Come impugnare la macchina fotografica

0
3095

Può sembrare un argomento banale eppure noto come tantissime persone non sono realmente in grado di tenere in mano correttamente una macchina fotografica. Gli errori più classici sono,con le compatte, il dito davanti l’obiettivo (specie con le Sony che hanno lo zoom periscopico, ovvero interno) o davanti al flash.

Con le reflex la situazione migliora a causa della dimensione dell’apparecchio, ma spesso e volentieri la mano finisce per ostruire la luce del telemetro, creando non pochi problemi alla macchina soprattutto quando è necessario usare il flash. Una volta mi è capitato anche di vedere una persona che impugnava la macchina “dall’alto” e si lamentava che il flash popup non si apriva!

Come impugnare la macchina fotografica?

Esiste una semplicissima regola da ricordare: la sinistra (o la destra per i mancini) sorregge il corpo macchina (il braccio si fa carico del peso di tutto l’apparato) e manovra zoom e messa a fuoco agendo dal basso, mentre la mano destra afferra la macchina lateralmente con il dito indice sul pulsante di scatto.

Nel caso di foto in verticale, la situazione è leggermente differente: la mano sinistra rimane nella stessa posizione, mentre la destra sarà ovviamente più in alto dovendo seguire il pulsante di scatto. Il vero cambio viene effettuato sui gomiti: gomiti stretti e attaccati al corpo (per evitare oscillazioni della macchina) e gomito destro all’altezza del dorso della mano in una posizione quasi parallelo al terreno in modo da evitare la torsione del polso.

 

Volendo schematizzare quanto affermato, possiamo dire che una corretta postura (quindi andiamo oltre il semplice come impugnare una macchina fotografica) dovrebbe prevedere:

  • la mano destra che stringe il lato della macchina fotografica;
  • Il dito indice leggermente appoggiato sul tasto di scatto o immediatamente sopra si esso;
  • il pollice appoggiato all’opposto dell’indice, sul dorso della macchina più o meno vicino alla ghiera (anche sopra, volendo);
  • il palmo della mano sinistra sostiene la macchina fotografica;
  • Indice e pollice della mano sinistra avvolgono l’obiettivo, possibilmente all’altezza della ghiera di messa a fuoco (per poterla regolare in pochi istanti e senza lasciare la presa);
  • Gomiti e possibilmente braccia attaccati al torace;
  • la fronte premuta contro la fotocamera;
  • Occhio aderente al mirino;
  • la testa sporge in avanti verso la fotocamera (e non il contrario);
  • i piedi separati e con le punte in diverse direzioni al fine di fornire la massima stabilità possibile al corpo;
  • il piede corrispondente all’occhio che si usa con l’oculare leggermente più avanti dell’altro.
  •  Al fine di incrementare la stabilità del corpo, fondamentale se si vuole realizzare scatti puliti, potete cercare di appoggiarvi contro un oggetto solido come un muro o un albero o sedervi o ancora meglio posizionarvi in ginocchio.
  • Se siete seduti, non tenete le gambe stese ma piegatele leggermente, questo incrementa la vostra stabilità.
  • Se siete a pancia in giù, ricordate di stringere i gomiti in modo che siano più o meno perpendicolari alle vostre orecchie. in caso contrario carichereste troppo i muscoli con conseguenti problemi di stabilità.
  • Se avete bisogno di un sostegno temporaneo, usate il braccio che non usate come appoggio. Avete presente quando vi date un abbraccio da soli? Ecco, fate quel movimento. Sul braccio che vi “abbraccia” posizionate la macchina fotografica. In questo modo avrete una base abbastanza stabile per fare foto.

Un altro suggerimento molto utile per incrementare la stabilità e quindi migliorare il modo di impugnare la macchina fotografica è quello di fare un respiro molto profondo prima di scattare. Trattenete il respiro durante lo scatto e quindi espirate. Molte persone fanno esattamente il contrario, o respirano durante lo scatto: due errori che fanno perdere stabilità (nel primo caso perché  potreste dover respirare, nel secondo caso perché il torace si muove tantissimo in fase di respiro, con conseguente movimento della macchina fotografica)

Un’ultima nota su come impugnare la macchina fotografica: una cosa è impugnare la macchina, una cosa è evitare che ci siano vibrazioni e che quindi la foto sia mossa. Esistono svariati modi per ridurre le vibrazioni, ma esulano dal discorso attuale, focalizzato appunto solo sul come impugnare la macchina fotografica.

 

Previous articleGli Istogrammi
Next articleLa Latitudine di Posa o di Esposizione
Fondatore di Fotografare in Digitale, ho sempre amato il mondo della fotografia e la possibilità di catturare un momento, un attimo, una sensazione tramite un semplice scatto. Nato come fotografo per caso quando misi le mani sulla mia prima Nikon D1, ho ampliato le mie conoscenze ed esperienze fotografiche, decidendo quindi di condividerle con chiunque fosse interessato alla fotografia. Sono un fotografo amatoriale di buon livello e continuo imperterrito a girare per le città con la fedele Nikon (ora una D800) appesa al collo.