopra). Ha anche rivolto il suo obiettivo verso l’industria e la moda. È stata Cunningham a dire “quale delle mie fotografie è la mia preferita? Quello che faròdomani.

Gertrude Fehr (1895 – 1996)

Dopo gli studi alla scuola bavarese di fotografia, Gertrude Fehr apprendista con Edward Wasow. Nel 1918, Fehr aprì uno studio per ritrattistica e la fotografia di teatro.

Durante il 1933, il clima politico costrinse Fehr a lasciare la Germania con Jules Fehr. Stabilendosi a Parigi, la coppia aprì la scuola di fotografia Publi-phot. La scuola si specializzò nella fotografia pubblicitaria, un programma pionieristico all’epoca.

Fehr ha partecipato al movimento New Photography a Parigi. Con artisti al suo fianco dal calibro di Man Ray, Fehr ha esplorato i confini artistici della fotografia, producendo fotogrammi, fotomontaggi e stampe solarizzate.

Durante gli anni ’30 Gertrude e Jules Fehr si trasferirono in Svizzera. Lì, aprirono una scuola di fotografia a Losanna, ora nota come l’Ecole Photographique de la Suisse Romande.

Fehr ha dato lezioni in ritratto, moda, pubblicità e fotografia giornalistica nella scuola fino al 1960 quando si dedicò alla ritrattistica freelance. Sia il suo insegnamento che la fotografia hanno aperto la strada all’arte fotografica contemporanea.

Trude Fleischmann (1895 – 1990)

Trude Fleischmann

Trude Fleischmann con il suo lavoro. Immagine gentilmente concessa da Wikimedia ©  CC-BY-SA-3.0

Dopo aver studiato arte a Parigi e Vienna, Trude Fleishmann (anch’essa nel novero delle donne fotografo più eminenti) fu apprendista con Dora Kallmus e Hermann Schieberth. Fleischmann aprì il suo primo studio a 25 anni. Lavorando con lastre di vetro e luce artificiale, Fleishmann ha creato ritratti abilmente diffusi di celebrità. Il suo studio divenne rapidamente il fulcro della vita culturale viennese.

Nel 1925, Fleishmann prese una serie di foto di nudi della ballerina Claire Bauroff. Visualizzati in un teatro a Berlino, le immagini sono state confiscate dalla polizia, per il tema “scottante” trattato.

L’Anschluss costrinse Fleischmann a lasciare il paese nel 1938. Dopo essersi stabilita a New York nel 1940, fondò un nuovo studio in cui riprese a fotografare celebrità, ballerini e intellettuali tra cui Albert Einstein ed Eleanor Roosevelt. La sua ritrattistica introspettiva e suggestiva è vista come un’arte soffusa di abilità tecnica.

Dorothea Lange (1895 – 1965)

dorothea lange

La “Madre Migrante” di Dorothea Lange. Immagine gentilmente concessa da Wikipedia ©  CC-BY-SA-3.0

Conosciuto per il suo lavoro che documenta la depressione, la “La madre migrante”della  fotografa americana Dorothea Lange  è diventata un simbolo di disagio e capacità di recupero di fronte al collasso economico.

La maggior parte dei primi lavori in studio di Lange erano incentrati sui ritratti dell’élite sociale di San Francisco. Con l’inizio della Grande Depressione, tuttavia, Lange passò dallo studio alle strade.

Applicando le tecniche che aveva sviluppato per fotografare ritratti di una clientela facoltosa, gli studi di Lange, non apologetici, portarono al suo impiego presso la Farm Security Administration. Lì, ha continuato a documentare la sofferenza delle vittime della depressione. Ben presto, le sue potenti immagini sono diventate un’icona dell’era.

Descritta con le sue stesse parole, Lange ha usato la fotocamera come “… uno strumento che insegna alle persone come vedere senza una macchina fotografica“. Il suo instancabile studio sulla condizione umana nel XX secolo ha modellato il fotogiornalismo in un modo che continua a risuonare tutt’oggi.

Grete Stern (1904 – 1999)

Stern Self

Un autoritratto di Grete Stern. Immagine gentilmente concessa da Wikipedia ©  CC-BY-SA-3.0

Originariamente grafica, Grete Stern, un’altra delle più influenti donne fotografo di tutti i tempi, ha studiato con Walter Peterhans a Berlino, dove lei e Ellen Auerbach hanno aperto uno studio ben considerato, Ringl + pozzo.

Emigrata in Inghilterra nel 1933, Stern viaggiò poi in Argentina con suo marito, Horacio Coppola. Aprirono lì la rivista letteraria espositiva Sur salutata come “la prima seria esposizione di arte fotografica a Buenos Aires”.

Verso la metà degli anni ’40, Stern era ben insediata nella cultura di Buenos Aires. Ha lavorato con la rivista femminile Idilio, illustrando i sogni inviati dal lettore attraverso il fotomontaggio. Stern ha incorporato le critiche femministe nei suoi pezzi che sono diventati popolari tra i lettori.

Nel 1964, Stern viaggiò nel nord-est dell’Argentina, producendo oltre 800 foto di aborigeni nella regione.  “La fotografia mi ha dato una grande felicità“, dichiarò Stern nel 1992.

Donne Fotografo: Ylla (1911 – 1955)

donne fotografo

Ylla che fotografa un Tucano. Immagine per gentile concessione di Wikipedia – ©  CC-BY-SA-3.0

Fotografa di animali, Ylla (Camilla Koffler) ha originariamente studiato scultura sotto Petar Palavicini all’Accademia di Belle Arti di Belgrado, trasferendosi a Parigi per continuare i suoi studi nel 1931.

Lavorando come assistente del fotografo Ergy Landau, Ylla ha iniziato a fotografare gli animali in vacanza. Incoraggiato da Landau, Ylla ha iniziato a esporre, aprendo uno studio dedicato alla fotografia degli animali poco dopo.

Il primo grande libro di Ylla, Petits et Grands, fu pubblicato nel 1938. Nello stesso anno collaborò con il biologo evoluzionista britannico Julian Huxley per il suo libro Lingua degli animali.

Nel 1941 Ylla emigrò negli Stati Uniti. Aprì un nuovo studio a New York, fotografando una miscellanea di animali da leoni e tigri a uccelli e topi.

Nel 1955, Ylla cadde da una jeep mentre fotografava una corsa di carri trainati da buoi in India e rimase ferita a morte. Il suo necrologio del New York Times diceva che “… era generalmente considerata la fotografa di animali più abile al mondo.”

Olive Cotton (1911 – 2003)

Olive Cotton - donne fotografo

“Teacup Ballet” di Olive Cotton. Immagine gentilmente concessa da Wikimedia

Descrivendo il suo processo come “disegnare con la luce”, la  Teacup Ballet di Olive Cotton è diventato sinonimo del suo abile controllo su luce e ombra. Dopo aver studiato inglese e matematica all’università, Cotton, una delle più influenti donne fotografo dei sui tempi, ha seguito la fotografia unendosi all’infanzia Max Dupain nel suo studio a Sydney.

Oltre ad aiutare Dupain, Cotton ha anche esaminato il suo lavoro. Cotton e Dupain si sposarono brevemente e lei gestì lo studio in sua assenza durante la guerra. Era una delle poche donne fotografe professionisti in Australia al momento.

Nel 1944, Cotton sposò Ross McInerney, trasferendosi in una proprietà vicino a Cowra, nel New South Wales. Cotton abbandonò il lavoro di fotografo professionista fino al 1964, quando aprì un piccolo studio fotografico.

Nei primi anni ’80, Cotton ristampò i negativi che aveva assunto negli ultimi quaranta anni o più. La risultante mostra retrospettiva a Sydney nel 1985 le è valsa il riconoscimento come figura chiave nello sviluppo della fotografia australiana.