I filtri digradanti

I filtri digradanti o graduali  sono dei filtri per metà colorati e per metà neutri. Il passaggio tra le due zone è graduale (digradante, appunto).

Molto famosi nell’ambito della fotografia analogica in particolare negli anni 80, sono usati tutt’ora in ambito digitale, anche se non proprio spesso: la loro caratteristica è quella di introdurre una forte dominante (del colore del filtro) solo in una parte della fotografia.

Effetto di un filtro digradante

Nella fotografia di sopra, è stato utilizzato un filtro digradante rosso: la parte bassa della foto è standard mentre le nuvole hanno guadagnato una colorazione prettamente rossa. Il cielo, nella parte centrale del filtro, ha qualcosa di viola. La loro utilità è appunto abbastanza dubbia, anche perché effetti del genere possono essere facilmente aggiunti ad una fotografia in fase di post produzione.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----

I filtri digradanti, oltre ad essere impiegati per gli scopi di cui sopra, assolvono anche ad una seconda funzione, un po’ più professionale: sono in grado di compensare lo scarto di esposizione che esiste tra due zone differenti di una fotografia. Immaginate di fotografare una scena  dove metà inquadratura è coperta da neve e l’altra metà da verde, da montagne o dal cielo. La forte escursione tonale tra la parte alta e bassa della foto rischia di bruciare la neve o sottoesporre il cielo. Introducendo un filtro digradante si può compensare per esempio (scurire) la parte bassa della foto (quella con la neve) in modo da ridurre l’escursione tonale della fotografia ed evitare, quindi, di sovraesporre o sottoesporre parti dell’immagine. Ovviamente, per questo tipo di correzione, è il filtro grigio-neutro quello da impiegare.

Esempio di filtro digradante
Articolo precedenteIl nudo: Modelli e Modelle (parte 2)
Articolo successivoIl nudo: Dove fotografare
Fondatore di Fotografare in Digitale, ho sempre amato il mondo della fotografia e la possibilità di catturare un momento, un attimo, una sensazione tramite un semplice scatto. Nato come fotografo per caso quando misi le mani sulla mia prima Nikon D1, ho ampliato le mie conoscenze ed esperienze fotografiche, decidendo quindi di condividerle con chiunque fosse interessato alla fotografia. Sono un fotografo amatoriale di buon livello e continuo imperterrito a girare per le città con la fedele Nikon (ora una D800) appesa al collo.