Reflex vs Mirrorless – Parte 2

272

Secondo capitolo della comparazione tra reflex e mirrorless (qui potete trovare la prima parte)

Reflex vs mirrorless: vantaggi della macchina fotografica mirrorless

Con l’aumento delle fotocamere senza specchio (da cui il nome “mirrorless”), la maggior parte dei produttori si è già resa conto che i sistemi DSLR tradizionali non saranno la forza trainante delle vendite di fotocamere in futuro. Se guardiamo all’innovazione attuale, a che punto siamo con le DSLR? Con ogni nuova DSLR immessa sul mercato, vediamo dei piccolissimi step innovativi, come se oramai abbiamo raggiunto l’apice, ovvero il massimo possibile in termini di innoavazione. Le prestazioni dell’autofocus e la precisione hanno già raggiunto il top. I processori sono abbastanza veloci da far girare molti video a 4K FPS. Giusto per mantenere l’hype e continuare a pompare le vendite in corso, i produttori di fotocamere hanno fatto ricorso al semplice rebranding della stessa telecamera con un nuovo nome di modello. Che altro c’è da aggiungere? Ulteriori opzioni di editing in-camera? Caratteristiche specifiche per diversi tipi di fotografia? Sono innovazioni che guideranno veramente le vendite future? Personalmente non credo proprio.

Le fotocamere senza specchio aprono enormi opportunità di innovazione per il futuro e risolvono molti dei problemi delle DSLR tradizionali. Esaminiamo ogni punto precedente e discutiamo i vantaggi aggiuntivi delle fotocamere mirrorless:

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----
  • Dimensioni più piccole e peso più leggero: la rimozione dello specchio e del pentaprisma libera molto spazio. Questo significa che le fotocamere mirrorless possono essere progettate per essere più piccole, meno ingombranti e più leggere rispetto alle DSLR. Con una minore distanza tra le flange, le dimensioni fisiche della fotocamera e dell’obiettivo sono ridotte. Questo è particolarmente vero per i sensori APS-C (il full-frame è più difficile da affrontare, come discusso più avanti nell’articolo). Non c’è più spazio sprecato, non c’è bisogno di una maggiore robustezza per dare la sensazione di una fotocamera più grande. In breve, le fotocamere mirrorless possono essere notevolmente più leggere delle DSLR. L’ascesa degli smartphone come fotocamere compatte ci ha insegnato una lezione molto importante: convenienza, piccole dimensioni e leggerezza possono potenzialmente sopraffare la qualità. Le vendite delle compatte, se ci fate caso, sono oramai stagnanti, in quanto la maggior parte delle persone trova che i loro smartphone siano “abbastanza buoni” per catturare dei momenti di vita quotidiana, cosa che prima si faceva appunto con le point&shot, sempre più regelate a prodotto di nicchia. Tutti i produttori di smartphone stanno esercitando una forte pressione sulle caratteristiche della fotocamera, perché vogliono che la gente pensi di non solo di avere un telefono, ma anche una grande macchina fotografica in un unico pacchetto compatto. E a giudicare dai dati di vendita, sta chiaramente funzionando: sempre più persone abbracciano gli smartphone e si lasciano dietro le vecchie fotocamere compatte. In poche parole, le dimensioni e il peso ridotto dell’elettronica vincono nell’economia di oggi. Possiamo osservare la stessa tendenza in molti altri gadget – TV più sottili e più leggeri, tablet invece che laptop, ecc. In questo modo, la gente gravita naturalmente verso televisori più leggeri e compatti, soprattutto se la qualità non viene compromessa in modo significativo.
  • Niente più meccanismo dello specchio: niente più rotazione dello specchio verso l’alto e verso il basso significa molte cose buone, tra cui
    • Meno rumore: niente più schiaffo dello specchio, solo il clic del meccanismo dell’otturatore è tutto quello che sentite dalla fotocamera.
    • Meno vibrazioni della fotocamera: l’unico componente fisico della fotocamera senza specchio che può causare vibrazioni è l’otturatore della fotocamera. E anche in questo caso è possibile utilizzare l’otturatore elettronico a tendina frontale (EFCS), o addirittura disabilitare completamente l’otturatore e scattare con l’otturatore elettronico per eliminare completamente le vibrazioni della fotocamera dal meccanismo dell’otturatore.
    • Più facile da pulire: se la polvere finisce sul sensore, la pulizia delle fotocamere mirrorless è più facile delle DSLR. Non c’è bisogno di una batteria completamente carica per bloccare lo specchio. Ricordate che nella maggior parte delle fotocamere reflex il sensore viene esposto una volta smontato l’obiettivo (alcune fotocamere con stabilizzazione dell’immagine nel corpo macchina dovrebbero avere il loro meccanismo di stabilizzazione bloccato tramite il menu della fotocamera per evitare movimenti e danni) e ribaltato lo specchio che rimane appunto “ribaltato” se la batteria è carica. Inoltre, la maggior parte delle fotocamere mirrorless non hanno un’apertura sotto lo specchio per alloggiare un sensore a rilevamento di fase e altri componenti, quindi ci sono pochissime possibilità che la polvere circoli dopo che la camera e il sensore sono stati completamente puliti.
    • Potenzialmente molto veloce: non avere uno specchio significa che la velocità di acquisizione (FPS) non deve essere limitata dalla velocità dello specchio. Questo significa che le fotocamere mirrorless potrebbero potenzialmente catturare immagini a frame rate molto più veloce di 10-12 FPS che vediamo oggi, con molto meno rumore e blackout del mirino.
    • Più economico da costruire e riparare: meno parti mobili si traducono in minori costi di produzione e faciltà di manutenzione e riparazione.
  • Live Preview (WYSIWYG): con una mirrorless, è possibile ottenere un’anteprima live di ciò che si sta per catturare – fondamentalmente “ciò che si vede è ciò che si ottiene” (WYSIWYG). Se avete sbagliato il bilanciamento del bianco, la saturazione o il contrasto, lo vedrete in anteprima dal vivo – sia nell’EVF (vedi sotto) o nell’LCD.
  • No Phase Detection / problema dell’allineamento dello specchio secondario: ora che molte delle moderne fotocamere mirrorless sono dotate di sistemi ibridi di autofocus che utilizzano sia l’autofocus per il rilevamento di fase che per il contrasto, non dovete preoccuparvi dell’allineamento del rilevamento di fase e dello specchio secondario. Su una serie di fotocamere mirrorless di nuova generazione, i sensori a rilevamento di fase si trovano sul sensore vero e proprio, il che significa che il rilevamento di fase non dovrà mai essere calibrato per la distanza, poiché si trova sullo stesso piano del sensore che cattura l’immagine.
  • Prezzo: produrre fotocamere mirrorless è potenzialmente più economico che produrre DSLR. A partire da oggi, la maggior parte dei produttori di fotocamere senza specchio fa pagare premi elevati per i loro sistemi di fotocamere, perché i costi complessivi sono elevati e il volume non è ancora a livelli tali da garantire economie di scala. Mentre i costi di produzione effettivi sono inferiori alle DSLR, le aziende devono spendere molto denaro in ricerca e sviluppo per migliorare particolari caratteristiche della fotocamera, le prestazioni dell’autofocus e altre tecnologie come l’EVF. Con il passare del tempo, i prezzi delle fotocamere mirrorless scenderanno.
  • Mirino elettronico: ora arriva il punto di forza delle fotocamere mirrorless e l’innovazione presente e futura con esso. Senza dubbio, un EVF ha enormi vantaggi rispetto all’OVF. Anche se l’attuale implementazione di un EVF potrebbe non essere così robusta e reattiva come dovrebbe essere, è solo una questione di tempo prima che i produttori lo risolvano. Analizziamo alcuni dei principali vantaggi dell’EVF rispetto all’OVF:
    • Information Overlay: con l’OVF non si vedono solo griglie di base. Ci sono alcune informazioni statiche presentate nel mirino, ma sono per lo più fisse e non possono essere cambiate facilmente. Con l’EVF, è possibile ottenere qualsiasi informazione che si desidera visualizzare direttamente nel mirino, dai dati di esposizione dal vivo agli istogrammi. Possono essere aggiunti diversi avvisi, come ad esempio un avviso per un’inquadratura potenzialmente sfocata.
    • Anteprima live: la stessa anteprima live sul display LCD può essere visualizzata all’interno dell’EVF.
    • Revisione immagine: un’altra caratteristica chiave che non si otterrà mai in un OVF è la revisione dell’immagine. Quanto è bello vedere l’immagine appena catturata all’interno del mirino? Con l’OVF, si è costretti a guardare lo schermo LCD, che è un grande dolore in condizioni di luminosità. Le persone finiscono per acquistare lenti specializzate solo per poter vedere il loro schermo LCD alla luce del giorno! Con l’EVF, non c’è bisogno di preoccuparsi di questo, dato che è possibile utilizzare il mirino per rivedere le immagini.
    • Focus Peaking: una funzione molto utile che permette di vedere quali aree del fotogramma sono a fuoco. In pratica, è possibile mettere a fuoco inchiodare la messa a fuoco manuale senza dover fare affidamento sugli occhi. L’area che è a fuoco viene dipinta con un colore di sovrapposizione di vostra scelta e potete fermarvi esattamente dove volete che sia. Non è possibile farlo con un OVF in una DSLR.
    • Niente più problemi di copertura del mirino: con l’OVF, di solito si ottiene una copertura del mirino del 95%, specialmente sui modelli DSLR di fascia bassa. Questo significa fondamentalmente che ciò che si vede nel mirino è circa il 5% più piccolo di quello che la fotocamera catturerà. Con l’EVF, non avrete più questo problema, perché la copertura del mirino sarà sempre del 100%, poiché quello che vedete nell’EVF è ciò che il sensore catturerà.
    • Display molto più luminoso: se le condizioni di luce sono scarse, non è possibile vedere molto attraverso un mirino ottico. Mettere a fuoco con l’OVF in condizioni di scarsa illuminazione è anche difficile, perché non si riesce a capire se il soggetto è a fuoco fino a quando non si scatta la foto. Con l’EVF, i livelli di luminosità possono essere “normalizzati”, in modo da poter vedere tutto come se fosse luce diurna. Potrebbe essere presente un po’ di rumore, ma è ancora meglio che cercare di indovinare quando si guarda attraverso un OVF.
    • Zoom digitale: questa è di gran lunga una delle funzioni più importanti. Se in precedenza avete usato una modalità Live View sulla vostra DSLR, sapete quanto può essere utile zoomare su un soggetto. Con la maggior parte delle moderne DSLR, è possibile ingrandire al 100% e mettere a fuoco le unghie. Beh, con le fotocamere mirrorless, questa funzione può essere integrata direttamente nel mirino. Immaginate quindi di mettere a fuoco manualmente con un obiettivo, quindi di zoomare al 100% all’interno del mirino prima di scattare una foto. Praticamente ogni fotocamera mirrorless è in grado di farlo. Va da sé che un mirino ottico ottico non sarebbe mai stato in grado di zoomare in questo modo.
    • Tracciamento viso/occhi: ora ci stiamo muovendo verso la parte più cool della tecnologia EVF. Poiché l’EVF mostra ciò che accade effettivamente sul sensore, tecnologie aggiuntive per l’analisi dei dati possono essere utilizzate per fare cose molto interessanti, come il rilevamento del viso e persino dell’occhio. Sono sicuro che avete visto il face tracking su smartphone e fotocamere puntamento e scatto, ma se fate un passo avanti, potreste avere la fotocamera a fuoco automaticamente sull’occhio più vicino alla persona che state fotografando. Ora, proprio questa funzione è in fase di implementazione da parte di molti produttori di fotocamere nei loro prodotti al fine di rendere ancora più appetibile il prodotto.
    • Punti di messa a fuoco potenzialmente illimitati: come già sapete, la maggior parte delle fotocamere DSLR ha un numero limitato di punti di messa a fuoco che sono distribuiti principalmente intorno al centro del fotogramma. Mentre funziona nella maggior parte delle situazioni, cosa farete se aveste bisogno di spostare il punto di messa a fuoco su un bordo estremo del fotogramma? L’unica opzione è quella di mettere a fuoco e ricomporre, ma questo potrebbe non essere sempre possibile, dato che si sta spostando anche il piano di messa a fuoco. Inoltre, qualsiasi cosa lontana dal punto di messa a fuoco centrale è tipicamente imprecisa e potrebbe portare alla “caccia alla messa a fuoco”, dove la fotocamera lotta con l’acquisizione dell’AF e va avanti e indietro continuamente. Con le fotocamere senza specchio e i sensori a rilevamento di fase posizionati direttamente sul sensore di immagine, questa limitazione viene eliminata. Il rilevamento del contrasto è già stato possibile ovunque sul sensore di immagine, ma ora la maggior parte delle nuove fotocamere mirrorless hanno anche aggiunto la possibilità di mettere a fuoco tramite il rilevamento di fase del sensore, con punti di messa a fuoco distribuiti sulla maggior parte del sensore, fino ai bordi estremi.
    • Subject Tracking e analisi dei dati: se cose come il rilevamento del viso e degli occhi sono possibili con le fotocamere mirrorless, si può solo immaginare cosa i produttori di fotocamere saranno in grado di fare in futuro. Le attuali CPU fotografici hanno un complesso sistema di tracciamento che combina in modo intelligente i dati del sensore con l’autofocus e li usa per tracciare un dato oggetto, o soggetto nel fotogramma – cosa già possibile su molti sistemi mirrorless. Anche le fotocamere DSLR top di gamma hanno oggi deglil ottimi sistemi di tracciamento completo del soggetto,a nche se non al livello delle mirrorless. Se avete provato a fotografare gli uccelli in volo con una DSLR, il tracking può diventare impegnativo, specialmente quando l’uccello si sposta fuori dall’area del punto di messa a fuoco o quando le condizioni di luce non sono ideali. Se i dati vengono analizzati a livello di pixel e non c’è una vera area di messa a fuoco automatica su cui concentrarsi, il tracciamento del soggetto può potenzialmente diventare molto avanzato e sofisticato con le fotocamere mirrorless.
    • Danni agli occhi: quando si guarda attraverso un mirino, bisogna essere estremamente attenti a fotografare fonti di luce estremamente luminose (come il sole), specialmente con obiettivi a focale lunga. Con l’EVF, l’immagine viene proiettata attraverso il sensore e non ci sono danni agli occhi.