Smartphone vs fotocamere: come sopravvivere agli smartphone Parte 2

0
89

Seconda parte dell’articolo relativo alla “battaglia” tra smarthone vs fotocamere con una convinzione in mente: le tradizionali aziende fotografiche non sopravviveranno se non sapranno innovare. QUi la prima parte

Smartphone vs fotocamere: Lo smartphone contro la telecamera di fascia alta

Ciò che vedo accadere nei vari workshop a cui partecipo, è la tendenza dei partecipanti a usare i loro smartphone per scattare una foto, mentre le loro grandi macchine fotografiche sono montate su treppiedi, pronte a scattare. Mentre devono fare molta attenzione quando lavorano su tutti gli aspetti tecnici delle riprese con la loro DSLR e le fotocamere mirrorless, come la corretta esposizione, la messa a fuoco, la distanza iperfocale, l’impilamento della messa a fuoco, l’ETTR, etc., l’acquisizione con lo smartphone richiede solo pochi secondi: inquadrare la scena, zoomare e scattare una foto. Semplice.

Ma quello che segue è a volte davvero comico, perché sento la gente lamentarsi del perché è così difficile scattare con le loro costose macchine fotografiche, mentre il loro iPhone o smartphone Android possono catturare la stessa immagine in un istante, con risultati ragionevolmente buoni. Perché i produttori di fotocamere non riescono a capire che mentre sono impegnati ad aggiungere alle loro macchine fotografiche altri pulsanti senza etichetta e una miriade di opzioni di menu criptiche, il resto del mondo si è spostato verso strumenti più semplici, più leggeri e più intuitivi. Scorrere il dito per cambiare la modalità della fotocamera, premere un pulsante per scattare una foto. Chiunque può capirlo, senza leggere un manuale completo, o guardare un video di un’ora su YouTube che spiega le impostazioni.

Smartphone vs fotocamere
Farbsynthese / Pixabay

I risultati parlano da soli: più e più volte vediamo l’ennesimo resoconto del declino del mercato delle fotocamere. I produttori di videocamere vendevano in passato carichi di telecamere point-and-shoot. Quel mercato è scomparso. Per anni, hanno venduto centinaia di migliaia di fotocamere DSLR e mirrorless entry-level, ma la maggior parte dei non fotografi oggi potrebbe fregarsene, dal momento che possono ottenere risultati decenti dai loro smartphone.

La scomparsa dei mercati delle fotocamere point-and-shoot e di quelle entry-level è un grosso problema per tutti i produttori di fotocamere, perché è lì che storicamente si è concentrata gran parte dei loro profitti. Le telecamere costose e di fascia alta hanno enormi costi di ricerca e sviluppo e di produzione, e sono strumenti specializzati con i quali le aziende non riescono a sopravvivere, a meno che non si diversifichino in altri mercati o escogitino prodotti che si rivolgano a un pubblico più ampio. In parole povere, il mercato delle telecamere professionali e appassionate rappresenta una piccola nicchia a livello globale rispetto al resto dell’industria elettronica.

Quando la fotografia è più popolare che mai, eppure riesce a diventare così complessa che ci vuole una seria abilità per scattare, post-elaborare, archiviare e stampare le immagini, la maggior parte delle persone che vogliono risultati veloci se ne andrà naturalmente, e possiamo già vedere che questo accade per molti fotografi là fuori. Quante persone conoscete, che possiedono una buona macchina fotografica lasciata a prendere polvere, mentre scattano foto con i loro smartphone? Ne conosco un bel po’. Le persone si danno da fare nella vita di tutti i giorni, e quando si ricordano che non hanno nemmeno caricato le foto dell’ultimo viaggio al computer, iniziano lentamente a ritirarsi. Perdono interesse e il loro investimento si trasforma nell’ennesimo oggetto di arredamento della casa (e quindi si definisce un vincitore nella battaglia tra Smartphone vs fotocamere).

Già da qualche anno si potrebbe sostenere che le immagini degli smartphone sono spazzatura, che sono inutilizzabili per la fotografia seria. La realtà è che le vendite delle fotocamere sono in calo, perché non sono più interessanti per un utente comune.

L’iPhone 11 Pro ne è un buon esempio. Con le sue tre fotocamere, la sua capacità di impilare e media delle immagini per ridurre il rumore durante l’acquisizione di foto in ambienti poco illuminati, e altre nuove tecnologie, un consumatore tipico guarda ora all’iPhone come a uno strumento di acquisizione “abbastanza buono”. E ancora peggio con gli smartphone Huawei, che stanno lottando per divenire delle vere e proprie macchine fotografiche con funzioni da smartphone. Non da ultimo il Huawei P40 pro plus, dotato di 5 fotocamere postieriori dall’incredibile qualità fotografica.

Smartphone vs fotocamere: Le aziende di smartphone sono ora aziende di fotocamere

Mentre i produttori di fotocamere sono impegnati a cercare di conquistare le rispettive quote di mercato in calo, Apple è diventata tranquillamente un’azienda di fotocamere. Apple ha chiaramente speso molto tempo e risorse per rendere l’iPhone 11 Pro un grande strumento di acquisizione video e fotografiche, e non si fermerà a questo con future iterazioni. Huawei, Google e altri produttori hanno fatto lo stesso con i loro smartphone. Ora sono tutte aziende produttrici di videocamere.

Avete già visto copertine di riviste e cartelloni pubblicitari girati con gli smartphone, e questo è solo l’inizio. La prossima iterazione degli smartphone sarà caratterizzata da lenti 3D per valutare la profondità della scena. Immaginate cosa farà questo con la creazione di immagini – una volta calcolata con precisione la profondità del soggetto, l’isolamento dei soggetti diventerà ancora più facile (bokeh regolabile, qualcuno?), e la realtà aumentata diventerà molto più precisa. Gli smartphone aggiungeranno probabilmente ancora più obiettivi per colmare le lacune, e in futuro potremmo anche vedere teleobiettivi a scomparsa.

Mentre siamo impegnati a fissare le immagini con uno zoom del 400% per discutere su quale fotocamera sia migliore, quale obiettivo sia più nitido o quale sistema sia il migliore, Huawei, Apple, Google e altri produttori di smartphone stanno spingendo le loro risorse di ricerca e sviluppo verso fotocamere superiori nei loro smartphone. Una volta che gli smartphone passano da “abbastanza buoni” a “grandi”, vedremo il mercato delle fotocamere crollare di nuovo, questa volta con alcune gravi perdite lungo la strada.

Smartphone vs fotocamere: Ora è tutto sul software

È molto chiaro che l’hardware non è più il fattore di differenziazione tra i produttori di telecamere. Fino a quando non arriverà qualche nuova tecnologia e innovazione (cosa che molto probabilmente accadrà comunque prima negli smartphone), sono tutti in competizione praticamente allo stesso livello. Il gioco è passato al software ora, e il software è ciò che manterrà un’azienda in attività, o che porterà alla sua eventuale scomparsa.

Praticamente tutti i grandi progressi che vediamo negli smartphone hanno a che fare con il software. Intelligenza artificiale, apprendimento automatico, realtà aumentata, impilamento delle immagini, media delle immagini, HDR, bokeh simulato, luce simulata… sono tutti miglioramenti del software.

Ci entusiasmiamo per gli aggiornamenti del firmware, eppure i produttori di telecamere non riescono ancora a capire l’importanza di un software che funzioni correttamente nelle loro telecamere. Se guardassero a tutti gli altri settori, si renderebbero conto di quanto sia fondamentale rilasciare software e firmware aggiornati per i loro prodotti. Un cliente non dovrebbe essere costretto a comprare una telecamera completamente nuova solo per ottenere una nuova funzionalità software, che è semplicemente ridicolo, e un ricordo del passato. Queste tattiche di vendita creano solo diffidenza tra il produttore e il cliente.