Le migliori fotocamere mirrorless del 2020

0
316

Che si tratti di catturare uno scatto artistico del cielo notturno o catturare i tuoi momenti familiari preferiti, una nuova fotocamera è un investimento chiave per gli appassionati di fotografia nel 2020. Per questo motivo è fondamentale saper scegliere tra le migliori fotocamere mirrorless, reflex e compatte di questo 2020.

Ma quale fotocamera acquistare? Con così tanti tipi diversi, ognuno dei quali copre cspecializzazioni fotografiche differenti, decidere quale scegliere può essere un compito difficile anche per i più esperti di tecnologia.

Le fotocamere mirrorless: a colmare il divario tra le telecamere compatte e le DSLR ci sono le telecamere mirrorless, le cui varianti più piccole sono chiamate telecamere di sistema compatte (CSC).

La maggior parte delle nuove fotocamere con sistemi di obiettivi intercambiabili sono ora fotocamere mirrorless, il che significa che hanno un mirino elettronico (EVF) al posto dei più ingombranti mirini ottici a specchio delle DSLR.

Ci sono molti vantaggi di questo approccio completamente digitale, come i corpi più piccoli, la possibilità di vedere gli effetti dei cambiamenti di impostazione nel mirino e le caratteristiche avanzate come il rilevamento del volto e degli occhi. La qualità dell’immagine e le prestazioni sono ora alla pari con le DSLR, anche se queste ultime offrono ancora una durata della batteria superiore e, a seconda dei vostri gusti, una maggiore maneggevolezza.

Tutti i principali produttori di fotocamere, tra cui Nikon, Canon, Fujifilm, Olympus e Sony, hanno ora modelli di punta senza specchio, anche se è stato proprio quest’ultima a dare il via a questa categoria di macchine fotografiche (come la Sony A7 III).

All’interno della categoria CSC, ci sono diversi tipi di sensori utilizzati, ognuno dei quali offre un’esperienza molto diversa. Olympus e Panasonic utilizzano sensori di dimensioni Micro Quattro Terzi, fornendo una via di mezzo e alcuni obiettivi eccezionali e convenienti.

I sensori più grandi che si trovano nei CSC economici sono quelli APS-C, utilizzati nelle telecamere di Fujifilm e Sony. Naturalmente, Sony si è spinta ancora più in là, adottando sensori full-frame nella serie A7 di fascia alta. Questi forniscono la migliore qualità d’immagine tra i CSC, rivaleggiando con le DSLR professionali.

Le migliori fotocamere mirrorless del 2020: la classifica

migliori fotocamere mirrorless del 2020

Migliori fotocamere mirrorless: Nikon Z6 – Una potente mirrorless full frame:

Pro:

  • Eccellente maneggevolezza
  • Superbo mirino elettronico
  • tabilizzazione dell’immagine all’interno del corpo
  • Interfaccia touchscreen a sfioramento

Contro:

  • Poche tre lenti native
  • Lo schermo si inclina soltanto, invece di essere totalmente articolato

È una battaglia molto serrata tra la Sony A7 III e la Nikon Z6 per il titolo di “miglior tuttofare full-frame mirrorless”. Al momento, il sistema di Sony ha molti più obiettivi nativi, una migliore durata della batteria ed è leggermente più conveniente. Ma pensiamo che la Z6 la oscuri, soprattutto se si proviene da una DSLR, grazie alla sua fantastica maneggevolezza e all’EVF superiore.

La Nikon Z6 ha un sensore full-frame da 24,5 megapixel, che ha circa la metà del numero di pixel del modello Z7. Se questo rende la Z7 la scelta migliore per i fotografi di paesaggi, significa che la Z6 è migliore per le riprese in condizioni di scarsa illuminazione, ma anche per lo sport e l’azione, grazie alla sua impressionante velocità di scatto a 12 fps.

In mano, la Z6 sembra una mini DSLR. Se provenite da una Nikon DSLR, vi sembrerà molto familiare, e pensiamo che si gestisca meglio della Sony A7 III, un po’ più stretta. Nel vero spirito delle DSLR, è anche estremamente resistente, con una protezione dalle intemperie di alto livello.

Il mirino a 3,6 milioni di punti della Z6 è uno dei migliori in commercio, e offre una visione chiara e luminosa della scena. Il touchscreen inclinabile è anche molto utile per scattare da angolazioni scomode e per navigare nei menu. Un trucco particolarmente utile è quello di poter toccare due volte lo schermo per una visione al 100% per verificare rapidamente che la messa a fuoco sia perfetta.

Come ci si aspetterebbe, la qualità dell’immagine della Z6 è eccellente, con una grande gamma dinamica, dettagli e nitidezza. Anche la messa a fuoco è veloce nella maggior parte delle situazioni, con la Z6 che segue i soggetti in rapido movimento ancora meglio della Z7.

L’unico vero svantaggio della Nikon Z6 rispetto ad una DSLR come la D750 della Nikon è la durata della batteria. Ti dà circa 310 scatti a partire da una carica, quindi vale la pena portarne una di ricambio se ti piace sferragliare un sacco di fotogrammi.

In ogni altro modo, però, la Nikon Z6 è quello che speravamo fosse il suo tuttofare senza specchietti. Con diversi altri obiettivi nativi disponibili, è quella da battere.

migliori fotocamere mirrorless: Controlla il prezzo della Nikon Z6

Fujifilm X-T3: Il bilanciamento perfetto tra dimensione e prestazioni

Pro:

  • Autofocus fantastico
  • Ottima qualità dell’immagine
  • Qualità video 4K grande, con varie opzioni
  • Grande maneggevolezza

Contro:

  • Nessuna stabilizzazione dell’immagine all’interno del corpo
  • Durata della batteria mediocre
  • Lo schermo non si articola completamente

La Fujifilm X-T3 è un superbo tuttofare nel mercato dei mirrorless, ed è una delle migliori fotocamere che si possono acquistare ad un prezzo non tanto proibitivo.

Seguendo l’X-T2, l’X-T3 ha tutte le caratteristiche del suo predecessore – pensate al design vintage e di classe e agli splendidi JPEG ricchi e d’atmosfera. A completare il tutto, un’esperienza di ripresa tattile e una delle fotocamere più desiderabili degli ultimi anni.

Anche se la X-T3 potrebbe non rappresentare una drastica revisione dell’ultimo modello in termini di estetica e stile, all’interno sono stati apportati notevoli miglioramenti a sensori e processori, con una grande quantità di capacità video.

Questa fotocamera non ha il superbo sensore full-frame della Nikon Z6, ma + un perfetta macchina “di equilibrio”, ovvero non potentissima ma molto molto versatile. Obiettivi e accessori sono un po’ più piccoli, in modo da rendere l’esperienza più gestibile, senza andare troppo in piccolo per sacrificare potenzialmente la qualità dell’immagine.

Si potrebbe considerare l’X-T3 più simile a un mini X-H1 che a un X-T30 più grande, ma manca la stabilizzazione dell’immagine all’interno del corpo. Anche la durata della batteria è un po’ troppo bassa.

migliori fotocamere mirrorless: Controlla il prezzo della Fujifilm X-T3

Sony A7 III: Per molti versi, ancora il pioniere del full-frame mirrorless

Pro:

  • Ottimo rapporto qualità-prezzo
  • Migliore resistenza della batteria
  • Sistema di messa a fuoco automatica veloce e reattivo
  • Revisione della disposizione dei pulsanti per un controllo intuitivo

Contro:

  • L’illuminazione del punto AF potrebbe essere migliorata
  • Sistema di menu contorto
  • Le coperture delle porte in plastica sottile non sono sigillate dalle intemperie
  • Si maneggia male con i guanti

Quando si vuole assegnare il titolo “migliore fotocamera full-frame mirrorless”, sono due i nomi in lizza: Nikon Z6 e la Sony A7 III. Pensiamo che la superba maneggevolezza e le prestazioni a tutto tondo della prima gli conferiscano un vantaggio, ma la Sony A7 III vince comunque in tre aree: la durata della batteria, il suo superbo Eye AF, e la sua più ampia gamma di obiettivi FE nativi.

La A7 III è dotata di un sensore full-frame da 24,2 megapixel, che beneficia dell’architettura retroilluminata. Si ottiene un’ampia gamma ISO che può essere estesa a ISO 50-204.800, scatti veloci a raffica continua fino a 10 fps con autofocus e regolazione dell’esposizione, e un otturatore completamente elettronico, che permette di scattare in silenzio quando si vuole evitare di disturbare un soggetto.

La caratteristica principale dell’A7 II è stata la stabilizzazione a 5 assi nel corpo. Questo sistema avanzato di IS porta all’A7 III, ma ora offre fino a 5 stop di stabilizzazione rispetto ai 4,5 stop del suo predecessore. Un altro miglioramento vede l’A7 III utilizzare la stessa batteria NP-FZ100 potenziata dell’A7R III e dell’A9, offrendo oltre il doppio della capacità del vecchio NP-FW50. Guadagna anche due slot per schede SD, ma solo uno supporta il tipo UHS-II.

L’A7 III ha una disposizione complessa di 693 punti di rilevamento di fase e 425 punti di rilevamento del contrasto, che coprono il 93% del telaio. L’autofocus è ulteriormente migliorato utilizzando gli stessi avanzamenti AF utilizzati per la prima volta nel Sony A9. La differenza nella velocità e nella precisione della messa a fuoco dell’A7 III si nota dalla vecchia A7 II.

Con un buon livello di personalizzazione e un layout dei pulsanti rivisto che rende il funzionamento più intuitivo, la A7 III è una fotocamera estremamente piacevole da usare. Eredita il joystick AF della A7R III e presenta un nuovo pulsante di blocco dell’esposizione (AEL) sotto la ghiera di compensazione dell’esposizione, un nuovo pulsante AF-ON e una ghiera di scorrimento posteriore migliorata che è molto meno complicata.

Altri miglioramenti sulla A7 III si trovano nella parte posteriore, dove un EVF da 2,3 m con ingrandimento 0,78x e uno schermo tattile LCD touchscreen da 3 pollici e 922k. L’EVF ha una risoluzione inferiore rispetto all’A7R III, ma è completo di rivestimenti Zeiss T* per ridurre i riflessi invadenti.

L’A7 III ha fatto molta strada rispetto all’originale A7 e all’A7 II. Fa esattamente quello che i fotografi seri vogliono in un corpo più piccolo e leggero delle DSLR concorrenti. È veloce, è altamente versatile e offre un’eccellente qualità d’immagine quando si chiede di più al sensore in condizioni di scarsa illuminazione.

Sony ha realizzato un superbo tuttofare con la A7 III. Potrebbe non essere così avanti rispetto ai suoi rivali come quando è stata lanciata per la prima volta, e in alcune aree la Nikon Z6 ha fatto un passo avanti, ma rimane il sistema full-frame mirrorless più maturo e un ottimo acquisto per chiunque non voglia estendere il proprio budget alla potente A7R III di Sony.

migliori fotocamere mirrorless: Controlla il prezzo della Sony A7 III

Migliori fotocamere mirrorless: Panasonic Lumix G9: Una brillante macchina fotografica per lo sport e la fauna selvatica

Pro:

  • Design e maneggevolezza eccellenti
  • Eccellenti modalità foto 4K e 6K
  • Ben supportato dalle lenti Micro Quattro Terzi
  • Offre modalità ad alta risoluzione a 40MP e 80MP

Contro:

  • Il posizionamento dell’interruttore AF potrebbe essere migliore
  • Manca l’indicazione del livello della batteria in percentuale
  • Le descrizioni della modalità di scatto a raffica non sono chiare
  • Nessuna modalità panoramica in camera

La Panasonic Lumix G9 si trova accanto ai modelli premium GH5 e GH5S di Panasonic della linea Lumix G. Mentre la serie GH si è sempre dimostrata attraente per i videografi, la G9 è in grado di soddisfare le esigenze dei fotografi seri e attenti alle immagini. Lo fa con una specifica impressionante, tuttavia è la velocità di blistering di cui è capace che la distingue davvero da molte altre fotocamere mirrorless.

Scattando continuamente in modalità AF-S, la G9 può emettere una raffica a 12 fps per 60 fotogrammi in RAW, o a 60 fps per 50 fotogrammi in RAW attivando l’otturatore elettronico della fotocamera. Passando la fotocamera al modo AF continuo (AF-C), la velocità di scatto diminuisce, ma a 9 fps con l’otturatore meccanico o a 20 fps con l’otturatore elettronico.

Anche il nuovo stabilizzatore d’immagine a 5 assi Dual I.S II della G9, che offre 6,5 stop di compensazione per contrastare il tremolio della fotocamera quando si scattano foto o filmati, ha una doppia funzione. Consente alla fotocamera di offrire una nuova modalità ad alta risoluzione da 80 megapixel, in cui il sensore viene spostato con precisione tra otto scatti per creare una singola immagine con dettagli molto più fini. È eseguita in modo eccellente ed è facile da usare.

C’è molto di più da apprezzare nella fotocamera: ha un LCD ome la maggior parte delle DSLR, un superbo mirino elettronico con risoluzione di 3680k-dot con ingrandimento 0,83x, e un sensibile touchscreen da 3 pollici, 1040k-dot vari-angle touchscreen da 1040k-dot. Tutto ciò si combina con un sistema di messa a fuoco automatica a scatto, affidandosi ancora una volta ad una formula di rilevamento del contrasto e alla tecnologia Depth From Defocus (DFD).

Può mancare una sensazione di macchina davvero high-end, ma è una fotocamera senza specchio incredibilmente versatile, in grado di fornire risultati soddisfacenti nelle mani di chi ama la fotografia. L’acquisto della migliore macchina fotografica Panasonic di Panasonic ha avuto un grande valore.

Controlla il prezzo della Panasonic Lumix G9

Migliori fotocamere mirrorless: Canon EOS M50: un bel mid-ranger per viaggiatori e vlogger

Pro:

  • Le dimensioni compatte e il peso leggero la rendono facile da trasportare ovunque
  • Eccellente qualità dell’immagine, con misurazione affidabile e bilanciamento del bianco automatico
  • Messa a fuoco automatica rapida e precisa, anche con obiettivi DSLR con innesto EF adattati
  • Interfaccia facile da usare che offre ancora un ampio controllo sulle impostazioni
  • Lo schermo completamente articolato è ottimo per scattare con angolazioni inusuali

Contro:

  • Il controllo a quadrante singolo è più lento da usare rispetto ai concorrenti a quadrante doppio
  • Il mirino troppo contrastato blocca i dettagli delle ombre
  • Ingrandimento della messa a fuoco manuale mal implementato
  • Gamma molto piccola di obiettivi EF-M nativi
  • Il video 4K è soggetto a notevoli restrizioni

La Canon EOS M50 si inserisce nella linea di fotocamere mirrorless dell’azienda tra la EOS M100 e la EOS M6. Offre un grado di controllo esterno simile a quello della DSLR EOS 200D, ma con un mirino elettronico incorporato, accanto a un touchscreen completamente articolato.

È costruita intorno a un sensore di nuova generazione AF CMOS a doppio pixel, che ora è in grado di rilevare la messa a fuoco automatica della fase su un’area più ampia dell’inquadratura. Con una risoluzione di 24,1MP, offre una gamma di sensibilità di ISO 100-25.600 espandibile fino a ISO 51.200. La ripresa continua è un vero punto di forza di questa fotocamera: 10 fps con messa a fuoco fissa, o 7,4 fps con messa a fuoco regolata tra uno scatto e l’altro.

Per la prima volta su un modello EOS, la EOS M50 offre una modalità di scatto silenziosa che utilizza un otturatore completamente elettronico. Si ottiene l’Auto Lighting Optimiser di Canon per il bilanciamento di ombre e luci in scene ad alto contrasto e c’è una buona selezione di modalità di base e modalità di scena basate su soggetti per i principianti, per iniziare prima di progredire.

In particolare, la EOS M50 segna il debutto dell’ultimo processore DIGIC 8, che la rende la prima fotocamera consumer Canon in grado di registrare video 4K.

Come ci si aspetterebbe, le opzioni di connettività Wi-Fi, NFC e Bluetooth sono tutte disponibili, con quest’ultima in grado di formare una connessione sempre attiva al vostro smartphone utilizzando l’applicazione gratuita Camera Connect per Android o iOS. Quando si condividono le foto, è possibile spingere i propri scatti preferiti dalla fotocamera al telefono mentre si naviga in modalità di riproduzione, oppure visualizzare le immagini sul telefono e tirarle verso l’esterno.

La EOS M50 è dotata di un EVF da 2,36 milioni di punti, di tipo 0,39 con un ingrandimento di circa 0,62x. Sotto l’EVF c’è un LCD 3in 1.04m-dot LCD, con un design completamente articolato. Può inclinarsi verso l’alto o verso il basso per scattare foto a livello della vita o in alto, sia in formato verticale che orizzontale, con la faccia completamente rivolta in avanti per la selezione, o anche ripiegarsi con lo schermo rivolto verso l’interno per proteggerlo da graffi.

Le prestazioni dell’autofocus sono buone come si può sperare: è silenzioso e svolge la sua attività in modo accurato. La EOS M50 funziona straordinariamente bene anche con gli obiettivi DSLR Canon EF con innesto EF EOS M, che possono essere ritirati per circa 109 sterline.

Con la EOS M50, Canon ha prodotto una fotocamera molto simpatica che riesce ad essere semplice e accessibile ai principianti, offrendo al tempo stesso un controllo manuale completo per gli appassionati. Ha una certa concorrenza sul mercato e l’unica cosa che potrebbe scoraggiarvi è il numero di obiettivi attualmente disponibili nella gamma di obiettivi EF-M Canon.

migliori fotocamere mirrorless: Controlla il prezzo della Canon EOS M50

Nikon D850: La migliore DSLR che abbiamo mai visto

Pro:

  • Il sensore risolve dettagli eccezionalmente fini
  • Autofocus super-veloce e riprese silenziose in Live View
  • Eredita la commutazione AF dalla D500 per il posizionamento veloce del punto AF
  • Impressionante durata della batteria con la batteria EN-EL15a

Contro:

  • Manca l’AF a rilevamento di fase su chip in Live View
  • Il touchscreen non consente agli utenti di regolare le impostazioni di esposizione dei tasti
  • La connettività SnapBridge richiede un miglioramento

Quando la Nikon D850 è arrivata sul mercato nel luglio del 2017, è stata praticamente unica, offrendo una combinazione di velocità strabiliante e risoluzione che non era stata implementata in un unico corpo. Da allora, fotocamere senza specchio come la Sony A7 III e la Nikon Z7 hanno ripetuto questo approccio. .

La Nikon D850 è una reflex digitale di fascia alta, a pieno formato, progettata per i fotografi professionisti. Combina prestazioni ad alta risoluzione e velocità e prestazioni impressionanti in condizioni di scarsa illuminazione in un corpo robusto e resistente alle intemperie.

La D850 ha sostituito la D810 da 36,3 megapixel rilasciata nel 2014, apportando numerosi miglioramenti a quella che era già di per sé un’eccellente DSLR. Il pezzo forte è il sensore da 45,7 megapixel, che allinea la D850 alla concorrenza diretta come la Canon 5DS (50,6 megapixel) e la Sony A7 III (42,4 megapixel).

Per coloro che non hanno bisogno dei 45,7 megapixel della D850 per un particolare scatto o che vogliono solo risparmiare spazio sulla scheda di memoria, c’è anche la possibilità di scattare a 25,6 megapixel o a 11,4 megapixel.

Il nuovo sensore ad alta risoluzione della D850 è abbinato ad un potente processore EXPEED 5, utilizzato sia dalla Nikon D500 che dall’ammiraglia D5. Questa combinazione conferisce alla D850 un’elevata potenza di elaborazione e garantisce che il rumore sia mantenuto al minimo quando si utilizzano impostazioni di sensibilità più elevate. Lo scatto continuo raggiunge il massimo a 7 fps, anche se collegando l’impugnatura opzionale della batteria MB-D18 della D850 (£369) e la batteria EN-EL18b (£179) si ottiene un impressionante 9 fps.

Anche il sistema di messa a fuoco automatica Multi-CAM 20K a 153 punti della D850 è stato sollevato direttamente dalla D500 e dalla D5. Si tratta di un modulo AF collaudato, veloce e preciso, grazie anche all’inserimento di 99 punti AF a croce.

Il punto AF centrale è sensibile fino a -4EV, che dovrebbe garantire una messa a fuoco accurata, anche quando la luce è scarsa. Altrove, la D850 diventa anche la prima DSLR Nikon a supportare l’acquisizione video 4K fino a 30fps, con ingressi separati per microfono e cuffie situati sul lato della fotocamera.

La costruzione è, come ci si aspetterebbe da una DSLR pro, praticamente a prova di bomba, con la componentistica alloggiata in modo sicuro all’interno di un corpo in lega di magnesio sigillato dalle intemperie. I pulsanti e i comandi sono abbondanti, così come le opzioni di personalizzazione. Il retro della fotocamera è dotato di un touchscreen inclinabile da 3,2 pollici e 2,36 m di punto, e sopra di questo il mirino al 100% è descritto da Nikon come il più grande che l’azienda abbia mai realizzato.

La D850 è una macchina fotografica incredibile che è impressionante ora come quando è arrivata nel 2017. Se si preferisce ancora il mirino ottico di una DSLR e la durata della batteria per tutto il giorno, è una delle migliori mai realizzate.

migliori fotocamere mirrorless: Controlla il prezzo della Nikon D850