Autofocus: ottenere immagini nitide in qualunque situazione – Parte 2

72

Seconda parte dell’articolo su come ottenere immagini nitide usando l’autofocus delle nostre macchine fotografiche. Cominciamo ad esaminare la modalità Area AF.

ottenere immagini nitide: La modalità Area AF (punti AF)

Oltre a queste modalità di messa a fuoco, le reflex digitali Nikon e Canon sono dotate di numerosi punti AF e opzioni dell’area AF.

Modalità Area AF Nikon

Nikon consente di scegliere le seguenti opzioni della modalità area AF:

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Punto singolo – Il fotografo determina manualmente un singolo punto AF e la fotocamera mette a fuoco il soggetto nel punto AF selezionato, funzionando al meglio con soggetti stazionari.

autofocus
adege / Pixabay

Area dinamica – Il fotografo determina manualmente il punto AF, come con AF a punto singolo. Tuttavia, se il soggetto si sposta e lascia l’area del punto AF selezionata, la fotocamera regola di conseguenza in base ai punti AF circostanti e si concentra di conseguenza. Questa impostazione funziona meglio con soggetti che si stanno muovendo in modo imprevedibile.

Auto – La fotocamera determina quale punto AF contiene il soggetto e mette a fuoco automaticamente.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

3D – Il fotografo determina manualmente il punto AF. Quando il pulsante di scatto è parzialmente premuto e la fotocamera raggiunge la messa a fuoco, il fotografo ricompone la scena e la fotocamera passa automaticamente a un nuovo punto AF per mantenere la messa a fuoco per il soggetto selezionato.

Canon AF Area Modes

Le opzioni della modalità Area AF di Canon sono molto simili a quelle di Nikon, ma si basano maggiormente sui raggruppamenti di punti AF per raggiungere la messa a fuoco.

Espansione del punto AF – Questa modalità consente di selezionare un punto AF primario accompagnato da 4 o 8 punti AF circostanti circostanti per soggetti in movimento o che non offrono molto contrasto per l’acquisizione della messa a fuoco rapida.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Zona AF – Questo fornisce un gruppo di 9 o 12 gruppi di punti AF mobili per ottenere la messa a fuoco sul soggetto più vicino che rientra nella zona che hai selezionato.

Selezione automatica del punto AF – In questa modalità, tutti i punti AF sono attivi e la messa a fuoco traccia molto simile alla modalità 3D AF di Nikon.

autofocus
stevepb / Pixabay

Se sei come me, le opzioni possono essere eccitanti ma anche incredibilmente travolgenti. Quindi, vi esorto a fare un respiro profondo e a leggere mentre parlo più prosaicamente di come sintetizzare e integrare queste informazioni per l’applicazione pratica e l’uso sul campo.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Ottenere immagini nitide: Calibrazione della lente

Innanzitutto, ho ottenuto i migliori risultati di messa a fuoco e nitidezza delle immagini utilizzando obiettivi a focali fisse. Una corretta calibrazione dell’obiettivo è anche strumentale nel raggiungere risultati ottimali con le reflex digitali e le combinazioni di lenti proprietarie, fisse e zoom. La calibrazione dell’obiettivo è il primo passo da compiere per ottenere coerenza e precisione quando si tratta di messa a fuoco.

Nikon offre AF fine-tuning con alcuni dei loro prodotti di punta (ad esempio le DSLR pro), e questo è uno degli strumenti più preziosi su cui potete mettere le mani.. Canon consente inoltre ai suoi fotografi di mettere a punto e calibrare i loro obiettivi professionali con i loro corpi professionali, ma per ora rimane una procedura manuale.

ottenere immagini nitide
milivanily / Pixabay

Sappi che nessuna combinazione di fotocamere è sempre perfetta e che tutte le combinazioni corpo / lente possono trarre vantaggio dalla calibrazione degli obiettivi. Sia che tu abbia una Nikon più recente che ti permette di calibrare automaticamente, o se possiedi un sistema Canon e devi eseguire manualmente la calibrazione dell’obiettivo, questa è la genesi per ottenere immagini nitide.

La mia sperimentazione con i punti AF e le modalità AF è altrettanto ampia. Sono giunto alla conclusione che la messa a fuoco del punto centrale e AF Single-Servo (AF-S) fornisce più coerenza per oggetti fermi o lenti rispetto a qualsiasi altra combinazione disponibile di punto AF e modalità di messa a fuoco.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Preferisco utilizzare il punto AF centrale per ottenere e bloccare la messa a fuoco, quindi ricomporre la scena per l’acquisizione dell’immagine finale, anziché utilizzare i punti AF più vicini al bordo del mirino. Non ho sempre fotografato in questo modo, ma ho scoperto attraverso il confronto che questo metodo era più veloce e affidabile e che l’attenzione era anche molto più precisa, colpo dopo scatto.

I punti AF e le modalità di messa a fuoco della fotocamera fanno molto affidamento sui contrasti presenti nella scena. Il punto centrale AF rileva il contrasto e quindi ottiene la messa a fuoco più velocemente e con maggiore precisione rispetto ai punti più vicini al bordo del mirino o dell’immagine. Qui contrasto, chiarezza e luminosità vengono soffocati dalla vignettatura e dalle aberrazioni ottiche che si verificano in tutti gli obiettivi, specialmente verso i bordi e gli angoli.

Inoltre, i punti centrali AF sono punti di messa a fuoco di tipo incrociato, che sono in grado di focalizzarsi su linee in due direzioni, orizzontalmente e verticalmente.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

ottenere immagini nitide
Sanshiro / Pixabay

Concentrazione su soggetti in movimento

Durante la messa a fuoco di soggetti in movimento, ho scoperto che l’uso di AF continuo (AF-C) in combinazione con la modalità Area AF dinamica (Nikon) o Zone AF (Canon) offre i risultati migliori e più uniformi anche in condizioni di scarsa illuminazione .

Ricorda che le modalità Dynamic e Zone AF consentono la selezione di gruppi di punti AF che vanno da gruppi di 4-8 punti per mantenere il tracking della messa a fuoco costante per soggetti in movimento.

Quando sono un po ‘più lontano dai soggetti in movimento, trovo che lo scatto in AF Continuo-Servo (AF-C) in combinazione con la modalità Area AF 3D (Nikon) o Auto AF (Canon) produce i risultati più coerenti.

----- annuncio pubblicitario -----

----- annuncio pubblicitario -----

Ad esempio, quando sto girando il primo ballo della sposa e dello sposo, 3D AF-C è il mio go-to, in quanto mi permette di dire alla telecamera quale soggetto voglio mettere a fuoco e mantenere quella messa a fuoco continua come soggetto si muove all’interno della cornice o ricompongo la scena da solo.

Altro su come riprendere soggetti in movimento Qui.

Ritratti

Penso che le sfide di fuoco più significative vengano con i ritratti, in particolare quando si scatta a dettagli ravvicinati con obiettivi più lunghi (50 mm o più) alle aperture di f / 1.2-f / 2.8. Questo è dove i professionisti sovrastano i dilettanti.

ottenere immagini nitide
6335159 / Pixabay

Molti fotografi vogliono ottenere il sorprendente effetto visivo (bokeh) che vediamo quando si riprende un soggetto completamente aperto (f / 1.2 – f / 2.8) e inchiodare la messa a fuoco sugli occhi. In questi casi, non vi è margine di errore. A volte vedi solo un centimetro di nitidezza – e se ti manca, l’immagine è inutilizzabile (almeno secondo me). È un rischio significativo con enormi premi.

Esiste un trucco per  ottenere immagini nitide degli occhi nei ritratti scattati a tali profondità di campo? Il “trucco” è sapere come funziona tutta la tua attrezzatura. Sapere come ogni obiettivo funziona con il corpo a cui è associato, e quale punto AF o modo di messa a fuoco produce i migliori risultati quando si scatta in profondità per quel particolare soggetto o scena. Ricodatevi sempre che la ricompensa vale solo il rischio se possiedi l’acume tecnico e la fiducia per ottenere il risultato desiderato almeno 8 volte su 10 (questo è il mio standard).

Considera quanto segue: Quando si scatta da 85 mm impostato su f / 1,8 con un soggetto a una distanza della fotocamera di 1 metro, si ha solo una profondità di campo di circa 1,3 cm. Se si utilizza il punto AF centrale in AF-S per impostare, bloccare la messa a fuoco e ricomporre prima di catturare l’immagine, è altamente improbabile che il piano sottile del rasoio si fermi dove inizialmente si blocca la messa a fuoco (È la trigonometria di base).

Il leggero cambiamento nell’angolo della fotocamera dal ricomporre (o anche respirare), influenza drasticamente (sposta) il piano di messa a fuoco, facendo sì che la guancia, il naso, le orecchie o il mento (piuttosto che gli occhi) siano a fuoco.

ottenere immagini nitide
kudybadorota / Pixabay

Quindi, a meno che non desideri che gli occhi del soggetto siano posizionati perfettamente al centro dell’inquadratura in tutti i ritratti che scatti con un’apertura ridotta, avrai bisogno di una strategia più creativa ed efficace.

Inoltre, usare AF continuo (AF-C) e selezionare un gruppo di 4-6 punti AF dinamici vicino all’occhio è il modo migliore per ottenere la ottenere immagini nitide degli occhi in questo scenario precario.

Tuttavia, ho trovato le riprese in modalità Continuous Frame o High-Speed, e facendo manualmente le micro regolazioni della messa a fuoco mentre l’otturatore è attivato, è l’unico modo sicuro per catturare almeno 1 o 2 fotogrammi in cui gli occhi sono nitidi .

Conclusione: ottenere immagini nitide

L’autofocus è uno strumento potente e conveniente che ha contribuito a far evolvere ed elevare la fotografia ad altezze che non avrei mai immaginato anche solo 10 anni fa.

Tuttavia, con tutte le cose meccaniche e umane, esistono debolezze e limiti. A parte questo, non ci sono limiti quando parliamo di immaginazione o volontà creativa che ci consente e ci spingono a spingere quegli strumenti ben oltre i loro limiti per ottenere risultati ottimali e desiderati. Qualcosa che è possibile solo quando possediamo la giusta conoscenza di come funzionano quegli strumenti.

ottenere immagini nitide
12019 / Pixabay

Come ho affermato in precedenza in questo articolo, i sistemi di autofocus e AF sono incredibilmente complessi. È un argomento di grande interesse e valore per molti fotografi, dai principianti ai professionisti esperti, in quanto tutti cercano di ottenere immagini nitide sfruttando al massimo la tecnologia a disposizione.

È anche una tecnologia in rapida evoluzione, il che significa che ciò che sappiamo oggi potrebbe non essere applicabile domani. Molte variabili e fattori influenzano e influenzano l’accuratezza e l’accuratezza dell’AF: è sicuramente un argomento multiforme. Un solo articolo non potrebbe mai affrontare tutte queste sfaccettature.