La nuova Stock Coalition chiede la “chiusura globale” dei porfolio su Shutterstock

0
112

Una nuova “Stock Coalition” composta da fotografi, illustratori, animatori e cineasti di tutto il mondo chiede una “chiusura globale dei porfolio di Shutterstock” per protestare contro il recente cambiamento della struttura reale del colosso azionario. La coalizione chiede ai collaboratori di disattivare i loro account per “almeno una settimana” a partire da oggi.

La polemica al centro di questa protestaè iniziata qualche settimana fa, quando Shutterstock ha rivelato una nuova struttura di guadagni che ha fatto infuriare molti dei suoi principali contribuenti.

In precedenza, i contribuenti guadagnavano una percentuale di royalty in base ai loro guadagni basati sullo storico delle vendite, una struttura che premiava coloro che erano sulla piattaforma da più tempo e che avevano venduto di più durante tutto il loro rapporto con Shutterstock. Al contrario, la nuova struttura dei guadagni a 6 livelli si basa sul numero di vendite che un fotografo realizza in un determinato anno, azzerando ogni singolo contribuente al livello più basso (Livello 1) all’inizio di ogni anno.

shutterstock

Mentre alcuni hanno sostenuto che si trattava di un cambiamento ragionevole volto a incentivare la creazione di contenuti tempestivi, molti fotografi vedono la nuova struttura come un insulso accaparramento di denaro che si tradurrà in minori royalties per i più fedeli collaboratori di Shutterstock. Ora, questi fotografi si riuniscono con altri creativi e invitano i loro colleghi a partecipare a qualcosa che chiamano “Giorno della Disattivazione“.

In qualche modo Shutterstock ha dimenticato che l’unico valore che apporta è la capacità di far incontrare acquirenti e venditori in un mercato online. Shutterstock non possiede nulla e non ha nulla da vendere senza i collaboratori globali che producono instancabilmente contenuti creativi da utilizzare su siti web, pubblicazioni, video, film e altre forme di media“, dice Dimitar Gorgev, portavoce della neonata Stock Coalition. “È chiaro che è giunto il momento che gli artisti creativi si riuniscano e si uniscano alla crescente richiesta globale di chiudere tutti i conti di Shutterstock dal 15 al 21 giugno“.

La coalizione chiede che Shutterstock cambi rotta “immediatamente” e torni sui suoi passi per quanto riguarda il cambiamento della sua struttura di royalty, altrimenti alcuni dei fotografi che questa settimana stanno disattivando i loro conti potrebbero non tornare affatto e muoversi verso altri lidi.

Nessuno sa se Shutterstock cambierà effettivamente rotta. In un comunicato stampa, la Stock Coalition sostiene che “Entro domenica 14 giugno, un gran numero di collaboratori, tra cui alcuni con portfolio consistenti e popolari, avevano già disattivato il loro account su Shutterstock“, mentre altri hanno completamente cancellato i loro conti. Ma quanto questo abbia avuto un impatto sui profitti di Shutterstock è ancora da vedere.

Finora l’azienda non si è mossa, sostenendo che la nuova struttura è stata progettata per “affrontare i cambiamenti del mercato, creando al tempo stesso eque opportunità per tutti i collaboratori“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.