L’effetto Moiré

0
7054

L’effetto Moiré è una distorsione visiva che si palesa quando due trame si sovrappongono, dando origine ad una terza trama completamente differente. Nell’esempio qui sotto riportato, abbiamo due trame identiche con differente orientamento: una volta sovrapposte possiamo osservare una nuova trama composta da dei cerchi. Si tratta, in fin dei conti, di un effetto ottico che inganna non solo l’occhio umano ma anche il sensore della nostra macchina fotografica.

Effetto Moiré
Effetto Moiré

 

L’effetto Moiré può produrre disegni geometrici interessanti. Tuttavia, il fenomeno degrada la qualità e la risoluzione delle immagini. Un esempio pratico è la visualizzazione a video della foto di un video: le due trame (dei due video) si sovrappongono creando un disturbo che ai molti sarà familiare.

ecco come appare un "video" fotografato

In fotografia, il moiré avviene quando l’oggetto da fotografare contiene un modello dettagliato che non si “accoppia” con il modello del sensore di imaging. Con due modelli separati sovrapposti l’uno sull’altro, un terzo, falso modello emerge sotto forma di “moiré pattern”. Diamo un occhio all’immagine qui di seguito:

spiegazione effetto moire
L’effetto Moirè è facilmente visibile in questo esempio

Come si può vedere, combinando le prime due griglie e sovrapponendole l’una sull’altra si creano molte nuove forme quadrate più grandi che si ripetono – questo è essenzialmente il modo in cui si forma il moiré. A seconda della frequenza e della direzione delle griglie, può mostrare modelli diversi. Una volta che le informazioni sul colore vengono aggiunte all’immagine dal filtro bayer durante il processo di demosaicizzazione, possono comparire sopra l’immagine ulteriori motivi simili all’arcobaleno.

L’effetto del filtro passa-basso ottico

Per molti anni i produttori di fotocamere hanno avuto a che fare con i modelli moiré introducendo un filtro “mosso” nel filtro ottico passa-basso (che è una pila di filtri che si trova di fronte al sensore di immagine). Riducendo la quantità di dettagli di una scena, sono stati in grado di ridurre drasticamente la possibilità che il Moiré appaia nelle immagini. Ciò è stato particolarmente proficuo per le fotocamere con una risoluzione relativamente bassa, perché la possibilità di vedere i motivi moiré era piuttosto alta.

Le cose sono cambiate parecchio con l’introduzione dei sensori ad alta risoluzione. Man mano che il numero di pixel aumentava drasticamente, anche le possibilità di vedere i motivi moiré diminuivano in qualche modo. I produttori di fotocamere si sono resi conto di poter fornire un maggiore livello di dettaglio a chi ne ha bisogno eliminando il filtro “blur”. Questo potenzialmente reintrodurrebbe il moiré in alcune immagini con dettagli estremi, ma per i fotografi specializzati che raramente incontrano dettagli fini, non sarebbe un problema.

Alcuni produttori di fotocamere hanno addirittura iniziato a fornire due diverse versioni di macchine fotografiche per offrire entrambe le opzioni: ad esempio, la Nikon D800 originale aveva il filtro, mentre la D800E no. Ecco un confronto del filtro ottico passa-basso tra le due fotocamere:

Nikon-D800-D800E-filtro-passa-basso

Nonostante i potenziali problemi con il moiré, l’aumento del livello di dettaglio delle immagini è stato accolto con favore dalla comunità della fotografia. Di conseguenza, i produttori hanno completamente omesso il filtro sfocatura dalla pila di filtri ottici passa-basso nelle successive uscite delle fotocamere ad alta risoluzione. Oggi, la maggior parte delle moderne fotocamere APS-C ad alta risoluzione (24 MP e superiori) e delle fotocamere a pieno formato (36 MP e superiori) non hanno filtri di sfocatura.

Mentre da un lato è bello poter ottenere il maggior numero possibile di dettagli dalle fotocamere ad alta risoluzione, molti fotografi si imbattono in modelli moiré quando scattano sul campo e non sanno come affrontarli.

effetto moirè
Photo by David Clode on Unsplash

Come evitare Moiré

Come vedrete qui sotto, il moiré può essere abbastanza doloroso da affrontare in post-processing, quindi è meglio evitarlo in macchina fotografica. Qui di seguito troverete un elenco di passi da compiere per evitare il moiré durante le riprese:

  • Analizzare le immagini sul display LCD della fotocamera al 100% – mentre guardare le immagini sul display LCD della fotocamera al 100% può essere molto inefficiente e richiedere molto tempo (specialmente su fotocamere con molta risoluzione), se si sta scattando qualcosa con pattern ripetuti, è necessario sapere se c’è moiré nelle immagini o meno. Guardare la miniatura sull’LCD potrebbe non rivelare il moiré, quindi dovrete zoomare per vederlo. Purtroppo, utilizzando livelli di zoom diversi dal 100% si può produrre moiré solo grazie al ricampionamento, quindi sarà necessario visualizzare le immagini a livello di pixel. Se vedete moiré e volete evitarlo, procedete al punto successivo.
  • Cambiate la distanza tra la fotocamera ed il soggetto o regolate la lunghezza focale – se il moiré è visibile nella vostra immagine, la cosa migliore che potete fare è cambiare la distanza del vostro soggetto. Potete avvicinarvi fisicamente o allontanarvi dal vostro soggetto, oppure potete ingrandire/ridurre con l’obiettivo. Spostatevi a una distanza più sicura e dovreste vedere il moiré scomparire. A volte questo significa allontanarsi di pochi centimetri dal soggetto.
  • Regolare la messa a fuoco su un’area diversa – anche se questo non è sempre pratico, regolare la messa a fuoco un po’ lontano dai soggetti ridurrà, o potenzialmente eliminerà il moiré.
  • Cambiare l’angolo della macchina fotografica – semplicemente cambiando un po’ l’angolo della macchina fotografica si possono eliminare completamente anche i motivi moiré molto forti.
  • Fermare l’obiettivo a f/11-f/16 – quando gli obiettivi vengono fermati oltre una certa apertura (a seconda dell’obiettivo e delle dimensioni del sensore), si attiva un fenomeno ottico noto come “diffrazione“. La diffrazione riduce efficacemente la risoluzione, che elimina anche il moiré. Anche se personalmente eviterei di farlo, se non è possibile cambiare il soggetto alla distanza della fotocamera o regolare la lunghezza focale per qualsiasi motivo, questa tecnica funziona sicuramente.

Se non si può fare nulla di quanto sopra e si finisce comunque con un’immagine con moiré visibile, allora l’unica opzione che si ha è quella di provare a sistemarla in post-elaborazione. Parliamo di questo dopo.

effetto moirè
Photo by rkit on Pixabay

Riassumendo

Che cos’è il moirè in una foto? Se la tua foto contiene strani motivi arcobaleno in aree che contengono molti dettagli, molto probabilmente stai guardando moiré.

Cosa provoca il moiré in fotografia? Il motivo moiré si verifica quando una scena o un oggetto che viene fotografato contiene dettagli fini e ripetitivi che superano la risoluzione del sensore. Di conseguenza, la fotocamera produce strani motivi ondulati.

Come mi sbarazzo dell’effetto moiré? Ci sono diversi modi per sbarazzarsi del moiré. Oltre a scattare con una fotocamera dotata di un filtro passa-basso per trattare il moiré al momento della cattura, è possibile utilizzare tecniche di post-elaborazione in Lightroom e Photoshop per ridurre, o potenzialmente anch

e eliminare il moiré nelle immagini.

Come si risolve l’effetto moiré in Lightroom? Lightroom CC Classic ha un cursore dedicato chiamato “Moiré”, che può essere utilizzato con un pennello di regolazione o altri filtri per ridurre il moiré in particolari parti di una foto. Per istruzioni passo-passo su come fare, fare riferimento a questa sezione dell’articolo.

A proposito, la parola moiré è francese (dal participio passato del verbo moirer, nel senso di acqua) e può essere scritto con o senza un l’accento sulla “e” finale. E ‘stato originariamente utilizzato per descrivere un effetto ondulato o increspato da applicarsi alla seta.

articolo aggiornato Marzo 2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.