3 errori di modifica delle foto da evitare

9

Il montaggio è molto divertente. Personalmente, mi piace vedere una foto mediocre trasformata in una buona manipolando i dettagli nell’immagine. È quasi come una magia. Tuttavia, l’editing non è tutta rose e fiori e gli errori di modifica delle foto sono sempre dietro l’angolo.

In questo articolo, esamineremo tre errori di modifica delle foto di base da evitare. Sono facili da applicare (o meglio evitare), soprattutto quando sei un neofita del montaggio e sei troppo entusiasta di trasformare la tua foto in qualcosa di magico.

Quando ero un novizio, ho fatto spesso l’errore di sovrascrivere le foto dopo averle modificate. Ho guardato con ammirazione il lavoro di altri fotografi e volevo che le mie foto assomigliassero alle loro: sono stato indotto ad usare alcune funzioni di Photoshop e ad usarle troppo pesantemente. Peccato che al momento di andare a recuperare la foto originale, mi sono accorto che non esisteva più, avendola sovrascritta con quella modificata. Ovviamente questo lo considero un errore che nessuno di voi farà più!

Passiamo ora ad osservarei tre errori di editing di base da evitare. Vi ricordo che se vi interessa imparare a ritoccare (evitando possibilmente gli errori di modifica delle foto), abbiamo una sezione completa di editing su Photoshop.

Errori di modifica delle foto
Tumisu / Pixabay

1. Errori di modifica delle foto : non riprendere in RAW

Il primo errore nell’editing non è quello di scattare in formato RAW. Editing e RAW sono i migliori amici. La modifica di un file RAW è la migliore combinazione che puoi utilizzare perché RAW è un formato senza perdita di dati. Ciò significa che conserva tutte le informazioni nell’immagine con cui puoi giocare durante il processo di modifica.

RAW è un formato intatto, non trattato. Le informazioni grezze in pixel sono tutte raccolte senza alcuna interferenza da parte della fotocamera. D’altra parte, JPEG (che sia fine o di base), è un formato che consente alla fotocamera di elaborare le informazioni non elaborate e comprimerle scartando i pixel. Elimina alcune di queste informazioni non elaborate prima di salvare l’immagine nella memory card. Di conseguenza, si ottiene un’immagine più piccola che è già stata modificata dalla fotocamera.

Ciò significa che i colori e i contrasti sono già diversi dalle informazioni originali. Quando modifichi un’immagine JPEG, stai ancora giocando con le informazioni rimanenti ed elaborando un’immagine già elaborata. Per articoli più dettagliati su RAW vs JPEG, leggi qui.

2. Bilanciamento del bianco errato

Questo può sembrare fondamentale per alcuni di voi, ma molti potrebbero non aver sentito parlare del termine bilanciamento del bianco. Quando ho avuto una Reflex per la prima volta, ho scattato in modalità verticale. Non sapevo come girare in manuale e non sentivo di aver bisogno di impararlo. Ho fatto affidamento sulle modalità della fotocamera fino a quando ho realizzato che non riuscivo a ottenere lo stile e il tipo di immagini che volevo. Fino ad allora, non sapevo – per non parlare di capire – cosa significava il bilanciamento del bianco.

Errori di modifica delle foto
CristianFerronato / Pixabay

In parole povere, il bilanciamento del bianco fa in modo che gli oggetti bianchi appaiano bianchi. Molti fattori di illuminazione possono influenzare i bianchi nella tua immagine. Questi sono chiamati color cast. Il color cast succede quando i bianchi sembrano colori diversi a seconda della luce ambientale. Un evento di colatura di colore molto comune è dovuto alla luce incandescente che, se il bilanciamento del bianco non viene regolato, renderà gli oggetti bianchi di colore giallo, ad esempio.

C’è una cosa chiamata temperatura del colore misurata in kelvin che offre una gamma di valori numerici ai quali è possibile regolare il bilanciamento del bianco per ottenere il bilanciamento del bianco corretto. Ad esempio, quando si riprende all’aperto alla luce naturale del sole, la temperatura del colore è solitamente compresa nell’intervallo 5500K. Vuoi che il bilanciamento del bianco della tua fotocamera corrisponda a quello in modo che il tuo bianco appaia bianco. Al contrario, in casa di solito ha una temperatura di colore più calda. Quando ci sono luci al tungsteno coinvolte, i Kelvin sono circa 3500K. È necessario abbinare anche questo per garantire il bianco aspetto bianco.

Certo, la fotocamera può farlo da sola utilizzando il bilanciamento del bianco automatico, e lo fa anche molto bene. Il problema che trovo è che varia ancora parecchio anche se le variazioni potrebbero essere minime. Per me, questo dimostra un problema durante la modifica di migliaia di immagini, in particolare quando si modifica in batch. La mia preferenza per contrastare questo è sparare in Kelvin che mi dà un bilanciamento del bianco abbastanza costante, anche se non è una scienza assoluta, che posso modificare quando si modifica.

Errori di modifica delle foto
gaxran / Pixabay

3. Durante la modifica

Esistono cento modi in cui è possibile modificare le immagini in modo eccessivo. Tratterò alcuni di quelli più comuni, soprattutto perché sono quelli che influenzano maggiormente l’immagine.

Vignettatura pesante

La vignettatura è qualcosa che può rendere interessante una foto. Applico la vignettatura alla maggior parte delle mie immagini e amo il modo in cui attira l’attenzione al centro dell’immagine per mezzo del contrasto generale: più scuro attorno ai bordi e più chiaro al centro. Tuttavia, è così facile essere pesanti con esso in modo che l’immagine assomigli ad un effetto “fiamma”: una forma sferica nera all’esterno e un’area centrale molto luminosa.

Un buon trucco per sapere quanta vignetta aggiungere è far scorrere la barra attraverso entrambi gli estremi e quindi puoi vedere l’effetto di ogni fase e decidere cosa sembra giusto.

Errori di modifica delle foto: sovra e sotto-saturazione

Hai sentito parlare del termine “pop” in fotografia? I fotografi adorano usare questa parola. Aggiungi un pop di colore per rendere l’immagine pop, ecc. Spesso, la saturazione non è il modo per ottenere questo “pop”! Vorrei sconsigliare di armeggiare con il cursore di saturazione. Usalo solo se la foto è così insatura che è necessario aumentare la saturazione per fare il colori avvicinarsi ad un aspetto naturale.

Errori di modifica delle foto
langezaal / Pixabay

Il pericolo di usare il cursore di saturazione rende i colori “neoneschi”. Un classico esempio onnipresente di questo è l’erba verde. NESSUNA erba sembra verde neon ma spesso li vediamo nelle foto. Non sarei sorpreso di apprendere che il cursore della saturazione è il colpevole quando mi imbatto in queste immagini.

È meglio usare il cursore Vividezza se vuoi aggiungere un po ‘di vita al tuo colore.

La sottosaturazione è altrettanto brutta. Questo è quando si spoglia l’immagine del colore, quindi tutto sembra mortalmente pallido o piuttosto d’acciaio e freddo. Ho fatto questo errore prima quando stavo iniziando. Evitalo! Meglio ancora, non tentare nemmeno di farlo.

Contrasti estremi

Il contrasto è semplicemente la differenza tra i bianchi e i neri nell’immagine o, se preferite, le aree chiare e le aree scure. Tre cursori influenzano il contrasto: bianchi, ombre e neri. Sposta quei cursori per vedere quale effetto fanno all’immagine.

Il miglior consiglio che posso dare è di scegliere un contrasto naturale in cui i neri sono giusti, e i bianchi non sono soffiati o sovraesposti. Tenendo d’occhio l’istogramma aiuta a garantire che non si stiano tagliando neri e bianchi e che rimangano nell’intervallo di valori appropriato quando si tratta di contrasto.