SEO e fotografia: perché è fondamentale per il vostro business

1

I fotografi sono molto creativi per natura, quindi il SEO rientra comprensibilmente nell’area cupa della “roba tecnica”. Ma la nebbia comincia ad alzarsi. L’industria SEO è sicuramente maturata negli ultimi anni, e gli algoritmi di Google stanno diventando sempre più facili da capire. È vero che molti aspetti SEO (soprattutto nel caso di SEO e fotografia) richiedono una certa esperienza tecnica, ma lo schema delle cose SEO sta diventando più semplice. Anche quando si parla dell’accoppiata SEO e fotografia.

Secondo molte stime, ci sono oltre 200 segnali che influenzano le classifiche SEO (anche se questa è probabilmente un’esagerazione). Molti di essi rientrano nella categoria “on-site” (titoli di pagina, tag di intestazione, copia a pagina ecc.) – cose che si possono controllare.

La comunità SEO stima che il 60-80% di tutto il traffico di clic va ai primi tre risultati di ricerca. Non solo, ma se gli utenti non sono soddisfatti dei risultati, è più probabile che affinino la loro ricerca piuttosto che andare a pagina 2 (ancora una volta, la qualità batte la quantità). Infatti, il 75% degli utenti non visualizza mai la seconda pagina dei risultati di ricerca.

Quindi un buon posizionamento per le parole chiave rilevanti porta a un maggior numero di visitatori del vostro sito e, quindi, a un maggior numero di vendite o di clienti.

SEO e fotografia
SEO e fotografia: un connubio necessario per guadagnare visibilità e clienti. DiggityMarketing / Pixabay

Non solo, ma è uno degli investimenti più convenienti e a prova di futuro che si possano fare. Se non stai assumendo un’azienda SEO per fare il lavoro per te, e stai gestendo il SEO del tuo sito da solo, la tua unica spesa è il tempo (a differenza dell’investimento in pubblicità).

E tutti i tuoi concorrenti lo stanno facendo. Non puoi ignorare i cambiamenti del mercato online e sperare che la tua fotografia sia abbastanza buona da emergere. Un fotografo mediocre, con un sito ottimizzato e immagini con didascalie e parole chiave, può portarti via il tuo business. Quindi dovete continuare ad andare avanti (perché il SEO è un gioco a lungo termine) e migliorare la vostra posizione nel settore della fotografia.

Indice dei contenuti

SEO e fotografia: utilizzare URL canonici per evitare la duplicazione di siti web

La canonizzazione è molto importante per il SEO. E anche se può essere usata per operazioni SEO più avanzate, ecco la cosa più importante:

Il vostro sito web non dovrebbe apparire sia come www.mariorossi.com che come mariorossi.com (con e senza “www”) perché possono essere considerati siti identici da Google (e puniti per “contenuti duplicati”). Se questo è il caso del vostro sito web, la soluzione è piuttosto semplice:

  • Decidete come volete che il vostro sito si presenti (io preferisco con “www” davanti)
  • Reindirizzare l’uno verso l’altro
    • Se si utilizza WordPress, basta andare in Impostazioni > Generale e aggiornare di conseguenza entrambi i campi “Indirizzo WordPress (URL)” e “Indirizzo del sito (URL)”.
    • È inoltre possibile aggiungere l’apposito “301 redirect” da uno all’altro nel proprio pannello di amministrazione dell’hosting (istruzioni).
  • Impostatelo come dominio preferito nel vostro account Google Search Console

Rinnovare il tuo dominio per un periodo di tempo più lungo

Da un punto di vista SEO (SEO e fotografia non sono un’eccezione), è sempre meglio registrare (o estendere) il nome a dominio per molti anni in anticipo. È come un impegno.

Se Google si accorge che il tuo dominio è registrato per altri anni a venire, lo considera un segno di credibilità. E questo può darvi una piccola spinta SEO rispetto ai siti web più giovani. Perché? Perché Google cerca sempre di combattere i siti web di spam (che di solito non durano più di un anno).

Controlla due volte il file robots.txt del tuo sito

Il file robots.txt si trova nella root di un sito (www.johndoe.com/robots.txt) ed è uno strumento che permette di limitare il motore di ricerca dal crawling di pagine specifiche o parti del sito (oltre a indicare la posizione della mappa del sito).

Molto spesso, viene utilizzato per bloccare tutti i crawling dei motori di ricerca mentre il sito è in fase di sviluppo prima di essere lanciato:

User-agent: *
Disallow: /

Quando il sito è pronto per essere lanciato, il file dovrebbe invece (come minimo) dire:

User-agent: *
Disallow:
Sitemap: PATH/sitemap.xml

Va benissimo non avere un file robots.txt (e quindi permettere a tutti i bot di indicizzare il vostro sito), ma potrebbero esserci scenari in cui ne avrete bisogno per mettere a punto alcuni dettagli.

Il tuo account Google Search Console ha una funzione “robots.txt Tester” (nella sezione Copertura dell’indice) che ti permette di verificare che Google possa accedere alle pagine del tuo sito.

SEO e fotografia: realizza il tuo blog sul tuo spazio web

Un blog può ovviamente essere un potente strumento di SEO e di marketing, e aiutarvi a stabilire il vostro marchio fotografico e ad attrarre un maggior numero di clienti.

Ma invece di utilizzare piattaforme di blogging gratuite come wordpress.com o altre, si può ottenere un grande vantaggio SEO se il blog è sul proprio dominio. Questo non va confuso con il software auto-ospitato di wordpress.org che si installa sul proprio dominio ed è ottimo per il SEO.

Molti fotografi hanno un sito di portfolio principale, ma un blog esterno. Quindi qualsiasi link che si ottiene per i post del proprio blog non aiuterà l’autorità del proprio dominio principale. Quindi, a parte le importanti implicazioni di design (potrebbe confondere i visitatori che lasciano il sito principale), si sta perdendo un prezioso valore SEO.

Google ama i segnali di una buona user experience, quindi usa il tuo blog per fornire un contesto ai tuoi lettori: il modo in cui hai scattato quei paesaggi, la storia dietro quelle gallerie, le recenti impressioni di eventi/viaggi, i nuovi esperimenti fotografici, ecc.

Dove collocare il blog è tutta un’altra storia: Per semplicità e per il massimo beneficio SEO (e a meno che non abbiate ragioni o vincoli più specifici), inseritelo in una sottocartella (mariorossi.com/blog/)

SEO e fotografia
742680 / Pixabay

SEO e fotografia: mostra i permalink carini

Avete mai visitato un sito WordPress e visto questo tipo di URL?

http://www.mariorossi.com/index.php?cat=183&mode=ugly&var=264a2qw7zaa

Se il vostro sito fa questo, non prendetela sul personale, ma sappiate che avete dei brutti permalink!

Se usi WordPress, sei a pochi click dal trasformarli in qualcosa di bello:

http://www.mariorossi.com/galleria/immagine-figa/

Basta andare in Impostazioni > Permalinks e impostarlo su “Day and Name” o “Post Name”.

Lasciando da parte Google per un attimo, i permalink graziosi sono ottimi anche per gli utenti che amano condividere i vostri contenuti (o copiano e incollano l’URL dalla barra degli indirizzi del browser in una pagina o in un’e-mail da qualche parte, oppure lo condividono sul loro profilo sui social media): un link carino è più invitante, otterrete semplicemente più visite. Torniamo a Google: una buona esperienza utente viene notata e aiuta il tuo sito a posizionarsi più in alto nei risultati di ricerca. Ricordatevi che soprattutto nel caso di SEO e fotografia, dove l’aspetto estetico tende a predominare, quest’aspetto è molto importante anche se spesso dimenticato.

Impostare la console di ricerca Google: SEO e fotografia

Sarebbe un po’ azzardato supporre che la verifica del vostro sito nella Google Search Console (precedentemente chiamata Google Webmaster Tools) influenzerebbe direttamente l’indicizzazione del vostro sito o le classifiche di ricerca. Quindi non andiamoci. Ma lo strumento fornisce alcune fantastiche intuizioni sul SEO del vostro sito e sulla “salute” generale, che è impossibile ignorare.

Al suo interno, Search Console permette di monitorare e gestire la presenza del vostro sito nei risultati di ricerca di Google. Sulla base della rispettiva pagina di aiuto di Google (e per mia esperienza), Search Console può aiutarvi in molti modi: è davvero uno strumento inestimabile.

Unire più siti web in un unico sito web (dove appropriato)

Molti fotografi amano diffondere la loro presenza online in più siti, per poi farli collegare tutti a un unico sito web principale. Sperano che questo aiuti il loro SEO, e possiamo capire il perché: avere più link è meglio (sia in termini di numero che di diversità).

Ma, in questo caso, in realtà sta facendo più male che bene, sta perdendo molto del valore SEO ricevuto dai siti esterni.

Prendiamo un esempio fittizio: Mario Rossi ha il suo principale sito web di fotografia all’indirizzo www.mariorossifotografia.com (che funge da portfolio principale). Ma poi, per semplicità, ha costruito il suo blog su un dominio separato (come mariorossiblog.com) e ha anche un sito web separato specificamente dedicato alla vendita di stampe (mariorossistampe.com).

Ha vari backlink che puntano al suo blog e ai siti di stampa, quindi questo ovviamente aiuterà a sua volta il SEO del suo sito principale, giusto? Non è corretto, è vero il contrario. In pratica sta perdendo “potenza” SEO. Se solo una parte di questi backlink puntasse direttamente al suo sito principale, il suo SEO sarebbe in forma molto migliore.

Questi altri domini stanno creando una (parziale) barriera tra il marchio/segnali sociali (“link equity”) e il vostro sito web principale. Raccogliendo tutti i segnali di ranking su un dominio principale, avete costruito il miglior scenario SEO possibile. Perché? A causa del concetto sempre importante di “autorità del dominio“.

Quando un dominio diventa più popolare, passa la sua importanza a tutte le sue diverse pagine (interne), così, a loro volta, si classificano più in alto nei risultati di ricerca. Ma l’importanza del dominio non viene passata ad altri siti web, quindi questo è fondamentalmente vero per il blog e stampa i domini nell’esempio di John Doe di cui sopra. La loro specifica autorità di dominio viene in qualche modo persa quando si collega al dominio principale.

E non dimentichiamoci della semplicità: vi rimane un solo sito web, potete concentrarvi solo su di esso. L’intero processo di marketing online diventa molto più semplice. Il branding (e naturalmente anche il SEO e fotografia) sarà più semplice da realizzare.

Non prendetela alla leggera, ci sono delle eccezioni. Decidere se è necessario avere uno o più siti web per il proprio tipo di lavoro è fondamentale, e dovrebbe venire prima di ogni altra considerazione di design o SEO.

SEO e fotografia: pianificazione e ricerca per parole chiave

Sarò onesto: questo è un argomento difficile da trattare, e mi aspettavo un lungo periodo di scrittura e di perfezionamento. Ecco le azioni rilevanti che dovete conoscere:

  • Generare una lista di parole chiave rilevanti (generale, specifico, colloquiale)
  • Controlla ogni parola chiave in ahrefs o nel Keyword Tool di Google e trova idee di parole chiave in base ai volumi di ricerca
  • Per saperne di più su queste parole chiave rilevanti, cercatele online
  • Studiate la vostra “competizione” per determinare se potete effettivamente attrarre più backlink su quelle specifiche parole chiave
  • Pianificate di includere le parole chiave “vincenti” nei vostri futuri sforzi SEO

Ottenere un buon nome di dominio

Conoscete le idee di base: il dominio dovrebbe essere breve, memorabile e, se possibile, includere il vostro marchio e/o parole chiave rilevanti per il vostro business.

I fotografi di solito scelgono il loro nome completo (johndoe.com) e talvolta aggiungono “fotografia” alla fine (johndoephotography.com). Altri suffissi (come “fotografo” o “foto”) sono meno popolari.

Troppe persone includono parole chiave sillabate nel loro dominio (il-miglior-sito-fotografico-del-mondo.com), ma non è l’ideale. Il piccolissimo vantaggio SEO che si ottiene utilizzando parole chiave nel nome del dominio non è nulla in confronto al valore zero di branding che si ha: è difficile da ricordare, manca di credibilità.

Aggiungi un po’ di testo alla tua homepage

Sei un bravo fotografo, e vuoi trasmetterlo visualizzando le tue immagini. E non solo in ogni caso, ma magari con uno slideshow a tutto schermo impressionante sulla Homepage, perché questo crea il massimo impatto visivo.

Questo è in parte vero, ma ti stai anche riprendendo in piedi per quanto riguarda il SEO in fotografia. Questo perché “lasciare che le tue foto parlino da sole” potrebbe funzionare con gli esseri umani, ma non con Google.

I titoli SEO, le metadescrizioni e i tag ALT delle immagini aiutano, sì, ma dovreste anche considerare di aggiungere almeno un piccolo paragrafo di testo. Se non per Google, allora solo per i visitatori alle prime armi che vogliono sapere rapidamente di cosa tratta il sito.

E se siete ancora appassionati della vostra Homepage, ecco un paio di strategie:

  • grande slideshow/immagini in alto, testo in basso (“sotto la piega”).
  • assicuratevi che le altre pagine del vostro sito principale compensino, in termini di testo.
  • SEO e fotografia
    kaboompics / Pixabay

SEO e fotografia: Incoraggiare l’attività degli utenti con i pulsanti di condivisione sociale

Mentre l’uso di Like/Tweet/+1 buttons non è tradizionalmente noto per i suoi vantaggi SEO, è chiaro in questi giorni che Google utilizza anche i segnali dei social media per classificare i siti web. Consideratelo “social proofing”: c’è un forte grado di correlazione tra l’attività sociale e i migliori risultati di ricerca.

Tuttavia, dobbiamo fare una distinzione. Esistono due tipi di pulsanti dei social media:

  • i link ai profili dei social media (di solito sotto forma di piccole icone dei social media, che collegano ai rispettivi profili)
  • pulsanti di condivisione sociale (Like Facebook, Facebook Share, Twitter Follow & Tweet, Google +1, Google+ Share, Pinterest “Pin It” ecc.)

I link dei profili sono ottimi, sensibilizzano i vostri canali di social media, dovreste includerli almeno nella vostra pagina Homepage e Nel “chi siamo”.

Ma i pulsanti di condivisione sono ciò a cui ci riferiamo qui, e ciò che dovreste considerare di includere in ogni pagina del vostro sito web (in particolare la Homepage, tutte le pagine di galleria e di immagini, tutti i post del blog).

Ridurre i collegamenti in tutto il sito

Questo va di pari passo con le mie note a piè di pagina qui sopra. I link a livello di sito sono comunemente presenti nei piè di pagina o nelle barre laterali del blog (utilizzando i widget “Blogroll”).

Google sta ovviamente adottando un approccio razionale: più link (duplicati) perdono molto del loro valore SEO. Quindi non ha senso collegarsi a siti amici o di settore nella sidebar del proprio blog, questi link vengono pesantemente ignorati. Stai semplicemente “incoraggiando” le persone a lasciare il tuo sito invece di farle rimanere più a lungo sul tuo sito.

Guardiamo la cosa da un altro punto di vista: in un singolo post del blog, questi link della barra laterale si riferiscono all’argomento in questione? Molto probabilmente non lo sono, quindi potrebbe avere più senso inserirli una sola volta nella homepage o rimuoverli del tutto.

SEO e fotografia: non usare elementi <iframe>

Mentre i tag HTML iframe hanno i loro usi, è meglio evitare di utilizzarli. Google può tecnicamente eseguire il crawl dei link negli iframe, ma non senza seri problemi. Quindi, a meno che non abbiate un solido background di web-design e/o non abbiate bisogno di estrarre contenuti dal vostro dominio per mostrarli su altre pagine, considerate la possibilità di assumere un web-designer per ricostruire il vostro sito in modo corretto.

SEO e fotografia: non usare pubblicità invadenti, popup fastidiosi o pagine splash/intro inutili

La maggior parte delle persone odia le intro di qualsiasi tipo: animazioni in flash, slideshow ecc., tutto ciò che impedisce di raggiungere la navigazione principale e i contenuti della homepage.

Particolarmente fastidiose sono le intro che non possono essere saltate (facilmente o per niente). La maggior parte delle volte quando mi succede questo, chiudo subito il sito, sento che il proprietario del sito non rispetta davvero il mio tempo, cercando di costringermi a vedere qualcosa.

Le pagine splash possono teoricamente servire a molti scopi (selezionare sezioni del sito/lingua, fare annunci, visualizzare annunci, ecc.), ma nessuno di essi giustifica il blocco dell’accesso al contenuto iniziale.

Sebbene sia comprensibile il motivo per cui Google penalizzerebbe i siti con troppi annunci, la più importante implicazione SEO deriva dall’esperienza dell’utente. Tutte queste cose possono essere visualizzate in modo meno intrusivo tra i blocchi di contenuto (una barra laterale, una barra in alto, una slide-in popover se necessario, bandiere di lingua, simbolo audio con il suono disattivato di default).

Se volete aggiungere un’intro per un annuncio importante, almeno assicuratevi che il menu principale sia visibile, e/o che ci sia un modo chiaro per saltare o chiudere l’intro.

Google raccoglie tutti i piccoli segnali di impegno del sito (tempo sul sito, frequenza di rimbalzo, pagine per visita, ecc.) e “valuta” il vostro sito di conseguenza.

Utilizzare un buon plugin SEO

Se non stai usando WordPress sul tuo sito, salta questo pezzo.

Uno dei plugin più acclamati è “Yoast SEO“, quindi vi consiglio vivamente di provarlo. È quello che sto usando su questo sito.

Per cominciare, ti permette di definire il tuo titolo e le metadescrizioni per tutte le pagine e i post del tuo sito WordPress. Ma ci sono molte altre cose che il plugin fa dietro le quinte, tra cui la generazione e l’invio di una mappa del sito per voi (di cui sopra).

Ottimizza i titoli delle tue pagine

In breve, i tag <title> definiscono la pagina e sono utilizzati dai motori di ricerca nelle anteprime dei risultati di ricerca. Vengono anche visualizzati dai browser (di solito come titolo della scheda) e utilizzati dai social media per la condivisione di frammenti.

Questo non va confuso con un vero e proprio titolo che si aggiunge come testo su una pagina (che può essere diverso dal tag title e ha una propria importanza SEO). Il titolo SEO è definito nel codice sorgente in questo modo:

<head>
<titolo> Descrizione della pagina precisa e concisa | Nome del marchio</title>
</head>

Le migliori pratiche per ottimizzare i tag dei titoli del tuo sito:

  • Dedicate un po’ di tempo a scrivere titoli unici per tutte le pagine del vostro sito principale. Non c’è bisogno di forzare le parole chiave, basta cercare di descrivere accuratamente la rispettiva pagina.
  • Se usate parole chiave nel titolo, inserirle all’inizio dà loro più potere. Inoltre, è importante che le persone che scansionano i risultati della ricerca notino prima le parole iniziali.
  • Il testo del branding (“Mario Rossi fotografo “) di solito va per ultimo, preceduto da un carattere pipe (“|”) o da un trattino per separarlo dal resto del titolo.
  • Astenetevi dall’usare titoli ripetitivi, Google lo apprezzerà.
  • Per quanto riguarda la lunghezza, limitatevi a circa 50-55 caratteri. Qualsiasi cosa di più viene di solito troncata nei risultati di ricerca.
  • Quando possibile, l’aggiunta di “marcatori” può aiutarvi a classificare meglio: 2015, recensione, migliore ecc.

Ottimizza le metadescrizioni della tua pagina

Simile al tag <title>, la meta descrizione può essere definita nel codice sorgente in questo modo:

<head>
<meta name=”descrizione” content=”Breve paragrafo che descrive il contenuto della pagina. Idealmente è unico e non più lungo di 300-320 caratteri.”/>
</head>

È molto importante per come i motori di ricerca “capiscono” la pagina e per ottenere clic dalle pagine dei risultati di ricerca.

L’errore comune è quello di cercare di riempire la metadescrizione con parole chiave, sperando che sia d’aiuto per il SEO (specie nel caso di accoppiata SEO e fotografia). Google non lo sta usando come fattore di ranking, quindi questa è una falsa aspettativa. Invece, la cosa migliore che si può fare è concentrarsi molto poco sulle parole chiave e invece costringere semplicemente il lettore a cliccare per saperne di più. Il piccolo vantaggio del SEO (l’inclusione delle parole chiave) è attenuato dal fatto di non suscitare l’interesse dell’utente e dal fatto di non ottenere il suo clic.

SEO e fotografia
PhotoMIX-Company / Pixabay

Esploriamo le migliori pratiche per le metadescrizioni:

  • Scrivere per gli esseri umani, non per i motori di ricerca. Convincerli che la pagina vale un click e farlo onestamente.
  • Mantenetela più corta di 158 caratteri (spazi inclusi). Se la fai più lunga, verrà troncata nei risultati della ricerca. Su mobile, Google visualizza un massimo di 120 caratteri.
  • Ancora una volta, non ripetere la metadescrizione, non usare il testo in boilerplate, non finire con la copia del marchio anche qui (“Descrizione… | John Doe Photography”).
  • Non usare caratteri non alfanumerici (soprattutto le virgolette) per evitare che le metadescrizioni siano tagliate. (Le citazioni singole vanno bene)

Ci sono momenti in cui Google non visualizza la tua metadescrizione nei risultati della ricerca e decide invece di utilizzare piccoli frammenti del contenuto della tua pagina. Questo ha due possibili cause:

  • Le vostre metadescrizioni devono essere migliorate; non sono state considerate abbastanza buone da Google, soprattutto quando non descrivono in modo accurato il contenuto della pagina.
  • La query di ricerca corrisponde meglio ad alcune altre parti del vostro contenuto. Google lo sa meglio.

Toccando quest’ultimo punto, alcuni decidono di non definire alcuna metadescrizione, lasciando fondamentalmente a Google la scelta di qualsiasi frammento più rilevante per la query di ricerca. Questa è una strategia valida. Quindi la mia raccomandazione è questa: se riuscite a scrivere delle metadescrizioni convincenti e oneste, fatelo, e otterrete i migliori risultati. Altrimenti, lasciate che Google lo estragga dal contenuto della pagina come necessario.

Costruisci una pagina  di Informazioni: SEO e fotografia

Mentre la pagina “About” è un ottimo posto per includere contenuti di valore per i motori di ricerca, è ancora più importante per costruire la fiducia con il vostro pubblico (che a sua volta diventa un segnale SEO).

Anche se questa pagina raramente compare nei risultati di ricerca da sola, è probabilmente la seconda pagina più visitata di un sito web, con un grande valore SEO, soprattutto se la homepage del vostro sito di fotografia è più ricca di immagini (come una presentazione a tutto schermo).

Aggiungi parole chiave di nicchia nella copia del tuo sito web

Mettiamo le cose in prospettiva: Se state inserendo la frase “Milano fotografia” in tutto il vostro sito, sperando che questo vi dia una posizione più alta per questa ricerca locale, i vostri sforzi potrebbero essere vani. È una frase altamente competitiva, e si corre il rischio di esagerare e di essere penalizzati da Google.

Se, invece, scrivi il tuo sito web in modo più responsabile e le tue decine, centinaia o migliaia di immagini contengono frasi “a coda lunga” nei loro metadati, hai molte più probabilità di costruire un business fotografico sostenibile. (“stampa fotografia Milano”, “comune di Milano – stampa fotografia “, “Bambini che giocano a calcio nelle strade di Milano – Fotografia” ecc.)

L’aggiunta di tali parole chiave di nicchia è la soluzione alla strategia SEO a coda lunga. Concentrandosi solo sulle frasi più importanti, si perde fino all’80% del traffico di ricerca.

Alcune idee per iniziare:

  • ottenere informazioni molto specifiche sul contenuto dell’immagine (tipo, data, luogo, località, soggetto, stile, colore)
  • utilizzare sinonimi per evitare la duplicazione di frasi
  • utilizzare strumenti come http://keywordtool.io/ o il Keyword Planner di Google per l’ispirazione

Provare questo cambiamento nella strategia SEO (da frasi popolari a frasi di nicchia multiple) dovrebbe portare ad una maggiore varietà e ad una maggiore visibilità sui motori di ricerca.

Aggiungere parole chiave nei nomi di file di immagini

Potreste visualizzare i campi IPTC per i vostri visitatori. Ma che dire dei nomi dei file? I motori di ricerca non possono capire il contenuto di un’immagine (ancora), tutto ciò che possono capire è che la vostra immagine contiene un… DSC0001. Oppure scoprono che nella tua foto c’è una persona chiamata… IMG0004. Nessuno lo cercherà su Google.

È vero che i tag ALT dell’immagine, insieme alle informazioni IPTC, sono responsabili della corretta descrizione di un’immagine. Ma i nomi dei file forniscono semplicemente informazioni aggiuntive sulle vostre immagini ai motori di ricerca.

E se le vostre immagini compaiono nei risultati di ricerca di Google, i nomi dei file sono talvolta utilizzati come frammenti di descrizione, e quindi sono utili anche per gli utenti.

Quindi, proprio come con i tag ALT, ha senso aggiungere parole chiave descrittive nel nome del file, invece di lasciare quelle assegnate alla macchina fotografica di default (DSC0001.JPG).

Le migliori pratiche per il nome del file:

  • cercare di non superare le 3-4 parole
  • separare le parole usando i trattini (anche gli spazi vanno bene, ma non le sottolineature)
  • saltare le parole di stop (lui, lei, la, ecc.)

Un effetto collaterale dell’avere nomi di file ricchi di parole chiave è che le immagini diventano più facilmente visibili nei risultati di ricerca di Google Image.

Le linee guida per la pubblicazione di immagini di Google rafforzano l’importanza dei nomi di file di immagini: “Il nome del file può dare a Google indizi sull’argomento dell’immagine. Cercate di fare del nome del file una buona descrizione dell’oggetto dell’immagine. Ad esempio, il mio nuovo-nuovo-black-kitten.jpg è molto più informativo di IMG00023.JPG. Anche i nomi di file descrittivi possono essere utili agli utenti: Se non riusciamo a trovare il testo adatto nella pagina in cui abbiamo trovato l’immagine, useremo il nome del file come frammento dell’immagine nei risultati della ricerca”.

Evitate di usare flash

Adobe Flash era una tecnologia molto interessante; permetteva di creare alcuni design attraenti (animazioni, dissolvenza incrociata, slideshow a tutto schermo, ecc.) Ma HTML5 e CSS3 sono così avanzati ultimamente che non c’è più motivo di non usarli per creare siti web fotografici sorprendenti. E la mancanza di supporto di Apple per Flash sui dispositivi iOS ha segnato il destino di Flash.

Non è più possibile guardare onestamente i temi WordPress online di qualità e trovare ancora un motivo convincente per usare Flash al loro posto. Sì, lo so, è di nuovo quella storia di Flash, probabilmente l’avrete già letto in altri articoli online. Ma vale la pena rivisitare l’argomento da una prospettiva SEO.

Utilizzare tag di intestazione HTML (ma solo un tag H1 per pagina)

L’ideale sarebbe avvolgere i titoli delle pagine nei tag H1 (e i sottotitoli in tutta la pagina nei tag H2/H3):

<h1>Questo è il titolo della pagina</h1>.

WordPress lo fa automaticamente (a seconda del tema), ma è utile per ricontrollare (leggendo la documentazione del tema o semplicemente cliccando con il tasto destro del mouse sul titolo e scegliendo “Ispeziona elemento”). I tag di intestazione di solito hanno anche dimensioni proporzionali dei caratteri.

Ma questo non significa che si debba usare un tag H1 ovunque sia necessario un testo più grande, il che avrebbe un effetto negativo sul SEO. Lo styling del testo viene fatto con i CSS. E non usate mai più di un tag H1 per pagina, sarebbe un’eccessiva ottimizzazione. Va benissimo usare diversi tag H2 e H3 per suddividere il contenuto in sezioni separate.

migliorare la posizione del sito su Google | SEO e fotografia
FirmBee / Pixabay

Scansione e correzione di collegamenti rotti

I link interrotti inviano gli utenti a pagine web inesistenti, quindi sono ovviamente importanti da non avere. Possono essere un male per l’usabilità, la reputazione e il SEO del vostro sito. Se trovate dei link rotti in futuro, prendetevi il tempo necessario per sostituirli o rimuoverli.

Per i link in entrata (“backlink”), potete usare il combo di Google: Cerca Console (copertura dell’indice) e Analytics (per individuare le visite che atterrano su una pagina di errore 404), e poi puoi correggerle chiedendo ai proprietari del sito di aggiornare i link o aggiungendo un reindirizzamento.

Aggiungi info data ai post del blog (Ultimo aggiornamento, Ultima modifica, Pubblicato il…)

La data viene rilevata automaticamente da Google a partire dalla data del post nella byline.

Google ama i contenuti freschi. Quindi pubblicare le date (pubblicare la data o, meglio ancora, la data dell’ultima modifica) nei post del blog è un ottimo modo per rendere più allettanti i risultati della ricerca.

Google riceve automaticamente le date dei post anche dalla mappa del sito XML che invii, ma aggiungere le date come testo nei tuoi temi aiuta anche.

Evitare di imbottire il sito con parole chiave o le pratiche SEO “black-hat”.

Non forzate le parole chiave nel vostro contenuto. Ripetere certe frasi in tutti i titoli delle tue pagine o nei nomi delle gallerie non è gradito. Dovresti invece creare il tuo testo in modo che si legga sempre in modo naturale.

Non usate testi invisibili. I motori di ricerca stanno diventando davvero intelligenti, sono in grado di rilevare se il colore del testo è uguale a quello dello sfondo, in modo da nascondere agli utenti i testi pesanti di parole chiave.

Non comprate i link. L’acquisto di link verso il vostro sito da aziende agricole di link è già sfuggito di mano qualche anno fa, ora può far sì che il vostro sito venga bandito dai motori di ricerca. Lasciate che i vostri link in arrivo crescano in modo organico!

Impostare Google Analytics (e abilitare i rapporti SEO e la ricerca interna del sito)

Non puoi fare sul serio con il SEO e non usare un buon strumento di analisi. A meno che non abbiate bisogno di report molto avanzati (heat-maps, scroll-maps, mouse tracking ecc.), Google Analytics è abbastanza potente e dettagliato per tenervi coperti.

L’impostazione dovrebbe essere abbastanza semplice, basta seguire questa lista di controllo: Google Analytics Training – Ottieni il massimo dai tuoi report.

Ci sono un sacco di informazioni sull’uso di Google Analytics, quindi non vi annoierò. Alcune cose importanti, però:

  • Google Analytics ha una buona integrazione con la Search Console (naturalmente), e dovreste assolutamente configurarla e poi imparare a usare quei report SEO.
  • L’integrazione si trova nell’area Admin, sotto “Impostazioni proprietà”. I report si trovano nel menu “Acquisizione”.
  • Non dimenticate di configurare anche il tracciamento della ricerca interna del sito (per vedere cosa cerca la gente sul vostro sito). Se avete più domini, assicuratevi di tracciare correttamente le cose: Come tracciare rapidamente (e correttamente) il tracciamento di Google Analytics attraverso più domini (Moz Blog)

SEO e fotografia: Semplificate il piè di pagina del vostro sito

Il piè di pagina dovrebbe essere solo un bel finale per una pagina, un piccolo per favore con informazioni di contatto e forse qualche elemento di navigazione per aiutare gli utenti a navigare in una nuova pagina. Invece, è spesso troppo ottimizzato e diventa una discarica per un sacco di contenuti che non si adattano ad altre parti del sito.

Ecco alcuni errori comuni che vengono commessi:

  • link a (troppe) gallerie
  • frammenti di “About” con parole chiave
  • una mappa del sito completa
  • molti elementi grafici (widget Flickr/Instagram, loghi dei clienti)
  • parole chiave separate da virgole

Invece, il piè di pagina è un buon posto per:

  • Link ad alcune delle pagine principali
  • Informazioni di contatto (almeno un’e-mail cliccabile)
  • Indirizzo/luogo
  • Informazioni sul copyright

Caricare una mappa del sito:SEO e fotografia

Affinché il vostro sito web appaia nei risultati della ricerca, Google deve conoscere tutte le pagine del vostro sito e indicizzarle. Questo può accadere organicamente nel tempo, ma una mappa del sito è un modo più veloce per “aiutare” Google.

Tecnicamente, le sitemap XML sono elenchi ben formattati delle pagine del vostro sito, per aiutare i motori di ricerca a “conoscere” la struttura del vostro sito e la frequenza di aggiornamento. Questo di solito accelera il processo di indicizzazione.

Una piattaforma web rispettabile genera automaticamente un file di sitemap XML per i motori di ricerca. Ma a seconda di come è costruito il vostro sito web, potreste non avere una sitemap, rendendo più difficile l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca.

Quindi, in ogni caso, verificate con il vostro sviluppatore che il vostro sito stia generando un file di mappa del sito e che venga poi inviato correttamente a Google Search Console. In alternativa, potete crearle voi stessi utilizzando strumenti come https://www.xml-sitemaps.com/ o http://www.web-site-map.com/.

Se si utilizza WordPress, questa funzione dovrebbe essere automaticamente inclusa nel plugin “Yoast SEO“. Basta abilitarla andando su “SEO > XML Sitemaps”, e genererà automaticamente una sitemap per tutti i tuoi post, pagine, categorie ecc. e poi la invierà a Google & Bing per accelerare il loro processo di indicizzazione. Inoltre, le immagini dei vostri post vengono inserite nella mappa del sito, permettendo loro di ottenere un posizionamento più alto nella ricerca di immagini di Google.

Smettere di usare i meta tag di parole chiave

I motori di ricerca hanno ignorato i meta tag delle parole chiave per anni, quindi utilizzarli in modo aggressivo al giorno d’oggi non può che danneggiare il vostro sito o addirittura essere segnalato come spam. Basta rimuoverli dal tuo sito.

Linkate i vostri profili dei social media al vostro sito

Non c’è bisogno che vi dica che i social media sono fondamentali di questi tempi per gestire un’attività di successo. E soprattutto un business della fotografia (dato che la fotografia è un mezzo così potente).

Ma non dovreste mai perdere di vista il quadro generale: il vostro sito web è il cuore del vostro business.

I profili dei social media sono solo dei centri di marketing, che vi permettono di diffondere il messaggio, di promuovere il vostro lavoro e di riportare le persone sul vostro sito. Con questo in mente, assicuratevi che tutti i vostri social media hub si colleghino al vostro sito web. E già che ci sei, imposta anche una firma email efficace.

Disattivare (o impedire l’indicizzazione di) alcuni archivi WordPress non necessari

WordPress è fornito con un sacco di tassonomie: giornaliero/mensile/annuale, categoria, tag, archivio degli autori. Se tutti questi esistono e sono indicizzati da Google, potrebbero essere visti come contenuti duplicati (e quindi danneggiare il vostro SEO).

Ecco alcune impostazioni consigliate per il plugin SEO di Yoast:

  • Titles & Metas > Other tab
  • Sitewide meta settings > Subpages of archives > noindex
  • Sitewide meta settings > Use meta keywords tag > Disabled
  • Titles & Metas > Post Types tab
  • Media > Meta Robots: index
  • Titles & Metas > Taxonomies tab
  • Tags > Meta Robots > noindex
  • Format > Meta Robots> noindex
  • Titles & Metas > Archives tab
  • Author archives > Disabled
  • Date archives > Disabled

Evitate di usare testi troppo difficili o spammy, usate invece il linguaggio naturale

Prima di tutto, non bloggate solo a scopo di SEO.

Anche se state lavorando sodo per ottimizzare i vostri post per gli occhi di Google, assicuratevi di scrivere anche contenuti di qualità per gli esseri umani (grande narrazione, consigli personali, opinioni oneste). Riempire i post del tuo blog con parole chiave può fargli “puzzare” di spamming, rischi di alienare il tuo pubblico.

Ma si tratta anche di aumentare la leggibilità del testo (per attirare un pubblico più vasto):

  • suddividere il testo in paragrafi più brevi
  • aggiungete eventualmente delle sottovoci
  • aumentate le dimensioni dei caratteri e dell’altezza delle linee
  • utilizzate strumenti di controllo del livello di leggibilità gratuiti

SEO e fotografia: Ottimizza il tuo sito per la ricerca locale

La grande tendenza nel mondo SEO è verso la ricerca locale. Sia i risultati della ricerca mobile che quelli della ricerca desktop iniziano a mostrare risultati specifici per la posizione (anche quando non veniva richiesta una posizione come parola chiave), utilizzando l’indirizzo IP del dispositivo o la posizione pubblica della rete.

Quindi, se la vostra attività fotografica ha una componente locale, è necessario ottimizzare il vostro sito per adattarlo a quella specifica area.

Qui ci sono luoghi in cui è possibile includere informazioni sulla posizione (città, stato, nazione):

  • Tag del titolo SEO e/o meta descrizione
  • La prima voce della homepage
  • Nelle vostre pagine About e Contatti (!)
  • Nei titoli/descrizione della galleria
  • In immagine tag ALT e metadati IPTC

Con l’aumento della popolarità delle domande specifiche sulle località, a volte la vostra località può fare la differenza per i clienti che guardano confusi i risultati di ricerca di Google.

Aggiungi le informazioni sulla tua azienda a Google My Business (per una maggiore visibilità nella ricerca locale).

portare più business al tuo sito | SEO e fotografia

Innanzitutto, iniziamo con il perché andrebbe fatto: Quando si effettuano alcune ricerche specifiche a livello geografico (come “fotografo a Milano”), Google a volte mostra un’enorme componente di Google Maps al di sopra dei risultati standard, ovviamente è fantastico se si riesce a raggiungere quella lista, e tutto inizia con la creazione di un account gratuito di Google My Business.

Se avete già sentito parlare di “Google Places for Business” o “Google+ Pages”, sono tutti uguali, sono stati rinominati in “Google My Business“.

Suggerimento extra: se avete una mappa Google incorporata nella vostra pagina dei contatti, assicuratevi di puntarla direttamente sulla vostra posizione effettiva di Google My Business.

Utilizzate gli anchor text pertinenti quando vi collegate al vostro sito

Prima di immergerci nelle strategie di link building (il “pane e burro” del SEO), è importante notare prima di tutto l’importanza dei testi di ancoraggio. Ogni volta che si aggiunge un link da qualche parte, il linguaggio HTML permette di specificare quale testo viene effettivamente trasformato nel link. Questo ha alcuni grandi usi:

  • È possibile collegare il testo in linea ad altri siti web, senza scrivervi l’intero URL
  • Descrivete la destinazione del link a Google

C’è un’enorme differenza nell’usare questo:

Qui potete leggere gli articoli di web-design fotografico e Vai qui per leggere gli articoli di web-design fotografico. (dove in grassetto c’è il link)

È un esempio troppo semplificato, ma l’idea è chiara. Nel primo esempio, Google capisce che il sito web è circa… “qui” (anche se cerca di capire un po’ di più dell’intera frase, non solo l’anchor text). Nel secondo esempio, c’è molto più contesto nell’anchor text. Quindi, ogni volta che avete dei link che puntano al vostro sito, cercate di migliorare il loro anchor text, può migliorare notevolmente il vostroSEO a lungo termine.

Rendete il vostro sito web mobile-friendly (reattivo) e confermatelo con Google

Sono sicuro che siete a conoscenza delle attuali tendenze verso smartphone e tablet, sempre più persone navigano sul sito web quando sono in movimento (o quando sono fermi, sul loro divano, sul loro tablet, per comodità).

Il vostro sito web non dovrebbe costringere gli utenti mobili a dover pizzicare e zoomare, ed è qui che entrano in gioco i siti reattivi. Quando vengono visualizzati su un piccolo schermo, il layout e il contenuto delle pagine si adattano alle dimensioni dello schermo, ridimensionando e riposizionando gli elementi come necessario per creare una buona esperienza.

Questo è particolarmente importante per i siti web di fotografia, che dovrebbero ridimensionare automaticamente le immagini per adattarle alle dimensioni dello schermo del dispositivo dell’utente, mantenendole comunque interattive (es: strisciare per cambiare le immagini).

Per rendere le cose ancora più importanti, Google ha recentemente iniziato a mostrare un’etichetta “Mobile-friendly” per i risultati di ricerca reattivi sui dispositivi mobili. Questo è un ottimo segnale per gli utenti che avranno una buona esperienza di navigazione, e Google lo sta premiando.

Un sito reattivo fornisce un’ottima esperienza di navigazione per i vostri utenti, e Google è gratificante. Non ci sono semplici scorciatoie da prendere per rendere il vostro sito mobile-friendly, è qualcosa per cui dovreste considerare di investire in un web-designer, o almeno testare il vostro sito web con gli strumenti gratuiti qui sotto.

Una volta che avete reso il vostro sito web reattivo, e lo avete confermato come strumento gratuito di Google, assicuratevi che anche Google Search Console non elenchi più le pagine con errori.

Ottenere link di qualità verso il vostro sito

La quantità e la qualità dei link in entrata al vostro sito web (“backlink”) sono enormi fattori SEO. La costruzione di link è la parte più difficile (e più potente) del SEO.

I motori di ricerca come Google considerano i backlink come “voti di fiducia”, quindi vi classificano più in alto per le parole chiave che si adattano al progetto.

Ha senso iniziare con qualsiasi pagina di profili specifici per la fotografia che si possa controllare. Pensate a tutti i siti su cui avete dei profili:

  • associazioni
  • Iscrizioni
  • concorsi a cui hai partecipato
  • siti fornitori/partner
  • gruppi commerciali
  • forum
  • comunità
  • siti di eventi per i quali hai girato
  • messaggi degli ospiti che hai scritto
  • fondamentalmente, ovunque il vostro nome/brand compaia online

All’interno di ciascuna di queste pagine di profilo, è possibile inserire un link al proprio sito.

Oltre a questi link auto-creati, ed escludendo l’acquisto di link dall’equazione, si rimane con il naturale processo di acquisizione di link nel tempo. Non c’è nessuna scorciatoia, nessun suggerimento veloce che si possa impiegare. Si tratta solo di creare degno contenuto giorno dopo giorno, e la vostra capacità di aumentare la consapevolezza su di esso.

Il tracciamento dei link in entrata può essere effettuato in Google Search Console o utilizzando strumenti come MOZ Open Site Explorer.

Ottimizza il tuo sito per i primi visitatori

Solo una piccola percentuale dei visitatori del vostro sito web restituisce utenti, persone che sono già a conoscenza del vostro lavoro e hanno la pazienza di leggere attentamente i vostri contenuti.

La maggior parte del vostro traffico è molto probabilmente costituito da visitatori alle prime armi, con un breve periodo di attenzione. Non si si siedono per esplorare a fondo un sito web, ma lo scansionano rapidamente (in vari modelli prevedibili) per vedere se si adatta alle loro esigenze. Ecco perché sopraffarli con troppe opzioni può, di fatto, allontanarli.

Esploriamo alcune idee per ottimizzare il vostro sito per i nuovi visitatori:

  • Semplificare la navigazione
  • Semplificate la vostra homepage (in particolare l’area sopra la piega) e fornite “percorsi” chiari nelle aree del vostro sito
  • Evitate gli splash screen o la riproduzione automatica della musica (gli utenti li odiano!)
  • Fornire un facile accesso alle informazioni di contatto (altri suggerimenti qui)
  • Avere chiari pulsanti di chiamata ad azione (guidare sempre l’utente ad un contenuto successivo)
  • Includere un breve paragrafo di dichiarazione sulla homepage (una rapida descrizione di ciò che il sito è tutto, per evitare qualsiasi confusione)
  • Visualizzare contenuti freschi (“Recenti post del blog”, “Gallerie recenti”)

Ridurre le percentuali di rimbalzo

Quando un utente atterra sul vostro sito web, Google “nota” se rimbalza ai risultati della ricerca, oppure inizia a navigare sul vostro sito.

Google definisce un “rimbalzo” come un visitatore che guarda la prima pagina del vostro sito e non clicca su altre pagine (cioè esce dopo aver visto quella pagina e presumibilmente decide che il contenuto del vostro sito non corrisponde ai suoi interessi di ricerca). Il tuo tasso di rimbalzo per il traffico di ricerca dovrebbe scendere se i tuoi termini di ricerca stanno effettivamente guidando il traffico rilevante. Per quanto riguarda il targeting di una frequenza di rimbalzo ottimale, è ampiamente citato che una frequenza di rimbalzo media su tutti i siti web è del 40%, e dalla nostra esperienza con un sacco di siti web di fotografi, qualsiasi cosa sotto il 50% o giù di lì e si sta probabilmente facendo bene.

Ma la frequenza di rimbalzo può variare a seconda del tipo di fotografia e del tipo di traffico che si sta generando. Ad esempio, i siti di fotografia di celebrità/tappeti rossi tendono ad avere un traffico relativamente alto basato sul motore di ricerca, ma non sono necessariamente gli acquirenti qualificati a cercarlo. Un alto tasso di rimbalzo, in questo caso, non è indicativo di un cattivo contenuto – è solo un sintomo di avere un contenuto popolare con un vasto pubblico (di consumatori).

L’ottimizzazione delle percentuali di rimbalzo si riduce ovviamente ad avere un sito web dal design pulito e moderno, un sito che aumenta il coinvolgimento dell’utente (attraverso utili link interni, chiamate all’azione, copie ben scritte, ecc.)

Alcune delle principali cause di rimbalzo sono:

  • ancora una volta, pagine splash/intro e musica auto-playing
  • paragrafi molto lunghi
  • titoli scadenti
  • keyword-stuffing (ottenere visitatori non mirati attraverso ricerche di parole chiave irrilevanti)
  • collegamenti interrotti
  • siti web lenti
  • design scadente o non ottimizzato per la mobilità

Aumenta l’usabilità del tuo sito

I fotografi sono a volte eccessivamente preoccupati degli aspetti visivi del sito, a scapito della sua fruibilità. Le aree importanti del sito dovrebbero essere accessibili con il minor numero possibile di clic.

I visitatori dovrebbero trovare intuitivo navigare nel sito, quindi ecco alcune buone pratiche:

  • il menu dovrebbe essere posizionato in alto o a sinistra
  • qualunque sia la posizione, il menu dovrebbe essere in un luogo coerente in tutto il sito
  • un modo rapido per tornare alla homepage dovrebbe essere sempre presente (di solito attraverso una voce di menu “Home”, o cliccando sul logo)
  • il sito dovrebbe richiedere il minor numero possibile di passaggi per raggiungere la destinazione desiderata (pagina dei contatti, livello di immagine, pagina di acquisto, ecc.)
  • nessuna pagina splash/intro, nessun click inutile (quante volte ne ho già parlato?)
  • modi semplici per navigare attraverso le immagini (la navigazione da tastiera è un bonus), e per tornare alle pagine della galleria/collezione

E non dimenticate di raccogliere i feedback di altre persone che testano il vostro sito (direttamente o a livello globale utilizzando Google Analytics), può essere molto perspicace.

Occhio alle voci di menu: Considerate attentamente le parole effettive che usate nella vostra navigazione. Quando si naviga in un sito web, le persone riconoscono immediatamente i nomi familiari per i link di navigazione. Il vostro sito dovrebbe quindi evitare di usare nomi strani per le voci di menu, rallentano solo gli utenti nel prendere una decisione, danneggiano l’usabilità del sito. Uno degli errori più frequenti è quello di chiamare la vostra pagina di contatto qualcosa come “Come raggiungermi/noi”. Alcune persone si collegano a una pagina dei Servizi utilizzando “Cosa facciamo”. Provate sempre ad andare alla ricerca di semplici link di navigazione con una sola parola, e cercate gli esempi di siti web per vedere cosa stanno usando gli altri.

Occhio ai menu a tendina: cercate di mantenerli il meno possibile, di solito sono fastidiosi per i visitatori e rendono anche le persone skype le opzioni di menu di primo livello, riducendo le visite alle vostre pagine più importanti del sito.

Note sulle miniature delle immagini: in rari casi, le pagine della galleria fotografica permettono di cliccare solo sul testo sotto ogni miniatura (di solito il titolo dell’immagine o il nome del file). Assicuratevi che l’intera miniatura sia cliccabile sul vostro sito, non solo il testo. È un mezzo visivo, la gente si aspetta di poter cliccare direttamente sull’immagine, è un bersaglio più grande per il puntatore del mouse.

Migliorate la velocità/prestazioni del vostro sito

I visitatori abituali odiano i siti web lenti. Gli acquirenti di foto odiano i siti lenti. Anche Google lo fa. Qui c’è uno schema chiaro. La velocità del sito è un importante fattore di affidabilità negli algoritmi SEO.

La maggior parte delle volte, sei bloccato nella struttura della pagina fornita dal tuo CMS, e lo stesso vale per l’ottimizzazione del server web. Ma ci sono alcune cose che si possono fare per ridurre i tempi di caricamento del sito web.

Prima di tutto, non sottovalutate l’importanza di un solido provider di web hosting. Se il vostro server è lento, non importa come costruite il vostro sito, potreste aspettare diversi secondi prima di ricevere il primo byte. Finora ho avuto una buona esperienza con OVH se state cercando una soluzione economica.

Se usi WordPress, il caching può davvero migliorare la velocità di caricamento del tuo sito. Utilizzando un plugin come W3 Total Cache fa tutto il lavoro duro, il principio è semplice: crea copie dei tuoi contenuti dinamici come pagine HTML (tra le altre cose) e le serve ai browser invece di dover generare tutti i contenuti per ogni visitatore. Può anche aiutare a integrarsi con un CDN per una maggiore velocità, a meno che il vostro sito web (o fornitore di hosting) non lo faccia già.

Altri possibili elementi che influiscono sulla velocità di caricamento delle pagine:

  • qualità del codice sorgente (modelli/temi mal codificati)
  • elementi flash
  • audio/video
  • server lenti
  • pagina reindirizza
  • immagini non ottimizzate (vedi sotto)
  • troppi script
  • alcuni pulsanti dei social media

Investire in un tema di qualità e/o in uno sviluppatore web professionale per rendere il vostro sito web veloce pagherà i dividendi, a lungo termine. Una gran parte dei vostri visitatori lascerà il sito se ci vorrà troppo tempo per caricarlo, anche se ha contenuti di qualità.

Strumenti gratuiti per testare la velocità del sito:

Programmate di seguire regolarmente i vostri sforzi di SEO e di adattare le vostre strategie

Se fate sul serio con il vostro sito web, misurare i vostri progressi nel SEO su base regolare è un must (vi consiglio almeno una volta al mese). Il SEO non è un impegno una tantum.

Quello che mi piace fare è aggiungere ai preferiti tutte le pagine (compresi gli account dei social media, i siti di notizie e qualsiasi altra cosa che devo controllare regolarmente), raggrupparle tutte in una cartella (il vostro browser molto probabilmente permette di aggiungere cartelle ai preferiti) e poi aprirle tutte in una volta. Come un regolare controllo dello “stato di salute” del sito web.

Qui ci sono le metriche/rapporti rilevanti che potete tenere d’occhio:

  • Statistiche complessive all’interno di Google Analytics
    • Numero totale di visitatori (Dashboard)
    • Visitatori tramite ricerca (Acquisizione > Tutto il traffico > Canali)
    • Parole chiave usate per trovarvi (Acquisizione > Tutto il traffico > Canali e Acquisizione > Ottimizzazione dei motori di ricerca > Domande)
  • Rapporti rilevanti all’interno della Google Search Console
  • Ricerche su Google
    • “site:dominio.com” (numero di pagine indicizzate)
    • la stessa cosa in Google Images
  • MOZ Open Site Explorer (Link in entrata, Appena scoperti, ecc. Tutti!)
  • Majestic (backlink e molti altri rapporti)
  • Rapporti dai vostri strumenti SEO preferiti di cui sopra

SEO e fotografia: Ottimizza le tue foto

Oltre a dare un’occhiata generale alle prestazioni del tuo sito, controlla anche quanto sono grandi le tue immagini visualizzate sul sito, e carica solo immagini di quelle dimensioni.

Ho visto accadere questo molto spesso: i browser faticano a caricare immagini a piena risoluzione semplicemente per poi ridimensionarle e visualizzarle a 1000 pixel o meno. Assicurati che le tue immagini siano esportate/caricate ad una buona dimensione (come dettato dalla loro dimensione di visualizzazione sul sito), salvate come JPG (invece di PNG, TIFF, RAW), e un livello di compressione decente (60-70% di qualità, il più basso possibile senza iniziare a introdurre troppo rumore, è un compromesso).

Ci sono ovvie eccezioni per questo: se avete intenzione di offrire stampe e licenze per le immagini sul vostro sito, queste devono utilizzare le vostre immagini di alta qualità a grandezza naturale (con misure di sicurezza in vigore). Ma il vostro sito dovrebbe essere in grado di generare automaticamente immagini più piccole solo a scopo di visualizzazione, e fornire le immagini di alta qualità solo quando effettivamente necessario.

Comprimete le vostre immagini online con Imagify (o il loro plugin WP), o usate software come ImageOptim (Mac) / PNGGauntlet (Win) o altri.

Un altro motivo per cui si perde tempo a volte è avere troppe immagini in una presentazione scadente. È necessario assicurarsi che la presentazione carichi le immagini in modo dinamico mentre si naviga attraverso di essa. Alcuni siti web devono ancora aspettare di caricare tutte le immagini prima di iniziare la presentazione vera e propria, il che è ovviamente una cosa negativa.

Ottimizzare la grafica del sito web

Oltre alla vostra fotografia, il vostro modello di sito web utilizza sicuramente piccole grafiche/file per il design. Questi possono anche influire sulla velocità del sito.

Tre piccolissime icone dei social media possono richiedere più tempo per caricare più di una singola immagine di slideshow (perché non è solo una questione di dimensioni totali del file, il browser deve fare un mucchio di richieste di file da parte del server, e queste richiedono tempo prezioso).

Aggiungere sempre i tag ALT dell’immagine

Se non avete esperienza con l’HTML, ecco cosa dovete sapere: ogni volta che un’immagine appare sul vostro sito, utilizza il seguente formato di codice sorgente:

<img src=”dominio/percorso/nome.jpg” alt=”testo importante qui” />

Quel valore all’interno di quel tag ALT è il principale punto di interesse per Google quando cerca di “capire” un’immagine (gli altri sono il nome del file e il testo intorno all’immagine sulla pagina). I motori di ricerca non hanno ancora la pratica di cercare informazioni IPTC/EXIF, quindi potete capire perché il tag ALT è importante se vi interessa il SEO.

Anche i browser di solito visualizzano il tag ALT in un tooltip quando si passa sopra un’immagine. La lunghezza massima (raccomandata) del testo ALT è di 16 parole, anche se è difficile da testare. E non ci sono parole chiave separate da virgole qui, dovrebbe essere descrittivo/aiuto o non dovrebbe essere affatto.

La piattaforma del vostro sito web dovrebbe idealmente compilare automaticamente il tag ALT utilizzando uno dei principali campi IPTC, o almeno permettere di definirlo facilmente (come fa WordPress).

Per quanto riguarda i tag ALT, ecco un estratto informativo di Google:

  • Non così buono: <img src=”puppy.jpg” alt=””/>
  • Meglio: <img src=”cucciolo.jpg” alt=”cucciolo”/>
  • Il migliore:<img src=”cucciolo.jpg” alt=”cucciolo dalmata che gioca a palla”>
  • Da evitare <img src=”cucciolo.jpg” alt=”cucciolo di cane cucciolo di cane cucciolo di cane cuccioli cuccioli di cane cuccioli cuccioli cuccioli cuccioli cuccioli cuccioli cuccioli di cucciolo di cane retriever labrador wolfhound cucciolo di cane jack russell terrier cuccioli di cane cibo per cani cibo per cani a buon mercato”/>

Riempire gli attributi degli alt con le parole chiave (“keyword stuffing”) comporta un’esperienza utente negativa e può far sì che il vostro sito venga percepito come spam. Concentratevi invece sulla creazione di contenuti utili e ricchi di informazioni che utilizzino le parole chiave in modo appropriato e nel contesto.

Visualizzare i metadati IPTC dell’immagine

Non solo questo influisce sul SEO, ma come si fa a conoscere sempre i contenuti raffigurati nelle tue foto?  Le didascalie delle immagini forniscono un valore reale sia per gli esseri umani che per i motori di ricerca:

  • nomi di persone specifiche, oggetti, luoghi, data e ora del giorno (dove applicabile)
  • nomi scientifici
  • la narrazione (le tue esperienze di viaggio, i problemi che hai avuto, gli ostacoli che hai superato)
  • significati astratti (a seconda del tipo di fotografia)

Le didascalie ben scritte possono mettere in relazione le persone con le vostre immagini. Lo stesso vale per le descrizioni delle gallerie: è un ottimo modo per informare i visitatori su quel gruppo specifico di foto.

Il primo passo è ovviamente quello di aggiungere le informazioni IPTC a tutte le vostre immagini nel vostro software di gestione delle immagini preferito (come Adobe Lightroom), prima di caricarle sul vostro sito. La visualizzazione di tali informazioni IPTC è solo il secondo passo e dovrebbe essere semplicemente una questione di abilitazione nel vostro CMS di vostra scelta.

Le parole chiave sono uno dei modi più efficaci per raccontare le vostre immagini a un motore di ricerca. Un motore di ricerca non può determinare da solo ciò che viene visualizzato in un’immagine, quindi sta a voi fornire un testo, come 5-20 parole chiave per immagine, per collocarlo nel contesto. Nota importante: i motori di ricerca vi penalizzeranno per la visualizzazione della stessa parola troppe volte su una pagina, quindi usate la discrezione – mai “bomba di parole chiave” le vostre immagini.

Una corretta parola chiave è molto vantaggiosa per il SEO a livello di immagine. Il primo passo consiste nell’assicurare che un’immagine abbia 5-20 parole chiave assegnate nei suoi metadati. Il secondo è quello di garantire che questo insieme di parole chiave sia visualizzato sulla pagina a fianco dell’immagine. Non è sufficiente avere parole chiave assegnate alle immagini se queste parole chiave non appaiono sullo schermo.

Pulire i link spam al tuo sito

Alle volte otterrete dei backlink di bassa qualità (dall’assunzione di società SEO ombrose per acquistare link a basso costo per voi, o dal cercare di ottenere voi stessi dei link innaturali). Google è ovviamente contro i link spam di qualsiasi tipo, quindi, una volta ogni tanto, dovreste ripulire i vostri backlink.

Strumenti per trovare backlink scadenti:

Cosa cercare:

  • Siti di bassa qualità con un gran numero di link esterni
  • Collegamenti con testi di ancoraggio troppo ottimizzati (parole chiave separate da virgole)
  • Link a tutto il sito (siti cattivi che si collegano a voi in un piè di pagina o in una barra laterale)

Cosa fare:

  • Contattate il proprietario del sito e chiedete di rimuovere quei link specifici (questa dovrebbe essere sempre la vostra prima azione, anche se a volte può essere un compito scoraggiante)
  • Utilizzare lo strumento di disconoscimento dei link di Google

Link a siti esterni: SEO e fotografia

Ecco il mito di perdere il “succo SEO” se ci si collega a siti esterni, facendo in modo che la gente non si colleghi ad altri siti (o semplicemente si colleghi internamente). Il SEO non funziona così. Per non parlare del fatto che non stai servendo al meglio il tuo pubblico / lettori, stai nascondendo i link da loro per il tuo beneficio percepito.

Potete vedere che dopo ogni azione SEO in questo articolo, ho incluso una sezione “Ulteriori letture”, che collega ad articoli di qualità rilevanti online. Vi è utile? Se sì, perché Google dovrebbe “punire” il SEO del mio sito, non ha senso.

Il collegamento ad altri siti autorevoli è un’indicazione del rispetto per i contenuti altrui e diventa un segnale di fiducia per Google (un segnale di fiducia anche per il proprio sito web). Quindi, quando bloggate, non abbiate paura di collegarvi ad altri siti e concentratevi invece sulla produzione dei vostri contenuti migliori.

Verifica l’ortografia, la grammatica, la semantica, i contenuti demo e le informazioni di contatto obsolete sul tuo sito.

Non bisogna trascurare di testare correttamente il vostro sito prima di lanciarlo. Ma anche dopo, vale la pena di fare una revisione mensile dell’intero sito e di controllare i contenuti nuovi/recenti per verificare la presenza di errori (nuovi post del blog, nuove descrizioni delle gallerie, ecc.) e di ricontrollare le informazioni di contatto.

Vi stupirebbe sapere quanti fotografi hanno cambiato il loro numero di telefono, ma poi si sono dimenticati di aggiornare anche le informazioni di contatto del loro sito.

E non cercate di rivederli da soli, avete bisogno di persone “esterne” che vi diano un feedback. Un paio di occhi freschi possono individuare molti piccoli dettagli. Un tester del sito (anche se è solo un amico o un parente) può darvi alcuni spunti interessanti (“Ero confuso su quella pagina, non sapevo dove contattarvi…”) o segnalare cose strane (“Tutto andava bene in Safari, ma ho provato il vostro sito in Firefox e la homepage era tutta incasinata…”).

Controlla regolarmente il tuo sito:

  • ortografia, grammatica, semantica (sono un fan della grammatica)
  • informazioni di contatto obsolete
  • Bio dettagli obsoleti (“X anni fa”)
  • informazioni sul copyright obsolete (“Copyright 2013”)
  • navigazione interrotta (ha rimosso una pagina di recente?)
  • contenuto fittizio / test (le parole “Lorem ipsum” non dovrebbero essere presenti)

Testa il tuo sito con strumenti SEO

Dopo tutto il vostro duro lavoro sul SEO del sito, è tempo di test. Dovreste passare un po’ di tempo a esaminare alcuni di questi strumenti e capire quali vi danno le intuizioni più preziose, a seconda dei vostri obiettivi. Sareste stupiti di quanta differenza possa fare un buon strumento, visualizzando i dati SEO in nuovi modi creativi.

Fortunatamente, ci sono una serie di strumenti gratuiti che possono aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi SEO. Hanno tutti scopi leggermente specifici, ma costruire un buon arsenale di strumenti potenti vi farà padroneggiare il gioco del SEO.

SEO e fotografia: In Conclusione

Ci sono ovviamente molte cose che puoi fare per massimizzare il SEO del tuo sito e, in ultima analisi, farti trovare online e migliorare il tuo business fotografico. Se non stai sfruttando il SEO per ottenere più traffico sul sito web, questo è il momento migliore per iniziare!

E se avete preso solo un’idea principale da questo articolo, è questa: i motori di ricerca guardano sempre più da vicino i segnali dell’esperienza degli utenti sul web, il modo in cui gli utenti navigano sul vostro sito web, invece di affidarsi solo a parole chiave e link per classificare i siti web. Il SEO non è più focalizzato esclusivamente sul copywriting ricco di parole chiave, ma sulla fornitura della migliore esperienza di navigazione possibile per il vostro target di riferimento (con un sito web veloce, mobile-friendly e onesto).

Andate a questa raccolta di articoi, infine, se volete maggiori informazioni circa il SEO in fotografia.