10 consigli per fotografare i figli

Fotografare i bambini è già di per se difficile, ma quando i bambini sono i propri figli, allora la situazione diviene estremamente complicata, al limite della missione impossibile: fotografare i figli è a tutti gli effetti un incubo! Tutti i trucchi, i consigli che abbiamo dato in precedenza per fare fotografie di bambini sono del tutto inutili: nuove strategie, idee e pianificazioni devono essere messe a punto, così come bisogna imparare a controllare le proprie emozioni.

1. Preparatevi mentalmente (voi e i vostri figli)

Fotografare i propri figli, ripeto, è quasi impossibile. Non esagerate quindi con le aspettative non pensiate di poter ottenere decine e decine di foto fantastiche: sarà un grande successo se dopo una sessione di qualche ora sarete in grado di salvare un paio di immagini.

2. Pianificate il servizio fotografico

Quando progettate di fotografare i figli, allora pianificate gli scatti in anticipo, molto anticipo. Il primo passo nella pianificazione è visualizzare il servizio fotografico che si intende realizzare. Pianificate gli scatti su un diario, un foglio di carta: scrivete nel dettaglio tutto quello che volete fare, come volete vestire i bambini, quali oggetti inserire nella scena. E se ne siete capaci, fate anche uno schizzo delle pose o di come avete pensato la scena. Nelle settimane precedenti il servizio fotografico, fate un giro per gli armadi dei bambini per vedere quali vestiti possono essere indossati, quali accessori usare e soprattutto fare la lista di ciò che dovrete comprare per realizzare ciò che avete in mente.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----
fotografare i figli
Nel fotografare i figli è quasi – ma non del tutto – impossibile impostare una scena By: SAM NasimCC BY 2.0

Decidete quali aree della vostra casa volete impiegare per fotografare i figli (il set fotografico), cercate di capire se l’illuminazione presente è sufficiente o se c’è bisogno di potenziarla in qualche modo. Controllate anche i giocattoli, individuando quelli che potrebbero esservi utili durante la sessione fotografica: peluche, lego, bambole…qualunque cosa possa sia distrarre i bambini che migliorare la scena fotografica.

3. Fotografare i figli: parlatene con loro

Una delle cose da evitare è la sessione fotografica ” a sorpresa”. Trovate il tempo per parlare con i vostri figli circa il vostro progetto (fotografare i figli è un progetto), al fatto che per un paio d’ore (o anche più) dovranno fare da modelli, cambiarsi di vestiti, posare dinanzi ad una fotocamera. Fate in modo che il discorso sembri particolarmente importante, come se tutto (ed in effetti è così) dipendesse da loro, ma soprattutto sottolineate come si tratta in fin dei conti di un gioco, dove avranno modo non solo di farsi delle fotografie ma anche di divertirsi. E rispondete, o almeno cercate, a tutte le loro domande, anche e soprattutto quelle tecniche: non sarebbe divertente se durante la sessione fotografica cominciano a giocare con quel flash remoto che avete sistemato alle loro spalle.

fotografare i figli
By: Anderson Sant’AnaCC BY 2.0

4. Il giorno delle foto

Per quanto in precedenza ho detto di parlare in anticipo ai vostri figli del servizio fotografico, un minimo di sorpresa è fondamentale. Se per esempio dovete fare un servizio fotografico in giardino, allora montate una tenda. Se in casa, portate dei giocattoli nuovi o organizzate un pic nic nella stanza. Insomma, cercate di sorprendere i vostri figli in modo da occupare la loro mente ed evitare che si irrigidiscano dinanzi alla fotocamera. Dovete fare in modo che il servizio fotografico diventi un’esperienza speciale, diversa ma soprattutto divertente e spensierata. Fotografare i figli deve essere un gioco, prima di tutto.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----

5. Sistema la stanza

Che sia una stanza della casa o il giardino, mettetevi d’impegno almeno un paio di giorni prima per liberarla da tutto ciò che non volete finisca nella fotografia (date un occhio all’articolo su come preparare uno studio fotografico). Via il disordine, via anche dei mobili. Sistemate dei tappeti, dei drappi, delle sedute e tutto il resto dell’attrezzatura di scena che pensiate possa esservi utile durante la sessione fotografica. Scegliete un posto con molta luce naturale, possibilmente vicino ad una finestra. Sistemate i fondali se necessario, così come le luci di scena (se necessarie). Sistemate tutte le impostazioni della fotocamera. E preparate anche una zona, fuori dal set fotografico, dove i bambini possano sedersi, giocare, riposare, mangiare, urlare e via discorrendo!

fotografare i bambini
By: Mads BødkerCC BY 2.0

6. Guardare verso la luce

Assicuratevi che il bambino sia rivolto verso la luce, o che almeno la metà della sua faccia è colpita dalla luce. Assicuratevi di avere un’apertura quanto più ampia possibile al fine di ottenere uno sfondo sfocato, ma non andate mai al minimo del vostro obiettivo, causa possibili artefatti. Mantenetevi uno o due stop sopra l’apertura minima. Per quanto riguarda i tempi di scatto, il minimo utilizzabile dovrebbe essere 1/125 secondo, per cui settate il valore di ISO o le luci in stanza al fine di poterlo utilizzare. A proposito, non tirate su ISO troppo, pena la presenza di troppo rumore nella foto. Un valore intorno a 6400 è il massimo che andrebbe usato

7. Non sorridere!

E ‘sempre bello avere un mix di scatti non preparati, ritratti, scatti predisposti. I sorrisi, per quanto possono essere bellissimi, non sono sempre necessari, anzi! Cercate di fare anche in questo caso un mix di foto in cui i bambini sorridono ed altre in cui, al contrario, non sorridono. Evitate di far dire al bambino il classico “cheese” in quanto l’effetto che otterrete sarà ben lungi dalla realtà: un sorriso deve essere spontaneo e non a comando.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----
fotografare i bambini
By: amrufmCC BY 2.0

Con i bambini più piccoli di cinque anni, potrebbe essere utile canticchiare le loro canzoni o filastrocche preferite. Se avete compagnia (per esempio vostra moglie o vostro marito), chiedetegli di ballare, fare smorfie, ridere o comunque fare qualcosa di buffo che possa attirare l’attenzione dei bambini, creando al contempo una bella risata spontanea.

Con i ragazzi più grandi, puntate su qualcosa che gli interessa: gli sport, le cose come amano, il loro cibo preferito, il gioco preferito. Fateli parlare a ruota libera di ciò che li rende felice: le foto ottenute in questi frangenti saranno semplicemente splendide.

8. Utilizzate il flash o un riflettore in controluce

Se volete scattare con il sole o la luce alle spalle, allora un flash in modalità fill-in o un riflettore sono fondamentali per rendere la luce più uniforme ed evitare che il soggetto sia troppo sottoesposto. Nel caso di flash, evitate di sistemarlo vicino alla macchina fotografica (l’ideale è remotizzarlo). Nel caso di riflettore, pensate prima a come sistemarlo e a come

fotografare i neonati
By: jamie SolorioCC BY 2.0

reggerlo!

9. Il flash

Se non c’è molta luce disponibile, la soluzione più semplice è quella di usare un flash. Vietato il flash integrato nella fotocamera: usatene uno esterno da attaccarsi sulla testa della fotocamera o remotizzato da qualche parte nella stanza. Nel caso di flash installato sulla testa della fotocamera, mascheratene la luce per avere un effetto più morbido ed evitate di dirigere la luce verso il soggetto: puntate il flash sul soffitto per esempio, usando la luce di rimbalzo per illuminare la scena in modo uniforme.

fotografare i figli
By: woodleywonderworksCC BY 2.0

10. Prendetevi tempo per giocare

Giocate un po’ con il vostro bambino, parlate, coccolatelo, create un’atmosfera rilassata. Scattate alcune foto mentre il bambino sta giocando con i giocattoli che avete preparato. Interagite con il vostro bambino in modo da ottenere delle foto in cui il bambino vi guarda: sono quelle più spontanee ed anche le più belle.

Più è giovane il vostro bambino, più corta è la sua capacità di attenzione. Non offrite tutti i giocattoli in una sola volta ma dategliene uno per volta, scaglionati nel tempo. Ogni volta che il giocattolo sarà introdotto nella scena, avrete solo pochi minuti per ottenere il massimo, quindi siate pronti. 

Se il bambino ne ha avuto abbastanza, probabilmente è meglio fermarsi e continuare un altro giorno. Normalmente coni bambini di età compresa tra uno e tre anni la situazione è la più complessa in assoluto: sessioni necessariamente corte e spesso pianti e infelicità. Non fatevi abbattere e non arrendetevi, anzi. Fate fotografie anche di visi imbronciati o piangenti, saranno comunque un bellissimo ricordo sia per voi che per il vostro bambino, quando diventerà adulto.

12. Celebrate

Una sessione fotografica non deve essere un lavoro ma una festa: organizzate un pic nic nella stanza, portate delle merende, delle torte, delle bibite. Insomma, trasformate la sessione fotografica in una sorta di festa.

Trovare delle linee guida comuni a tutti i bambini, ovviamente, è impossibile. Ma questo piccolo elenco potrebbe fare al caso vostro, almeno per cominciare a capire cosa e come dovete organizzare la vostra sessione fotografica.