Concorso Fotografico: Uno scatto per lo Sport

0
1525

Lo scorso 12 Aprile è partita l’ottava edizione del concorso fotografico Uno scatto per lo Sport, organizzato dal CUS Torino in associazione con Nital (Nikon per l’Italia) e patrocinato dallo stesso comune di Torino, dal Presidente della Repubblica nonché dal Ministero dell’Istruzione.

Il concorso si concluderà il prossimo 30 Giugno e partecipare è facilissimo: immortalate uno scatto che rappresenti “immagini di vita, di movimento e di sport che rappresentino al meglio lo spirito di unione e socialità tra le persone” e caricatelo su  www.nikonclub.it/unoscattoperlosport.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----

Il concorso fotografico è suddiviso in due sezioni: Open e Universitari. Possono partecipare amatori e professionisti, senza distinzione. I premi in palio per i vincitori sono particolarmente importanti:  premio “CUS Torino Adaptive” (sport diversamente abile), premio “Fondazione Sandretto Re Rebaudengo” (all’immagine ritenuta più significativa in ciascuna categoria), premio Associazione di Volontariato Sportivo Primo Nebiolo e una medaglia della Presidenza della Repubblica. Sarà inoltre assegnato al il premio Telethon – Walk of life allo scatto che meglio saprà rappresentare il messaggio: “Uno Scatto per la Vita”.

In aggiunta ai premi su elencati, per gli Universitari sarà messo in palio anche il premio “WEP – World Education Program” (all’immagine più significativa sul messaggio: “Sport nel mondo come parte integrante della cultura di una società”).

A parte i primi classificati, tanti i premi offerti da Nikon: fotocamere Nikon compatte (P510, S6300, S4300, L25), una reflex Nikon D7000, una mirrorless Nikon J1. Ed ancora abbonamenti digitali a La Stampa, rimborso tasse universitarie per l’anno in corso, due settimane di corso di lingua all’estero WEP, una settimana in barca a vela.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----

Le premiazioni del concorso fotografico avverranno in Luglio presso  l’auditorium della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.