Illuminazione da studio: la guida definitiva

0
123

Se sei nuovo nel campo dell’illuminazione da studio, è facile farsi intimidire dalla quantità di cose che si devono imparare. Il gergo da solo è sufficiente a farti girare la testa! Fortunatamente, nessuna delle cose di cui hai bisogno per avere successo in studio è particolarmente complicata, ce n’è solo molta. Lo scopo di questo articolo è quello di servire da guida per farvi conoscere alcune delle più elementari attrezzature per l’illuminazione in studio, e i termini che vi serviranno per orientarvi in uno studio fotografico. Se poi vuoi altre dritte su come realizzare uno studio fotografico fai da te, non devi far altro che vedere il nostro precedente articolo qui e qui.

Un piccolo avvertimento: Alcuni di questi termini sono usati in modo diverso da diversi fotografi. Altri vengono scambiati tra loro. Anche se a volte può confondere, non è necessariamente sbagliato. Tuttavia, è utile sapere quando si sente qualcuno riferirsi a una bandiera come a un gobo o alla luce ambientale come luce continua.

Illuminazione da studio: Tipi di luce

Strobo – Uno strobo da studio è un flash dedicato. A volte possono essere indicati come monoblocco o monoluce. Di solito alimentate dalla rete elettrica, vengono sempre più proposte sul mercato offerte alimentate a batteria. La potenza in uscita tra i vari modelli può variare notevolmente, con le strobo più economiche che offrono tanta potenza quanto una pistola flash di terze parti a basso costo.

Illuminazione da studio
Gli stroboscopi sono potenti flash che dominano la fotografia in studio. Photo by Chalo Garcia on Unsplash

Luce continua/luce calda – Le luci continue svolgono le stesse funzioni di illuminazione delle stroboscopie, ma non lampeggiano. Sono invece lampade ad alta potenza che di solito possono essere dotate di modificatori allo stesso modo delle luci stroboscopiche. Sebbene siano per lo più associate al video, le luci continue hanno comunque il loro posto nella fotografia di posa. Ci sono molte luci a LED che stanno arrivando sul mercato al momento, e molte di esse sono opzioni possibili.

Il soprannome hotlight deriva dal fatto che tendono a diventare molto calde. Fate attenzione ai modificatori che si trovano vicino alla lampadina in quanto presentano un rischio di incendio. Questo non vale per le luci a LED.

Flashgun/speedlight – I flash sono piccole luci con un supporto a slitta calda da posizionare sopra la fotocamera. Sono altamente portatili, e alcune sono dotate di uscite di potenza ragionevolmente elevate. Sebbene la loro versatilità sia in ultima analisi limitata alle loro dimensioni e alla loro potenza, sono comunque uno strumento estremamente utile per qualsiasi fotografo interessato all’illuminazione fuori dalla macchina fotografica.

Luce chiave – La vostra luce chiave è la luce principale con la quale state modellando il vostro soggetto. Questa sarà di solito la luce più luminosa e prominente della scena.

Luce di riempimento – Una luce di riempimento è un’altra tipologia di Illuminazione da studio il cui effetto è quello di ridurre l’intensità delle ombre create dalla vostra luce chiave, diminuendo così il contrasto complessivo nella vostra scena.

Rim light (luce a cerchio)/backlight – Le luci a cerchio illuminano il soggetto da dietro per aiutare a separarlo dallo sfondo. Spesso, le luci di bordo sono posizionate in modo che solo un frammento di luce sia visibile ai lati del soggetto.

Luce di sfondo – le luci di sfondo… illuminano lo sfondo.

Luce per i capelli – Le luci per i capelli sono usate per aggiungere enfasi ai capelli del soggetto. Possono anche essere usate per aiutare a far risaltare l’esposizione della testa del soggetto se si sta mimetizzando con lo sfondo.

Luce ambiente – Si tratta di qualsiasi luce presente prima dell’aggiunta di qualsiasi altra fonte di illuminazione. Può provenire dalla luce della stanza o dalla luce del giorno proveniente da una finestra o dall’esterno.

Illuminazione da studio: Modificatori

Ombrelli – Gli ombrelli di solito sono disponibili in argento o bianco e possono essere attaccati al vostro strobo tramite un supporto. Sparando lo stroboscopio nell’ombrello (che riflette la luce sul soggetto), si crea una fonte di luce molto più grande che crea una luce più morbida. Anche se per lo più direzionali, gli ombrelli possono avere molte fuoriuscite, e non sono il modificatore più facile da controllare.

illuminazione da studio - ombrello
Gli ombrelli sono il vostro modificatore più elementare. Sono buoni per la luce soffusa e diffusa, ma sono difficili da controllare. Photo by Chris Slupski on Unsplash

Ombrelli traslucidi / Ombrelli Shoot-thru – Gli ombrelli traslucidi non riflettono la luce, ma sono invece fatti di materiale di diffusione attraverso il quale si punta la luce. Questo ammorbidisce la luce, in modo molto simile ad altri modificatori, ma senza il beneficio della direzionalità.

Softbox – I Softbox sono disponibili in una varietà di forme e dimensioni. Una volta attaccato alla vostra luce, un softbox agisce per modellare e ammorbidire la luce in modo che sia più lusinghiero. I softbox tendono anche ad essere abbastanza direzionali, e sono facili da controllare e modificare ulteriormente.

softbox
I softbox sono il cavallo di battaglia dello studio fotografico e sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Photo by Dane Kelly on Unsplash

 

Strip box – Le strip box sono softbox, ma sono rettangoli lunghi e stretti che producono un fascio di luce molto più stretto. Sono ottimi per illuminare un soggetto da dietro per un effetto di illuminazione del bordo.

Striplight
Gli Striplights sono un utile tipo di softbox che offrono una luce molto direzionale.

Ottagono – Anche questo è un tipo di softbox, un ottagono è di forma ottagonale. La fonte di luce più rotonda è utile per modellare la luce per i ritratti. Gli octabox tendono ad essere anche piuttosto grandi, il che li rende un modificatore ideale per i ritratti.

Riflettori – Il riflettore è un modificatore che va direttamente sul vostro strobo. Incanalano la luce in un angolo specifico per una luce molto direzionale. Sono anche una fonte di luce molto dura. La maggior parte sono progettati per prendere una varietà di griglie.

riflettore beauty dish Illuminazione da studio
I riflettori accoppiato ad un beauty Dish, come questo riflettore a 110 gradi, forniscono una sorgente luminosa molto direzionale e molto dura.

 

Snoots – Gli Snoots sono modificatori che sono progettati per focalizzare la luce in un fascio molto stretto. Sono ottimi sia per le luci dei capelli che per le luci di sfondo.

diffusore principale - snoot
Uno snoot – Gli Snoots dirigono la vostra luce in un fascio molto stretto e controllato.

Beauty Dish – I beauty Dish (vedi due immagini sopra) sono modificatori direzionali che si trovano a metà strada tra la luce morbida e quella dura. Sono ottimi per la fotografia di bellezza (da cui il nome), ma anche per la moda e la ritrattistica. Spesso vengono forniti con griglie e calze a diffusione per darvi ancora più opzioni su come usarli.

Griglie – Le griglie sono dei modificatori per i vostri modificatori. Posizionate su un riflettore, o softbox, o beauty dish, restringono ulteriormente il fascio di luce e aiutano a garantire che la luce cada solo sul vostro soggetto (o dove volete che cada).

griglia Illuminazione da studio
Le griglie aiutano a modificare ulteriormente la direzionalità della luce.

Gobo – Un gobo viene posto davanti a una fonte di luce per modificare la forma della luce. Questo può essere semplice come restringere il fascio di luce ed essere complicato come la creazione di schemi complessi. Il modo più semplice per spiegarlo è immaginare una veneziana con la luce che passa attraverso. Ora immaginate il motivo sulla parete. La veneziana agisce come un efficace gobo e modella la luce.

Gel di correzione colore – I gel di correzione del colore vengono utilizzati quando è necessario correggere la temperatura del colore di una data luce. Per esempio, se avete una piastra di bellezza particolarmente calda (come la mia), e volete usare un’altra luce come luce per capelli, quella seconda luce potrebbe essere molto fredda rispetto alla vostra luce chiave. Posizionando un gel CTO arancione sulla vostra luce per capelli, potete abbinare e bilanciare la resa cromatica di entrambe le luci.

Gel colorati – È anche possibile utilizzare i gel verso un fine creativo. È possibile usare un gel sulle luci per produrre quasi tutti i colori che si desidera.

Riflettori  – I riflettori sono una parte importante di qualsiasi kit da studio. Questi permettono di riflettere la luce della vostra luce chiave sul vostro soggetto. Sono un mezzo per creare una luce di riempimento senza utilizzare una seconda fonte di luce dedicata. I riflettori sono disponibili in molte forme e dimensioni, dagli onnipresenti riflettori 5 in 1 ai fantasiosi tri-flettori talvolta utilizzati nei ritratti di bellezza.

riflettore diffusore
Riflettori e diffusori sono due strumenti vitali quando si tratta di modellare e controllare la luce in studio.

 

Diffusore– Un diffusore è un pezzo di materiale traslucido che si posiziona davanti ad una fonte di luce per alterare la forma della luce o per ridurre l’intensità della luce. Alcuni diffusori fanno entrambe le cose.

Bandiere – Le  sono usate per bloccare (o bandiere) la luce che cade nella scena in cui non si vuole che cada. Potete usarle per fermare la luce in eccesso che cade sullo sfondo, oppure potete usarle per ridurre l’esposizione sulle parti del soggetto che non sono il punto focale. Per esempio, a volte, mi piace usare le bandiere per aiutare a sottoesporre tutto dal collo in giù nei ritratti ravvicinati. Questo aiuta a far sì che il volto sia il punto focale dell’immagine.

Illuminazione da studio: accessori

Stand/stativo– Semplicemente un supporto per tenere la vostra sorgente di luce. Assicuratevi di averne uno in grado di sostenere il peso della vostra luce. Uno stroboscopio ad alta potenza e dedicato richiede molto più supporto di un lampeggiatore.

Dolly – Un supporto leggero con ruote. Molto utile.

Braccio  Un braccio è un supporto leggero che si può posizionare a qualsiasi angolo tra completamente verticale e completamente orizzontale. Questi sono utili per ottenere le vostre luci in alto e anche per posizionare la vostra luce ad angoli che un supporto tradizionale non sarebbe in grado di gestire. È possibile montare diverse varietà di bracci del braccio ad altri stand di luce così come gli apparecchi permanenti come le pareti.

Sfondo– Uno sfondo è qualsiasi superficie su cui si posiziona il soggetto. Si va da rotoli di carta e vinile a pareti nude o decorate a pezzi di tela dipinta.

fondale

supporto di sfondo – Qualsiasi sistema di supporto progettato per contenere uno sfondo. Questi possono essere montati in piedi o a parete.

MorsettiMorsetti e altri dispositivi di fissaggio sono disponibili in tutte le forme. Si possono (e si devono) usare per tenere in posizione tutti i tipi di oggetti. Sfondi, bandiere, riflettori, gel e molte, molte altre cose devono essere tenute in posizione. Ad esempio, i fermagli per bulldog sono indispensabili per tenere in alto i fondali di tela, mentre i fermagli a due teste possono essere fissati a un tavolo e tenere una bandiera o un riflettore.

morsetti Illuminazione da studio
Questa immagine mostra una selezione di morsetti e clip che troverete sempre un utilizzo in studio. Il morsetto a doppia testa sostiene un pezzo di nucleo di schiuma nera per l’uso come bandiera.

Guide per luci– Negli studi più grandi, si potrebbero vedere le luci fissate agli accessori sulle pareti e sul soffitto. Queste rotaie permettono di spostare la luce relativamente liberamente in uno spazio senza il fastidio di un supporto per la luce.

Inoltre, aiutano a tenere i cavi lontani da voi e dai vostri soggetti.

Altre cose da tenere a mente

Qualità della luce – La qualità in questo caso si riferisce alle caratteristiche fisiche della luce. Queste includono forma, intensità e colore.

Schema di illuminazione – Uno schema di illuminazione è una tecnica specifica in cui una luce viene posizionata in modo prescritto per ottenere risultati prevedibili e stabiliti. Esempi di questi includono l’illuminazione a farfalla, l’illuminazione di Rembrandt e l’illuminazione suddivisa.

Presa/cavo di sincronizzazione PC Sync – La sincronizzazione PC è un mezzo per collegare la fotocamera a un flash con un cavo. È possibile utilizzare questa opzione al posto dei trigger.

Trigger – I trigger sono dispositivi che permettono ad una fotocamera di comunicare con le vostre luci e assicurano che i vostri flash sparino mentre l’otturatore è aperto. Si va da modelli molto semplici con una sola funzione, a dispositivi complessi che consentono il pieno controllo delle impostazioni di più luci.

trigger Illuminazione da studio
I trigger permettono alla fotocamera di comunicare con il flash in modo da lavorare in sincronia.

 

Modalità slave – In modalità slave, un flash rileva la luce di un altro flash tramite un sensore e il fuoco. Questo è ottimo in situazioni in cui si hanno più luci, ma un solo trigger di base.

Mount – Un mount è il mezzo in cui un modificatore è collegato ad un flash. Molti produttori di luci hanno i loro supporti proprietari associati ai loro sistemi (Bowens, Profoto, Elinchrom, ecc.) Quindi dovrete assicurarvi che ogni modificatore che acquistate si adatti al sistema che possedete.

Bowens S-mount Illuminazione da studio
Questa è la forma del Bowens S-mount.

Luce modellante – Molte strobo sono dotate di due lampadine. Una è una lampadina flash, da cui proviene la luce stroboscopica, e l’altra è una lampadina modellante che si accende ogni volta che la luce stroboscopica non lampeggia. Questo rende facile per voi vedere cosa la luce sta facendo al vostro soggetto. Come bonus, se avete tagliato tutta la luce ambientale (come si dovrebbe fare in un ambiente di studio), le luci modellanti vi danno la possibilità di vedere.