Gli obiettivi – il fisheye

Gli Obiettivi Fisheye, some già anticipato nell’articolo sugli obiettivi grandangolari, sono una estremizzazione degli obiettivi grandangolari stessi. La loro lunghezza focale è in assoluto la più corta e varia tra i 6 ed i 16mm. Di conseguenza l’angolo di visuale “parte” dai 180° per arrivare a coprire angolature addirittura maggiori quando ci usano gli obiettivi a focale cortissima (i 6°). In questi casi però l’obiettivo tende ad essere particolarmente ingombrante (vedi la seconda foto) sia per quanto riguarda la dimensione globale che la protuberanza anteriore della lente (necessarie entrambe per superare il limite del 180°).

Obiettivo Fisheye
fisheye2
Oltre i 180°: che dimensioni!

Il fisheye ovviamente estremizza quelli che sono i difetti dei grandangolari in particolare la distorsione a barilotto: questa non è solo accennata ma è la ragione di vita degli obiettivi fisheye. In tutte le foto fatte con questi obiettivi non troverete infatti mai una riga diritta ameno che questa non passi esattamente per il centro. Oltre che le linee interne alla foto, ad essere fortemente curvate sono anche i contorni della fotografia:  ecco perché molte foto fisheye sono tonde invece che rettangolari.

Di obiettivi fisheye ne esistono di due modelli:circolari e full-frame. I fisheye circolari producono un’immagine rotonda, catturando tutto ciò che è nel raggio visivo. I fisheye  full-frame invece effettuano un crop (ritaglio) dell’immagine circolare restituendo una fotografia in formato tradizionale (rettangolare).

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----
fisheye3
fisheye full frame
fisheye8
Fisheye
Attenzione ai filtri: poiché il primo elemento ottico di un obiettivo fisheye è sferico e sporge pesantemente dal corpo obiettivo,è impossibile usare i normali filtri filettati.  Molti fisheye, per ovviare a questo problema, includono all’interno dei filtri colorati o neutral density o una fessura all’interno della quale infilare dei filtri (di solito di plastica o “vetrini”).

 

I l termine fisheye (tradotto semplicemente in occhio di pesce) è dovuto al fatto che un pesce sott’acqua  è in grado di visualizzare una semisfera. Il termine fu coniato da Robert W. Wood nel suo libro Physical Optics.

Il primo obiettivo fisheye  è firmato Robin Hill e si chiamava Robin Hill Sky. Fu costruito per visualizzare su carta le formazioni di nubi e produceva su una lastra un’immagine di tutto il cielo.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----
Articolo precedenteGli obiettivi – grandangolari
Articolo successivoGli obiettivi – i teleobiettivi
Fondatore di Fotografare in Digitale, ho sempre amato il mondo della fotografia e la possibilità di catturare un momento, un attimo, una sensazione tramite un semplice scatto. Nato come fotografo per caso quando misi le mani sulla mia prima Nikon D1, ho ampliato le mie conoscenze ed esperienze fotografiche, decidendo quindi di condividerle con chiunque fosse interessato alla fotografia. Sono un fotografo amatoriale di buon livello e continuo imperterrito a girare per le città con la fedele Nikon (ora una D800) appesa al collo.