Canon: calo dei profitti dell’80% del settore imaging nel primo trimestre a causa del COVID-19

0
181

Canon ha pubblicato oggi il suo rapporto finanziario del primo trimestre e, mentre l’impatto di COVID-19 si è fatto sentire in tutte le sue varie attività, l’Imaging Business ha subito i più brutali cali. Peggio ancora, Canon prevede che il 2° trimestre sarà ancora più doloroso. Il calo dei profitti è molto marcato.

Potete trovare il rapporto finanziario completo a questo link, ma cercheremo di riassumere i risultati chiave per quanto riguarda il settore Imaging in generale e le fotocamere in particolare.

Il rapporto inizia sottolineando che COVID-19 ha “cambiato completamente” il panorama economico globale, e prevedendo che “l’economia globale affronta la peggiore recessione dai tempi della Grande Depressione”. La flessione per Canon è iniziata a metà febbraio e alla fine di marzo l’azienda nel suo complesso ha registrato un calo delle vendite nette del 9,5% e un calo dell’utile operativo del 18,7%.

La storia peggiora quando ci si rende conto di quanto di quel calo sia dovuto a un calo delle vendite di fotocamere.

L’attività di Canon’s Office – la divisione più redditizia di Canon – ha visto un aumento del profitto operativo grazie al “controllo completo delle spese”. Tutto il resto è diminuito, con Imaging che ha “guidato” il pacchetto sia nella diminuzione delle vendite nette che nel profitto operativo.

Il business Imaging System nel suo complesso – che comprende sia le stampanti a getto d’inchiostro che le macchine fotografiche – ha registrato un calo delle vendite nette del 13,9%, mentre l’utile operativo è sceso di un impressionante 80,6%. Questo nonostante il fatto che la parte delle stampanti a getto d’inchiostro del business abbia effettivamente visto un magro incremento del fatturato netto.

Nonostante un aumento della domanda di stampanti a getto d’inchiostro dovuto al lavoro a distanza e all’apprendimento, le vendite e i profitti sono diminuiti a causa di un calo significativo delle vendite di unità fotografiche“, scrive Canon, “che riflette non solo la continua contrazione del mercato, ma anche la scarsità dell’offerta“.

Analizzando ulteriormente i numeri, Canon ammette che le macchine fotografiche potrebbero anche essere una delle ultime aree da recuperare: “Oltre all’impatto sull’offerta, anche le vendite di fotocamere con obiettivo intercambiabile sono state fortemente influenzate. Uno dopo l’altro, gli eventi in diretta sono stati cancellati o rinviati e le possibilità di utilizzare le fotocamere sono diminuite. Oltre a questo, crediamo che ci vorrà del tempo per vedere una ripresa della domanda di telecamere, che sono considerate articoli di lusso, anche dopo che le turbolenze economiche globali si saranno placate“.

Potete vedere i numeri nel grafico qui sotto. Come potete vedere, il fatturato netto delle telecamere è sceso del 27%, il che sembra essere il principale fattore alla base di quel massiccio calo dell’80% dell’utile operativo per il business dei sistemi di imaging nel suo complesso:

covid-19 canon

Se c’è un “lato positivo” qui, è che Canon sembra intenzionata ad andare avanti. Non si è parlato di cambiare rotta o di tagliare via parti del business delle fotocamere. L’azienda continua a credere che il suo futuro risieda nella sua clientela professionale e amatoriale avanzata.

Nonostante il difficile contesto aziendale, porteremo avanti costantemente la nostra strategia che si concentra su modelli per professionisti e amatori avanzati per mantenere la redditività a medio e lungo termine“, si legge nel rapporto.

Questo comporterà il rilascio ufficiale dell’innovativa EOS R5, oltre a 9 nuovi obiettivi RF che promettono di espandere la gamma per includere opzioni più convenienti dal punto di vista del budget. Infine, l’azienda non rinuncia nemmeno alle telecamere compatte, scrivendo che “lavoreremo per aumentare la redditività, concentrandoci sulla vendita di modelli della serie G ad alto margine“.