Come creare più o una parola chiave per le tue immagini

1

Parola chiave. Due parole che per un fotografo sono vitali, soprattutto quando hai bisogno di cercare le immagini in una tua raccolta. Nonostante la mondanità, se vuoi trovare foto specifiche tra una grande collezione, aiuta mettere delle parole chiave associate alle immagini. Questo articolo esamina tre strumenti per la ricerca di parole chiave che accelereranno il lavoro a costi minimi o nulli.

Manuale vs automatizzato

Il vantaggio principale di etichettare ogni immagine è la precisione. Sai che ogni parola che inserisci si applica a quella foto. Le buone parole chiave aiutano tantissimo nella ricerca, soprattutto se stai digitando parole chiave con lo scopo di vendere o di concedere licenze per le foto.

parola chiave: Semiautomatico

Un modo per velocizzare le parole chiave è con gli elenchi di parole chiave veloci che trovi in ​​tutti i software con DAM integrato (gestione delle risorse digitali). Tali elenchi normalmente devono essere compilati in anticipo, ma una volta configurati, riescono a ridurre il tempo necessario a etichettare le immagini. Un sistema simile viene utilizzato negli strumenti per le parole chiave a pagamento.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Automatico

Un modo ancora più rapido per definire le parole chiave è utilizzare il software di riconoscimento delle immagini. Questo popola rapidamente i campi delle parole chiave. Lo svantaggio principale è dover rimuovere alcune parole non pertinenti dalla maggior parte delle foto. Non è un cattivo compromesso quando funziona bene (come nel caso dei riconoscimenti dei volti), poiché eliminare le parole è meno oneroso che aggiungerle. Dovrai comunque aggiungere tu stesso alcune parole chiave, perché un software come questo tende a identificare i soggetti in modo generico.

Tre strumenti per le parole chiave da usare

Il software per le parole chiave va dal molto costoso al totalmente gratuito. Può essere autonomo, plug-in, SaaS o basato sul Web senza costi aggiuntivi. È improbabile che tu voglia pagare per aggiungere delle parole chiave a meno che non ci sia una possibilità di ritorno sull’investimento. Di seguito sono riportati tre strumenti per le parole chiave che hanno un effetto minimo o nullo sul saldo bancario ma che potrebbero farti risparmiare tempo.

Anyvision Vision Lightroom

Il Anyvision plugin Vision Lightroom usa la tecnologia Google per riconoscere il contenuto delle foto e popolare di conseguenza il campo della parola chiave. Si tratta di intelligenza artificiale e puoi provare la stessa tecnologia Qui su file di immagini con dimensioni inferiori a 4 MB. Google Cloud Vision è il motore alla base della ricerca di immagini di Google. Il plug-in è disponibile in prova per le prime 50 immagini, dopo di che è necessario acquistare una licenza ad un prezzo comunque contenuto.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Funziona? Ho trovato che sia utile per le foto di tutti i giorni e riconosce anche alcuni edifici iconici (ad esempio l’edificio il Colosseo). Sì, è necessario cancellare alcune parole chiave, ma mantengo più di quanto cancello. Non è così funzionale con le foto di piante, poiché tende a riempire il campo delle parole chiave con i nomi di vari “sosia”. Ma una volta che conosci i suoi punti deboli, è un prodotto molto completo.

Per far funzionare Any Vision dopo la prova, devi ottenere una chiave cloud di Google. Questo è collegato al tuo account di fatturazione di Google, ma a meno che tu non utilizzi più di 1.000 foto al mese per parola chiave, non ti verrà addebitato nulla. Ricorda che non dovrai analizzare ogni immagine (ad esempio, puoi copiare e incollare).

Keyworder IMS

Il Keyworder IMS è uno strumento online semplice da usare. Inserisci una o due parole chiave che meglio riassumono il contenuto della tua foto, premi invio e fai clic sulle foto pertinenti per creare più parole chiave. Le parole chiave che appaiono sono classificate per la loro popolarità con utenti microstock. Questo ti dà un’idea di quanto sia vitale una parola chiave per la tua immagine.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

parola chiave

Altre utili funzionalità IMS includono la possibilità di visualizzare un elenco di sinonimi e creare modelli. Puoi anche incorporare parole chiave, descrizioni e didascalie direttamente in JPEG sul tuo PC. Questo software online è gratuito con la possibilità di effettuare un pagamento volontario allo sviluppatore.

Keyworder Xpiks

Xpiks è un buon programma open source che, come IMS, prendere suggerimenti circa le parole chiave da librerie di foto microstock. Hai ancora bisogno di Internet per usarlo, ma il software può essere installato sul tuo disco rigido. E questo lo rende più versatile in quanto è possibile aggiungere parole chiave a formati di file più grandi in assenza di restrizioni sulla larghezza di banda.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

parola chiave

Tra le funzionalità utili di Xpiks ci sono la modifica dei metadati XMP / IPTC / EXIF , traduzione, completamento automatico, funzione di ricerca, controllo ortografico e, naturalmente, suggerimenti di parole chiave. Se si contribuisce alle librerie microstock, è anche possibile caricare foto direttamente da Xpiks.

Altri strumenti per le parole chiave

Tra gli altri strumenti di parole chiave di terze parti (gratuiti o non) ci sono i seguenti da ricordare:

  • Akiwi – trascina e rilascia il riconoscimento delle immagini online gratis
  • Excire – Plugin di Lightroom con tecnologia AI che ti consente di cercare senza parole chiave, 99 € costo una tantum
  • fotoKeyword Harvester – da Cradoc fotosoftware, azienda di lunga data, non libera
  • A2ZKeywording – da A2ZKeywording.com, sviluppatore reattivo, non libero
  • Keywordsready – Tecnologia di riconoscimento di immagini online con limite mensile di 50 immagini, gratis
  • Strumento per le parole chiave Microstock – strumento online che raccoglie parole chiave da foto microstock, gratuitamente
  • MyKeyworder – Riconoscimento immagini Lightroom e plugin WordPress, piccola donazione per rimuovere le restrizioni

Suggerimenti per la parola chiave

Se spezzi gli elenchi di parole chiave in categorie e sottocategorie, avrai la base per un metodo di keywording di sistema. Il problema con l’aggiunta casuale di parole senza alcun sistema è di consistenza: raramente si finisce con lo stesso insieme di parole due volte. E questo potrebbe costringerti a provare più termini di ricerca più tardi quando si tratta di trovare immagini. Anche se usi gli strumenti per le parole chiave per aiutarti, è comodo avere i tuoi elenchi di parole da aggiungere in cima.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Il numero di parole chiave da aggiungere ad ogni foto è variabile, soprattutto se si stanno licenziando le foto per la pubblicazione. Non vuoi sprecare il tempo dei ricercatori di immagini con parole vagamente correlate, ma non vuoi rendere le foto invisibili attraverso il minimalismo. Lo stesso vale per i tuoi scopi: circa 10-25 parole chiave sono spesso sufficienti. Alcune foto potrebbero aver bisogno di più. È consigliabile attenersi a parole comuni laddove possibile. Le parole lunghe o formali hanno meno probabilità di essere utilizzate nei termini di ricerca.