L’importanza di ottenere l’immagine direttamente nella fotocamera

0
181

Quando ti sforzi di ottenere le immagini direttamente nella fotocamera nel momento in cui le realizzi, stai mettendo le basi per un lavoro “pulito” e soprattuto veloce.

“Solo Photoshop” è diventato un tema ricorrente nella fotografia quando si tratta di correggere errori di immagine. A seconda della persona con cui parli, Photoshop può sembrare una bacchetta magica che risolverà ogni tipo di problema fotografico o, al contrario, il peggiore dei demoni. Anche se è vero che le applicazioni di modifica delle immagini possono aiutare ad affrontare una varietà di problemi (dalla correzione dell’esposizione alla rimozione di oggetti), c’è molto da dire in particolare quando si affronta il problema delle troppe modifiche, ovvero per chi segue la filosofia di usare il minor numero possibile di modifiche in post-produzione.

immagine in fotocamera
weinstock / Pixabay

Questo è un argomento difficile da affrontare perché c’è così tanto spazio di manovra quando si tratta di definire cosa il termine in camera significa davvero. Per alcuni, significa non consentire affatto la post-produzione, nemmeno il semplice ritaglio. Altri lo definiscono come ottenere il maggior numero di cose più corrette nel momento in cui si preme il pulsante di scatto, relegando alcune correzioni di base come il raddrizzamento o la correzione dell’esposizione in un secondo momento.

Ci sono fotografi per i quali comporre direttamente nella fotocamera significa cercare ed eliminare seduta stante ostacoli di fondo, peli randagi o braccia e gambe ribelli che potrebbero altrimenti rovinare una buona immagine.

Ovviamente ognuno ha una visione tutta personale di cosa significa definire l’immagine in camera. Personalmente non sono un maniaco della perfezione ma sicuramente tendo a ridurre al minimo i problemi al fine di ridurre al minimo gli interventi al computer.

Prevenzione

C’è un vecchio adagio che dice, più o meno: “Un’oncia di prevenzione vale un chilo di cura.
E questo si applica a molte aree della vita e lo stesso vale per la fotografia. Se è possibile impiegare alcuni secondi per correggere le aree problematiche nel momento in cui si scatta una foto, verranno salvati minuti o addirittura ore davanti al computer. Mi ci è voluto un po’ per applicare questa filosofia alla fotografia di ritratto, probabilmente la più complessa. Ma più lavoro con questa filosofia, più diventa efficiente il mio flusso di lavoro.

Anni fa, le uniche cose che cercavo quando fotografavo i clienti erano cose come facce sorridenti e buone pose. Come tale, spesso mi sono ritrovato a sbattere la testa contro la tastiera mentre riguardavo le immagini, rendendomi conto di una serie di errori macroscopici del tutto sfuggitimi: automobili, pedoni, bidoni della spazzatura, rifiuti, animali, luci stradali e una miriade di altre imperfezioni possono essere risolti in Photoshop ma è molto più semplice accertarsi che non vengano integrati nella composizione delle foto.

Questo funziona anche per altre cose, come capelli spettinati, pezzetti di terra e detriti che possono essere sui soggetti fotografati, o camicie che si gonfiano o che sono arruffate. Questi problemi possono essere risolti utilizzando un software per computer, ma non sarà mai così veloce o semplice rispetto al trattarli quando si presentano.

Il trucco è quello di essere alla ricerca di tali cose al momento del servizio fotografico. Ovviamente non è facile: ci sono così tante cose a cui prestare attenzione quando si scattano foto. Uno sfondo orribile  o pezzi di spazzatura sul terreno potrebbero essere l’ultima cosa nella tua mente, ma possono facilmente rovinare una foto o, per lo meno, farti passare molto più tempo per eliminarli alla tastiera.

immagine in fotocamera
fotografierende / Pixabay

Il mio consiglio a riguardo è semplicemente addestrarti ad essere consapevole. Osserva l’ambiente circostante oltre ai soggetti e lavora alla visione di elementi di sfondo e altre distrazioni che potrebbero normalmente sfuggire ai tuoi occhi.

Quando vedi le cose, intraprendi azioni correttive e dì ai tuoi clienti su cosa sta succedendo. Ho messo in pausa molte sessioni fotografiche per dire cose come “Oh no, c’è un segnale stradale dietro di te. Facciamo tutti qualche passo a sinistra … “e ogni volta è stato apprezzato dalle persone che mi pagano per fare un buon lavoro. Invia sempre messaggi relartivi al fatto che sai cosa stai facendo e ti interessa ottenere gli scatti giusti.

Una versione più estrema di questo, ma che è altrettanto importante, è prendere nota dei punti problematici che non possono essere modificati in Photoshop e gestirli al momento della sessione fotografica.

Problemi come i cartelloni che spuntano dietro alle teste, le teste girate nella direzione sbagliata, le mani in posti scomodi o persone con abiti complementari in stretta vicinanza tra loro possono facilmente rovinare una sessione fotografica altrimenti eccezionale e sono quasi impossibili da sistemare in post -produzione. Più cerchi questi problemi e li aggiusti sul posto, migliore sarà la tua fotografia.

Illuminazione ed esposizione

Anni fa con le prime fotocamere digitali, era cruciale ottenere l’esposizione giusta nel momento in cui si scatta una foto. Ma le macchine fotografiche digitali di oggi sono così incredibili in termini di gamma dinamica che puoi eliminare una grande quantità di problemi di esposizione in post-produzione. Tuttavia, questo dovrebbe essere usato come ultima risorsa e non invocato come regola generale, quasi come una rete di sicurezza sotto un trapezista.

quando si realizzano riprese in RAW puoi abbassare le luci alte, alzare le ombre e regolare il colore per ottenere il look giusto che stai cercando. Questo è un grande vantaggio se stai lavorando per dei clienti. Questo tipo di correzione dell’esposizione ha salvato il mio lavoro più volte di quanto possa contare quando lavoro per i clienti.

Nonostante la flessibilità del formato RAW e le possibilità di editing offerte da molte applicazioni fotografiche come Lightroom, Photoshop e Luminar, scoprirai che è meglio mitigare potenziali problemi di esposizione e di illuminazione nel momento in cui scatti la foto anziché sul tuo computer.

Non è che non è possibile correggere i problemi di esposizione in post-produzione in seguito, ma che se le semplici regolazioni dell’esposizione possono farle scomparire prima ancora di scattare una foto, perché dovresti passare il tempo a risolverlo in un secondo momento?

Il tuo tempo è prezioso

Più tempo trascorro come fotografo, più mi rendo conto di qunto il mio tempo sia prezioso. Anche se sei un professionista che lavora al 100% nell’ambito fotografico, meno tempo devi impiegare per modificare le tue immagini per risolvere i problemi di esposizione si traduce in più tempo per altre cose che ti aiuteranno a perfezionare la tua attività o a far crescere la tua stessa attività. Opiù  tempo che puoi trascorrere con la tua famiglia.

Anche se è possibile risolvere una serie di problemi fotografici ex post facto non c’è nulla di meglio che fare ciò che è possibile per farlo bene nella fotocamera e assicurarsi che tali problemi non si verifichino. Oltre a risparmiarti ore di tempo incalcolabili al computer, aumenterai anche le tue capacità di fotografo.

Ci vorrà un po’ di pratica per imparare a ridurre le distrazioni indesiderate e ad ottenere impostazioni di esposizione accurate quando premi il pulsante di scatto. Ma raccoglierai premi in termini di conoscenza, fiducia e pura esperienza. Alla fine, il risultato saranno foto migliori scattate da un fotografo migliore, e questo è il tipo di beneficio che non è possibile ottenere spostando i cursori in Lightroom.