Come proteggere la fotocamera dal freddo: qualche consiglio utile

L’inverno è uno dei momenti migliori per catturare delle splendide foto. Si va dai paesaggi innevati agli sport invernali, dai ghiaccioli e laghi o specchi d’acqua gelati fino alle strade della città spazzate dal vento.

Purtroppo, le macchine fotografiche non sono così entusiaste dell’inverno. Queste sono progettate  per funzionare a temperature moderate, e anche se continueranno a lavorare a temperature molto basse, saranno particolarmente suscettibili a danni causati dal freddo.

Ovviamente esistono alcuni semplici accorgimenti che si possono prendere per proteggere la macchina fotografica digitale dal freddo. Questi accorgimenti potranno aiutarvi a mantenere operativo il più a lungo possibile il vostro strumento fotografico alle temperature fredde e ridurre le possibilità di causare danni permanenti alle apparecchiature.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----

Prendere batterie di ricambio

Di tutte le parti della vostra fotocamera, la batteria è di gran lunga quella che è più influenzata dalle variazioni di temperatura. Già i 10 ° C possono causare il dimezzamento della durata della della batteria, il che significa che in climi molto freddi potreste trovarsi in poco tempo senza energia.

Procuratevi almeno una batteria di riserva e tenetela al caldo, magari nella tasca interna della giacca o nella tasca anteriore dei pantaloni dove il caldo corporeo può aiutare a mantenere alta la temperatura della stessa.

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----

Per contribuire a prolungare la durata della batteria, disattivate tutte le funzioni della fotocamera non necessarie. Questo include lo schermo LCD, il flash, lo stabilizzatore d’immagine e la messa a fuoco automatica (ovviamente se possibile!). Non spegnete la fotocamera tra gli scatti: la quantità di energia consumata quando in modalità stand by è inferiore a quella necessaria per lo spegnimento (con tanto di vibrazione antipolvere sul sensore) e la successiva riaccensione.

sacchetto plastica

Quando sostituite la batteria, riponete quella eliminata in un posto caldo, come la tasca del pantalone di cui sopra. Dopo un po’, ristabilita una temperatura “decente”, la batteria esaurita vi potrà dare ancora un po’ di energia (quindi provate a riutilizzarla).

----- annuncio pubblicitario ----- ----- annuncio pubblicitario -----

Proteggete la fotocamera dalla condensa

Anche se le batterie scariche sono un fastidio, non si arrecano danni permanenti alla fotocamera. Lo stesso non si può dire di condensa, ovvero dell’umidità all’interno della fotocamera che può danneggiare i componenti elettrici e lasciare segni nella parte interna delle lenti (aloni o quelle fastidiose gocce “asciutte”).

La condensa si crea quando si passa da un ambiente freddo ad uno caldo e viceversa. Quando si scatta all’aperto in inverno, la condensa si crea soprattutto quando uscite di casa o quando a casa rientrate.

La prima cosa da fare è quella di garantire che eventuali variazioni di temperatura avvengano nel modo più graduale possibile. Un buon modo per farlo è lasciare la macchina fotografica in un ambiente intermedio, come un portico, il garage o in auto. Fate durare questo tempo per almeno un’ora: questo passaggio graduale, per quanto lungo, eviterà alla condensa di crearsi nelle lenti o all’interno del corpo macchina. Nel fare questo, rimuovete la batteria e tenetela in caldo per estendere la sua vita utile. Nel caso vi manchi materialmente un’auto o un ambiente più freddo, mettete la macchina fotografica vicino ad una finestra, riuscirete a ridurre di qualche grado la temperatura dell’apparecchiatura.

silica

Indipendentemente dal passaggio di cui sopra, si può comunque formare della condensa nelle apparecchiature. Per fortuna i fotografi hanno un trucco a disposizione per eliminare anche questo rischio: mettere la fotocamera in un sacchetto a tenuta d’aria, con una chiusura ermetica, e aggiungere al suo interno una bustina di gel di silica. I sacchetti Domopack vanno benone e la silica assorbirà l’eventuale condensa che si formerà all’interno dello stesso mantenendo la fotocamera all’asciutto. Ovviamente, al momento dello scatto, dovete tirare fuori la macchina fotografica dal sacchetto.

Imbottitura

Nella stagione fredda, plastica e vetro diventano più fragili il che significa che si rompono più facilmente. Visto che le telecamere sono realizzate quasi interamente con questi materiali, bisogna fare particolarmente attenzione alla propria attrezzatura.

Una borsa fotografica imbottita proteggerà la vostra attrezzatura in caso di caduta oltre che a mantenerla asciutta. Una borsa fotografica imbottita isotermica vi aiuterà anche a mantenere il tutto al caldo.

Quando rimuovete la fotocamera dalla borsa, assicuratevi di usare prenderla per il collo (attacco della lente al corpo e per la cinghia: il freddo può ridurre la vostra sensibilità e ancora peggio sarebbe se stesse indossando dei guanti.

Alcuni fotografi raccomandano di tenere la macchina fotografica sempre appesa al collo e coprirla con il cappotto quando non in uso. Tuttavia, poiché  l’aria accanto al corpo è più calda rispetto alla fotocamera, potreste creare problemi di condensa. Scartate questa possibilità, insomma.