Reflex vs Mirrorless – Parte 1

268

Rispetto alle fotocamere mirrorless, le DSLR hanno alcune limitazioni intrinseche. Una parte di ciò ha a che fare con il fatto che le fotocamere reflex sono state inizialmente sviluppate per le pellicole. Quando il digitale si è evoluto, questo è stato trattato come fosse una pellicola ed è stato alloggiato nello stesso corpo meccanico a disposizione della pellicola. A parte la circuiteria necessaria per un sensore digitale e altre apparecchiature elettroniche, i nuovi supporti digitali a pellicola e il display LCD posteriore, il resto dei componenti è rimasto praticamente invariato. Lo stesso specchio meccanico, lo stesso pentaprisma / mirino ottico, lo stesso sistema di rilevamento di fase per la messa a fuoco automatica.

Mentre i nuovi progressi tecnologici hanno infine portato all’estensione delle caratteristiche di queste fotocamere (editing in-camera, HDR, GPS, WiFi, ecc), le DSLR hanno continuato a rimanere ingombranti per svariati motivi. In primo luogo, lo specchio all’interno delle fotocamere DSLR doveva avere le stesse dimensioni del sensore digitale, occupando molto spazio. In secondo luogo, anche il pentaprisma doveva corrispondere alle dimensioni dello specchio, rendendo la parte superiore delle DSLR ingombrante. Infine, i produttori volevano mantenere gli obiettivi esistenti compatibili con le fotocamere digitali, in modo che il passaggio dalla pellicola al digitale non fosse troppo costoso o troppo restrittivo per il consumatore finale.

reflex vs mirrorless
YS-Park / Pixabay

Ciò significava che i produttori dovevano anche mantenere la “distanza della flangia” (la distanza tra il supporto della fotocamera e il piano della pellicola / sensore) la stessa tra i due formati. Sebbene i sensori e gli obiettivi APS-C / DX più piccoli sembravano un ottimo modo per ridurre le dimensioni dei sistemi DSLR, la distanza dalla flangia / compatibilità li ha lasciati abbastanza grandi e fisicamente pesanti. Il 35mm alla fine è tornato con i moderni sensori digitali full-frame, così le dimensioni dello specchio e del pentaprisma sono tornate di nuovo a quelle che erano ai tempi della pellicola. Da un lato, mantenere la stessa distanza tra le flange ha permesso di ottenere la massima compatibilità quando si montano obiettivi per APS-C e DSLR full-frame, senza la necessità di riprogettare e riformulare gli obiettivi per ogni formato. D’altra parte, le DSLR semplicemente non potevano andare oltre le loro dimensioni minime e la presenza dello specchio è ciò che continua a renderle molto più complesse da costruire e supportare.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

reflex vs mirrorless: Limitazioni delle fotocamere DSLR

A causa della dipendenza dallo specchio delle DSLR per la visione “attraverso l’obiettivo” (TTL), queste hanno le seguenti limitazioni:

  • Dimensioni e volume: il sistema reflex ha bisogno di spazio sia per lo specchio che per il prisma, il che significa che le DSLR avranno sempre un corpo macchina più ampio e una parte superiore sporgente. Ciò significa anche che il mirino deve essere fissato nello stesso punto su ogni DSLR, in linea con l’asse ottico e il sensore digitale – in pratica, non c’è altro posto dove metterlo. Come risultato, la maggior parte delle DSLR ha un aspetto esterno simile.
  • Peso: le grandi dimensioni e l’ingombro si traducono anche in un peso maggiore. Mentre la maggior parte delle DSLR entry-level hanno corpi in plastica e componenti interni per renderle più leggere, il problema dell’altezza e della profondità minima per alloggiare lo specchio + pentaprisma si traduce in un sacco di spazio sprecato che deve essere coperto.
  • Disegno dello specchio e dell’otturatore complesso: ogni azionamento richiede che lo specchio si sposti verso l’alto e verso il basso per far passare la luce direttamente sul sensore. Questo da solo crea una serie di problemi:
    • Rinculo allo specchio: Le fotocamere DSLR producono un bel po’ di rumore a causa del meccanismo dell’otturatore che sale e scende ogni volta che un’immagine viene catturata. Questo schiaffo dello specchio non solo produce rumore, ma anche vibrazioni della fotocamera. Anche se i produttori hanno messo a punto modi creativi per ridurre il rumore rallentando il movimento dello specchio (la modalità “Quiet” di Nikon, ad esempio), è ancora abbastanza udibile. Le vibrazioni della fotocamera possono diventare un problema anche quando si scatta a lunghe distanze focali e tempi di posa lunghi. Ancora una volta, i produttori di reflex digitali hanno dovuto escogitare funzioni come “Mirror Lock-Up” e “Exposure Delay” per consentire il sollevamento dello specchio, quindi l’esposizione dopo un determinato ritardo – il tutto per ridurre le vibrazioni indotte dallo specchio.
    • Frame Speed Limitation: mentre i moderni meccanismi dello specchio e dell’otturatore sono molto performanti, sono limitati dalla velocità fisica con cui lo specchio si capovolge. Ad esempio, quando la Nikon D4 spara a 11 fotogrammi al secondo, lo specchio sale e scende letteralmente 11 volte al secondo, con l’otturatore che si apre e si chiude in mezzo! Deve essere una sincronizzazione perfetta sia dello specchio che dell’otturatore affinché tutto funzioni.
    • Costoso da costruire e supportare: il meccanismo a specchio è molto complesso e consiste di decine di parti diverse. Per questo motivo, è costoso costruire e fornire supporto tecnico se qualcosa va storto. Smontare una DSLR e sostituire i componenti interni può richiedere molto tempo per un centro servizi.
  • No Live Preview via OVF: quando si guarda attraverso un mirino ottico (OVF), è impossibile vedere come sarà l’immagine finale. È necessario guardare l’esposimetro della fotocamera (che in alcune situazioni può essere ingannato) o l’LCD in modalità live view e regolare l’esposizione di conseguenza.
  • Precisione dello specchio secondario e del rilevamento di fase: potreste già sapere che tutte le fotocamere DSLR con sistema di messa a fuoco automatica a rilevamento di fase richiedono uno specchio secondario. In breve, una parte della luce che raggiunge lo specchio finisce sullo specchio secondario più piccolo che si trova ad un angolo diverso dallo specchio primario. Lo scopo dello specchio secondario è quello di passare la luce in entrata ai sensori a rilevamento di fase che si trovano sul fondo della camera. Il problema con lo specchio secondario, è che deve essere posizionato ad un angolo e ad una distanza perfetti affinché il rilevamento di fase funzioni con precisione. Se c’è anche una leggera deviazione, la messa a fuoco viene persa. E, peggio ancora, i sensori a rilevamento di fase e lo specchio secondario devono rimanere perfettamente paralleli tra loro. In caso contrario, alcuni punti di messa a fuoco automatica potrebbero essere precisi, mentre altri perderebbero costantemente la messa a fuoco.
  • Problemi di rilevamento di fase e di calibrazione dell’obiettivo: il problema del sistema tradizionale di rilevamento di fase DSLR non solo riguarda i problemi di allineamento secondario dello specchio, ma richiede anche che gli obiettivi siano correttamente calibrati. Diventa un gioco a due vie – la messa a fuoco precisa richiede un angolo perfetto e la distanza dello specchio secondario dai sensori a rilevamento di fase (come spiegato sopra), e richiede una lente correttamente calibrata al corpo. Se in passato avete avuto problemi di precisione di messa a fuoco automatica con i vostri obiettivi, potreste aver avuto esperienza nell’invio dell’attrezzatura al produttore. Molto spesso, i tecnici di supporto chiederanno di inviare l’obiettivo in questione insieme al corpo macchina. Se prima vi chiedevate perché, ora avete la risposta: ci sono fondamentalmente due punti in cui le cose potrebbero andare storte. Se il tecnico adatta l’obiettivo al loro ambiente standard e la fotocamera è leggermente spenta, i vostri problemi potrebbero peggiorare ulteriormente dopo tale regolazione. Ecco perché è meglio calibrare sia la fotocamera che l’obiettivo per risolvere queste discrepanze.
  • Prezzo: anche se i produttori sono diventati molto più efficienti nel corso degli anni in termini di produzione di DSLR, assemblare il meccanismo dello specchio non è un compito facile. Molti componenti in movimento significano sistemi di assemblaggio di alta precisione, la necessità di lubrificazione in aree in cui i componenti metallici si sfregano l’uno contro l’altro, ecc. Tutto ciò si traduce a sua volta in un aumento dei costi di produzione. E non finisce qui: se qualcosa va storto con il meccanismo dello specchio, il produttore deve riparare o anche potenzialmente sostituirlo, che è un compito molto laborioso.