Le mirrorless uccideranno le reflex?

0
135

L’annuncio della nuova macchina fotografica  D6 di Nikon ha suscitato un grande dibattito su Internet per quanto riguarda il dualismo tra le classiche DSLR e le mirrorless. E la domanda è sempre la stessa: le mirrorless uccideranno le reflex tradizionali?

La Minaccia al mercato delle DSLR

Cominciamo con una costatazione: gli smartphone hanno già preso una grossa fetta delle vendite delle DSLR entry level. Ma non è l’unico attacco al mercato delle reflex: un buon numero di fotografi che realizzano anche video si è già spostato sul mercato Mirrorless per le caratteristiche che dette macchine fotografiche offrono in termini di funzioni video, ma anche per l’AF senza soluzione di continuità ed il mirino elettronico. Le mirrorless uccideranno le reflex?

le mirrorless uccideranno le reflex
Fifaliana-joy / Pixabay

I fotografi di paesaggi e i ritrattisti si stanno muovendo un po’ più lentamente verso il mondo delle mirrorless, ma sicuramente è qualcosa che sta accadendo. L’avvento di obiettivi leggeri di alta qualità (ottimo per i paesaggi) e la Eye-AF senza soluzione di continuità su molte fotocamere mirrorless (ottimo per i ritratti) sono due delle forze trainanti di queste macchine fotografiche. Per non parlare della capacità di adattare i vecchi obiettivi, con caratteristiche come il picco di messa a fuoco nel mirino e l’ingrandimento che permettono di rendere di semplice uso anche vecchi obiettivi con messa a fuoco manuale.

Le mirrorless uccideranno le reflex: dove la DSRL ancora eccelle

Non è oro tutto ciò che luccica però: se le mirrorless sono preferibili in alcuni ambiti, il fotografo di sport, azione e vita selvatica continuerà ad amare incondizionatamente (per ora) la buona vecchia reflex: si tratta di fotografi che scattano azioni rapide, soprattutto eventi sportivi e foto naturalistiche. In questo mercato, credo che le DSLR non solo manterranno i loro clienti attuali, ma aggiungeranno nuovi membri al loro ecosistema, almeno per i prossimi 3-5 anni. In realtà, questo è proprio il motivo per cui si è svolto l’intero dibattito intorno alla Nikon D6.

Anche se le fotocamere mirrorless hanno apportato miglioramenti significativi alla fotografia d’azione anche se non è ancora ad un livello del tutto accettabile, è probabile che i fotografi sportivi e naturalistici potrebbero rimanere con le DSLR per un po’ di tempo. Ed il motivo è semplice: possiedono gli obiettivi più costosi sul mercato e hanno effettuato investimenti cospicui nell’ecosistema delle DSLR. Pensate alla Sony A9, la migliore fotocamera full-frame mirrorless per fotografi sportivi oggi sul mercato. Sony è presente sul mercato mirrorless più della maggior parte degli altri, da circa 5 anni. Quanti obiettivi per la fauna selvatica ha Sony oggi? Due zoom (100-400 e 200-600) e due lenti primarie (400 mm f/2,8 e 600 mm f/4). Non è male, ma le opzioni per i fotografi equipaggiati con Nikon e Canon sono semplicemente molto meno ampie.

Guardando alle future roadmap e agli obiettivi che si  Nikon e Canon dovrebbero immettere sul mercato delle mirrorless, non vediamo una tendenza particolarmente diversa. Per ora, le fotocamere con la più grande linea di teleobiettivi nativi sono (e saranno) le DSLR.

Ciò che molti fotografi vogliono è che giunga il giorno in cui i teleobiettivi Z-Mount nativi saranno uguali o possibilmente superiori a quelli di F-Mount: in attesa di quel giorno saranno pochi i fotografi che vorranno fare il passaggio di tecnologia

Ci sono anche altri vantaggi oltre agli obiettivi. Per i fotografi sportivi e della fauna selvatica, la velocità di messa a fuoco automatica e le capacità di tracciamento sono più importanti dell’effettiva nitidezza dell’obiettivo. Le fotocamere senza specchio stanno migliorando in questo senso, ma non hanno ancora raggiunto le DSLR

Inoltre, per i fotografi sportivi e faunistici, i corpi macchina più piccoli e leggeri di un sistema mirrorless sono probabilmente uno svantaggio. Molti fotografi naturalisti investono in una batteria esterna per controbilanciare il peso dei loro obiettivi anteriori (molto pesanti). Non c’è dubbio che una D5 o una D850 con impugnatura esterna (la battery grip) è più bilanciata con un innesco da 600 mm rispetto al modello Z7.

Anche i corpi delle Nikon D4, D5 e Canon 1DX sono costruiti per essere “ingombranti”. Il motivo è che il corpo macchina nelle mani di un fotografo sportivo professionista deve spesso subire molti maltrattamenti, e lo stesso vale per molti fotografi naturalisti. I sistemi mirrorless di oggi (non solo le macchine fotografiche, ma anche gli obiettivi) possono subire così tanti maltrattamenti? Probabilmente si, ma si tratta di una di quelle domande che ti fanno considerare le vecchie DSRL come migliori.

Ci sono anche alcuni altri vantaggi minori. I fotografi naturalistici devono smontare frequentemente i loro obiettivi sul campo, sia che si tratti di aggiungere/rimuovere un teleconvertitore o semplicemente di sostituire gli obiettivi. In ambienti polverosi, è bello avere lo specchio della DSLR per schermare il sensore, almeno ad un certo livello. Va detto che alcune macchine fotografiche, la Canon EOS R con la sua tendina di chiusura automatica dell’otturatore, risolvono questo problema schermando il sensore.

Infine, ma non meno importante, le prestazioni dell’AF. Sono certo che il sistema Z di Nikon e i sistemi R & RP di Canon impiegheranno almeno qualche anno i per arrivare agli stessi livelli di A7RIV o A9 di Sony. Ma a partire da oggi gli AF della D5 e della 1DX sono tra i migliori disponibili sul mercato, e certamente i migliori di Nikon e Canon. Questo è uno dei motivi per cui sono sicuro che ci saranno ancora molte persone che compreranno la D6: quasi certamente avrà prestazioni AF migliori della D5, per non parlare delle fotocamere Z che sono state rilasciate finora. E certo, la D6 è all’estremità più alta del mercato professionale, ma è anche vero che le sue capacità di messa a fuoco automatica hanno maggiori probabilità di passare nel tempo alle altre DSLR Nikon rispetto alle fotocamere mirrorless.

Il problema dell’ecosistema: le mirrorless uccideranno le reflex?

C’è un motivo per cui Nikon ha mantenuto la montatura F per 60 anni. La maggior parte dei fotografi professionisti Nikon ha un esercito di obiettivi F-Mount. A meno che e fino a quando qualcuno non li convinca che un nuovo ecosistema è migliore, non si separeranno dal loro setup esistente. Non sto dicendo che la gente si atterrà alle DSLR fino all’eternità, ma la maggior parte di noi avrà bisogno di una riflessione seria e di tempo prima di fare il salto. E di soldi, tanti soldi.

E anche quando arriverà il momento in cui le fotocamere mirrorless avranno un uguale arsenale di superteleobiettivi, non credo che le DSLR saranno completamente morte. I fotografi non si limiteranno a gettare via i loro obiettivi F-Mount o lasciare che raccolgano la polvere in qualche armadio. Li venderanno e, con il passare del tempo, li venderanno a prezzi molto più bassi. In questo modo gli appassionati andranno alla ricerca di questi obiettivi, e molti di loro potrebbero acquistare nuovi corpi DSLR per integrarli. Anche se l’ecosistema mirrorless crescerà, non significa che l’ecosistema DSLR dovrà ridursi proporzionalmente, anzi.